giovedì 9 febbraio 2017

"Zuppa tosco-napoletana" di Patty e il 2° raduno MTC

Il 2° radunodell'MTChallenge a Napoli è iniziato con i festeggiamenti di quella gran gnocca della Patty che, oltre che averci guadagnato la torta, se ne è tornata a casa con quel bel fusto di Jean Poll. 
Capito ste cinquantenni?

Cosa mi ha lasciato nel cuore il raduno e soprattutto la città di Napoli sto ancora cercando di capirlo, ho solo la certezza di avere una ferita aperta, che difficilmente riuscirà a rimarginarsi. 

Al momento cerco di colmare il vuoto con gli ultimi biscotti comprati all'asta per Piazza dei Mestieri e quelle poche cose che ancora ho potuto conservare con fare parsimonioso.

Questa ricetta racchiude tutto ciò che la 3 giorni partenopea ha significato per me e non ho dovuto inventare niente, l'ho trovata sul blog di Patty Andante con gusto, che con la sua "zuppa" di mezzi paccheri e bufala mi ha completamente stregata:
72 piccoli vulcani del Partificio Gentile abbracciati dal calore della community. vellutata e saporita come una crema di cannellini, capitanata dal fare deciso di colei che bacchetta e premia, un po’ dolce e un po’ amara, come il cavolo nero. Tutto magistralmente organizzato da un uomo con la scorza dura e il cuore immenso e tenero, come la mozzarella di bufala. Ovviamente non sono mancate delle dolci sorprese, come fili di cipolla caramellata. Il tutto contornato da uno spirito di severa cazzimm’, croccante e piccante al punto giusto, come i taralli ‘nzogna e pepe di Leopoldo e come solo la community dell’MTC sa fare.

Adesso ditemi voi, come si fa a non avere nostalgia?


Per la prima volta partecipo a The recipe-tionist ideato da Flavia del blog Cuocicucidici, perché non potevo non rendere grazia alla mia musa ispiratrice, alla quale rubo a tratti anche le parole.
Patty, aggiungiamo un’altra ricetta all’elenco delle già innumerevoli che sono venuta a prendere in prestito nel tuo piccolo spazio pieno di musica, poesia e buon gusto.

 

"Zuppa" di pasta, crema di cannellini, cavolo nero, cipolla e bufala

  
Ingredienti per 4 persone:
250 g di pasta Vesuvio del Pastificio Gentile
250 g di bocconcini di Bufala Campana Dop
250 g di cannellini
200 g di cavolo nero 
2 taralli ‘nzogna e pepe di Leopoldo
1 porro
1 spicchio d'aglio in camicia
3 foglie di salvia
1 rametto di rosmarino
olio extra vergine 
sale q.b.
Pepe nero macinato fresco
Per la cipolla caramellata:
1 cipolla di rossa  grande
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaino di aceto balsamico 
1 pizzico di sale
olio extravergine

Lasciare in ammollo i fagioli secchi per una notte in una ciotola colma d’acqua.
Metterli in una capiente casseruola, coprendoli con acqua per 2 volte il loro peso, aggiungete 2 foglie di salvia, lo spicchio d'aglio in camicia e portare ad ebollizione.
Una volta raggiunta l'ebollizione, abbassate la fiamma e coprire, lasciando aperto su un lato con un cucchiaio di legno.
Aggiungere acqua se necessario. I fagioli dovranno essere sempre coperti di acqua.
Salare solo a 20 minuti dalla fine della cottura e tenere da parte nel loro liquido. Dovranno essere morbidi ma non sfatti.

Preparare il cavolo nero.
Lavarlo bene, privarlo della costa centrale e affettarlo molto sottilmente.
In un larga padella di alluminio in grado poi di contenere la pasta, versare 3 cucchiai di olio extravergine ed il porro pulito e affettato sottilmente.
Far appassire a fiamma dolce facendo attenzione a non bruciarlo. Nel caso, aggiungere qualche cucchiaio d'acqua calda.
Una volta cotto, mettete un pizzico di sale, mescolare ed aggiungere il cavolo nero.
Stufare a fiamma dolce mescolando spesso. Continuare la cottura per circa 10 minuti, dovrà restare leggermente al dente.
Aggiustare di sale e mettete da parte.

Preparare la cipolla caramellata.
Affettare sottilmente la cipolla quindi versare un paio di cucchiai d'olio extravergine in una larga padella antiaderente.
Cuocere la cipolla a fiamma dolce, fino a che non sarà quasi trasparente, non meno di 10 minuti.
Aggiungere un pizzico di sale, mescolare, quindi aggiungere lo zucchero e l'aceto balsamico quindi alzare leggermente la fiamma e mescolare continuamente fino che la cipolla non sarà perfettamente caramellata.
Tenere da parte.

