Passa ai contenuti principali

Tarte au chocolat alle fragole e son 42!

Avevo altri progetti per festeggiare il mio 42° compleanno.
Sarei andata al lavoro, a pranzo avrei festeggiato con i colleghi al solito ristorante che ci accoglie tutti i venerdì da qualche mese a questa parte, una bottiglia di vino, una fetta di torta, quattro cazzate in compagnia e poi a casa dalla mia famiglia e avrei ricominciato tutto da capo.
Le cose sono andate in modo decisamente diverso. Ho lavorato, in smart working, mentre le mie figlie, sullo stesso tavolo, facevano compiti e disegni.
Poco prima di pranzo c'è stato un attimo di panico, dovevamo preparare la torta, ma non avevo farina in casa e non potevo uscire a comprarla e quindi ho messo insieme i fondi di ciò che avevo e ho frullato finemente delle mandorle per arrivare al quantitativo giusto. La frolla è venuta bene alla fine, molto buona e profumata.
Abbiamo quindi preparato insieme la torta, io e le bimbe, poi mi hanno dato i loro regali, Irene mi ha addirittura scritto una splendida poesia e poi ancora lavoro, cartoni e giochi.
Abbiamo aspettato che Filippo tornasse per ordinare una buonissima cena di pesce al Lungomare, ci tenevo che fosse comunque un giorno diverso dal solito. 
E poi finalmente abbiamo mangiato anche la torta.

Un compleanno diverso, ma pieno di affetto vicino e lontano. 
Un compleanno che mi ha fatto apprezzare quanto sia bello stare con le mie bambine che stanno davvero tenendo botta in modo esemplare in questo isolamento forzato.
Un compleanno che sicuramente festeggerò con gli amici più cari quando potremo incontrarci e abbracciarci.

Mio marito, visti gli ultimi tentativi disastrosi, ha deciso di regalarmi una friggitrice con cestello, dice che i miei fritti fanno cagare e non me la sento di dargli torto.
Nei prossimi giorni, dunque, riempirò questo blog di cibi fritti, siete stati avvertiti.


Ingredienti per uno stampo 11x35 e 8 pirottini
Per la frolla:
180 g di farina integrale
65 g di farina di mandorle
40 g di farina manitoba
100 g di burro freddo
90 g di zucchero a velo
2 g di sale fino
1 uovo
Per la ganache:
200 g di cioccolato fondente 
250 g di panna fresca
30 ml di miele d'acacia
20 g di burro
Per decorare:
200 g di fragole
zuccherini vari

Mescolate velocemente tutti gli ingredienti e formate una palla. Avvolgete l'impasto nella pellicola trasparente e mettete in frigorifero per almeno 1 ora a riposare.
Stendete la pasta in un rettangolo e foderare uno stampo da crostata. Bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta e mettete in freezer 5 minuti a raffresìddare. 
Coprire con carta forno e riempire con fagioli o pesi di ceramica, in modo che la pasta non si gonfi in cottura.
Infornate a 180° C per 15  minuti, poi togliete la carta forno e continuate la cottura per altri 10/15 minuti, fino a che la pasta non sarà ben dorata. e fate raffreddare completamente.
Nel frattempo preparare la ganache. 
Scaldate la panna senza portarla a bollore e versatela sul cioccolato tritato e mescolate fino a raggiungere i 35° C, poi aggiungete il burro e il miele e continuate a mescolare fino ad ottenere una crema lucida e liscia.
Fate raffreddare leggermente e poi versare nel guscio di frolla. 
Attendere che sia completamente fredda prima di porla in frigorifero.
Una volta rassodata la crema, decorate con le fragole tagliate in quarti e zuccherini vari.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo