Passa ai contenuti principali

Pain au chocolat con lievito liquido

Quando dicevo che avevo bisogno che le giornate durassero più a lungo, non intendevo che proprio non finissero.
Dai, adesso le giornate non finiscono mai e non perché mi annoio o non sappia cosa fare o come intrattenermi, no, non finiscono proprio perché non c'è modo di riposarsi.
Sono una smart workers, mi alzo presto, faccio colazione e il tavolo diventa la mia scrivania, alle 12.30 la scrivania viene liberata per il pranzo che devo pure preparare, per 4, un'ora dopo si torna a trasformare in scrivania e così fino a sera, poi si mangia di nuovo, c'è la cena da preparare e vuoi non stare un po' con le bimbe, prepararle per la notte, legger loro una storia?
Appena vanno a letto loro mi crolla addosso una stanchezza cosmica e mi trascino verso il letto per poi dormire giusto per quelle poche ore che mi portano alla giornata successiva, che ruota ancora intorno al tavolo della cucina.

Il tavolo è anche sede del mio unico relax della giornata, grazie a Chiara e alle sue stories su Instagram, sto impastando meraviglie, come questi pain au chocolat tanto apprezzati dalle mie principesse. 


Per 10 pain au chocolat
125 g di farina 00
125 g di farina manitoba
125 ml di latte
100 g di lievito liquido (o 6 g di lievito di birra)
50 g di zucchero
20 g di burro
1 uovo
1 pizzico di sale
70 g di cioccolato fondente
Per la sfogliatura:
125 g di burro 
farina q.b.
Per spennellare:
albume d'uovo 

Impastate 50 g di farina 00, 70 ml di latte e il licoli e fate lievitare per 3 ore coperto da pellicola trasparente.
Aggiungete tutti gli altri ingredienti ed impastate. Fate riposare in frigorifero per 40 minuti.
Mettete il panetto di burro tra due fogli di carta forno e stendetelo in un rettangolo, mettetelo in frigorifero a raffreddare per 20 minuti.
Nel frattempo stendete l'impasto in un rettangolo grande il doppio rispetto a quello di burro. Disponete quest'ultimo nella metà superiore e ripiegate la parte inferiore fino a coprirlo completamente, sigillate bene i bordi e ruotate il rettangolo di 90° in senso orario, poi stendete con il mattarello fino ad ottenere un rettangolo 40 x 20 cm.
Dividete idealmente il rettangolo in 4 parti, partendo dal lato inferiore, ripiegate fino alla metà del rettangolo, facendo combaciare bene i bordi, fate lo stesso con il lato superiore ed infine chiudete a libro, sempre ripiegando la parte inferiore su quella superiore e ruotate nuovamente di 90° in senso orario.
Stendete nuovamente in un rettangolo 40 x 20 cm e dividetelo idealmente in 3 part, ripiegate prima quella inferiore e poi quella superiore, facendo combaciare bene i bordi e ruotate di 90°.
Coprite con pellicola e mettete in frigorifero per 45 minuti.
Riprendete l'impasto e ripetete le pieghe a 3 per 3 volte, facendo sempre riposare 45 minuti in frigorifero dopo ogni giro.
Stendete la sfoglia in un rettangolo 45 x 35 cm e dividetelo in 10 rettangoli.
Mettete un bastoncino di cioccolato fondente alla base del lato corto e arrotolate.
Disponete ben distanziati su una teglia ricoperta con carta forno, se necessario su due e coprite con pellicola.
Fate lievitare per 8 ore.
Spennellate i pain au chocolat con albume d'uovo sbattuto e infornate per 20 minuti a 170°C. 
Spolverate, a piacere, con zucchero a velo.

L'impasto

Le pieghe

La lievitazione

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…