Preparare la crema di cannellini.
In un grande bicchiere per mixer a immersione, versare i fagioli il loro liquido, la foglia di salvia, una manciata di aghi di rosmarino, sale.
Frullare riducendo i fagioli in una purea fluida ed emulsionare aggiungendo un cucchiaio di olio extravergine. Passare a in un colino a maglie fini e tenere da parte.

Portare a bollore abbondante acqua salata in una pentola e cuocere la pasta per 8 minuti.
Intanto che cuoce la pasta, preparare i piatti di servizio.
Versare sul fondo del piatto un dito di crema di cannellini, disporre il cavolo nero al centro e la cipolla caramellata in un cerchio più esterno, in alternanza alla pasta. Ridurre i bocconcini di bufala in stracci non troppo grandi e disporli sul cavolo nero, in corrispondenza della cipolla.
Creare una cornice sul bordo più esterno con briciole di taralli e irrorare con generoso olio extravergine e chiudere con una bella macinata di pepe nero.
Servire immediatamente. Da mangiare con il cucchiaio.

9 commenti:

  1. Bellissimo post e capisco benissimo l'emozione che è ancora molto forte, certo sono passati i giorni e siamo state nuovamente catapultate nel quotidiano, però il ricordo di quei giorni intensi non possono che esserci amici
    Avere l'occasione poi di festeggiare tutti assieme la Patty con un compleanno così speciale è stata una vera chicca (che sia anche qui lo zampino del nostro maestro di cerimonie?)
    Torniamo a questa bellissima pasta che emoziona solo a guardarla bravissima veramente
    un grande abbraccio

    ps: anch'io sto centellinando i sapori di Napoli e del raduno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nel frattempo ho conservato solo un paio di Spitzbuben di Lucia, il resto è finito tutto. Sono abbastanza disperata.
      Manu, prima o poi arrivo, lo sai.

      Elimina
  2. Grazie innanzitutto per le belle parole (o mi stavi dando semplicemente metaforicamente della mozzarella? :-D :-p):-)
    Trovo che questa ricetta sia fantastica! Non sfigurerebbe in nessun ristorante e rappresenta davvero l'essenza di questo raduno che abbiamo vissuto assieme in maniera così intensa. Felice di aver condiviso un po' di tempo con te :-)
    Sperando di rivederci presto :-)
    Grazie.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bufalino del mio cuore...
      Felice io di non essere morta e di poter testimoniare ahahahah

      Elimina
  3. Ci hai messo tutto in questa zuppa, i colori di quel magnifico weekend, l'allegria di quei giorni insieme, la bontà delle tante mille cose che abbiamo mangiato, assaggiato e gustato, la condivisione che il raduno è ..così come è condivisione in poche parole THE RECIPE-TIONIST... la ferita aperta c'è per tutti mi sa, ed è che non possiamo vederci più spesso per poter passare più tempo insieme ... ma sai che c'è?? che noi siamo una forza tutti insieme anche a 1000-10000 km di distanza. benvenuta a THE RECIPE-TIONIST ... non ci mollare più adesso eh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raccontare del raduno, dopo aver letto il tuo post, mi sembrava davvero ridondante, poi la gente si annoia a leggere sempre la stessa cosa. A questo punto, ho deciso di far parlare la tavola e spero di esserci riuscita. A dire il vero poi è merito della patty che, avendo già fatto il giro di boa, lo aveva già previsto come sarebbe stato.
      Spero di non mollarvi più.

      Elimina
  4. È un post bellissimo! Trovo che sia intenso,reale e profondo con semplicità così come te che lo hai scritto. La ricetta è splendida evl'hai interpretata con maestria tesoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho voluto essere troppo smielata e proprio per questo non ti ho nemmeno citato in questo post, ma sai già <3

      Elimina
  5. Tu sapessi, cara Chiara, cosa ha significato per me Napoli. Lo scriverò presto perchè ho già pronta la mia pasta, ma l'emozione è ancora viva, palpitante. Qualcosa davvero difficile da spiegare.
    Ti confesso che la tua scelta mi ha dato un altro colpo al cuore. Questa è la ricetta con cui sono andata in finale alle Strade della Mozzarella e successivamente ho vinto, e come puoi ban capire ha un valore che trascende la bontà del piatto.
    Racchiude delle emozioni fortissime che, stranamente, si sono incrociate con le tue. Una ragione probabilmente ci sarà. O forse no, chi lo sa.
    In ogni caso, grazie, con tutto il cuore e grazie per quel poco tempo che abbiamo passato insieme a Napoli, purtroppo volante che quando si è in tanti, è difficile scandagliare a fondo una sola persona.
    Ti abbraccio fortissimo occhi belli.
    Pat

    RispondiElimina

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Related Posts Plugin for Blogger...