Passa ai contenuti principali

See you later alligator… mini cakes

Io: “Dimmi un po’, qual è il tuo dolce preferito?”
Lei: Diciamo che ci sono diverse cose per cui ucciderei… tra cui i tuoi macaron, ma il top per me è un classico intramontabile la SACHER TORTE. Cioccolata e marmellata. What else?”
Io: “Se riesco faccio qualcosa per domani”
Lei: “Tesoro a me basta un abbraccio”

Ana, sapevo che non mi potevo fidare e poi gli abbracci con te che sei alta 2 metri sono assai scomodi…
Cavia preziosa per i miei dolci esperimenti culinari, quale sei diventata, non potevo non salutarti in modo degno nel tuo ultimo giorno di lavoro qui.
Ti ho preparato la ormai storica Alligator Cake di Alessandra.
Non sarà una Sacher, ma a bontà di certo non ha nulla da invidiargli.

Sapevo che oltre al connubio marmellata/cioccolata, adori anche la salsa al caramello, quindi ho creato la mia personalissima versione di questa torta meravigliosamente morbida e burrosa per salutarti nel modo giusto.


So che ti mancherò, ma anche tu mi mancherai.



Ingredienti per 18 tortine o 1 stampo da 24 cm
200 g di burro morbido
200 g di zucchero semolato
200 g di uova (pesate con il guscio) a temperatura ambiente
200 g di farina 00
1 tazzina di caffè espresso (a temperatura ambiente)
la scorza ed il succo di una arancia non trattata (a temperatura ambiente)
30 g di cacao amaro
50 g di cioccolato fondente 85%
1 cucchiaino colmo di lievito per dolci.
Per la farcitura:
2 cucchiai d marmellata di albicocche con 70% di frutta
1 cucchiaio di acqua
Per la glassa:
90 g di cioccolato fondente 
2 cucchiai di salsa al caramello*
20 g di burro
2 cucchiai di acqua bollente




Mettere il burro a temperatura ambiente e lo zucchero nella ciotola della planetaria e montare fino ad ottenere una massa spumosa e chiara. Pulire i bordi della ciotola con la spatola per staccare il burro e continuare a montare fino a che lo zucchero non sarà sciolto completamente.
Incorporate le uova ad una ad una, in modo che il precedente sia ben amalgamato prima di aggiungere il successivo.
Versare il caffè, quindi la scorza ed il succo di arancia, continuando a montare.
Tritare il cioccolato con il cacao, facendo in modo che non si scaldi eccessivamente e aggiungerlo all’impasto montato.
Setacciare la farina con il lievito, quindi aggiungere anch’essi in 2 tempi, incorporando con una spatola con lenti movimenti dal basso verso l’alto.
Versate il composto negli stampi (io li ho foderati con i pirottini di carta colorati), infornare a forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Se si utilizza uno stampo unico, prolungare la cottura fino a 35/40 minuti, facendo la prova dello stecchino.
Far raffreddare una decina di minuti quindi capovolgere su una gratella e far raffreddare completamente prima di glassare.
Stemperare la marmellata di albicocche con un cucchiaio d'acqua. Utilizzando una piccola siringa senza ago, inserire la marmellata nelle tortine in 3 punti.
Preparare la glassa mettendo il cioccolato, il burro e il caramello in un pentolino e far sciogliere a bagno maria. Mescolare bene quindi aggiungere 2 cucchiai di acqua bollente e mescolare ottenendo una glassa lucida e fluida. 
Mettere un cucchiaino colmo di classa su ogni tortina e livellare, se si prepara una torta, quest’operazione non sarà necessaria, si dovrà versare la glassa al centro del dolce e questa colerà sui lati, coprendolo interamente.
Far raffreddare completamente e servire.

*Ricetta salsa al caramello:
150 g di zucchero
100 g di panna fresca
50 g di burro 

Mettere lo zucchero in un pentolino con un fondo spesso e farlo sciogliere a fuoco basso senza mescolarlo fino a che diventerà un caramello biondo, nel frattempo far bollire la panna e quando il caramello è pronto toglierlo dal fuoco e versarvi sopra poco per volta la panna bollente facendo attenzione ad eventuali schizzi, rimettere sul fuoco e mescolare fino a che sarà tutto perfettamente amalgamato, se dovessero formarsi dei grumi continuate a mescolare fino a che si scioglieranno, togliere dal fuoco ed aggiungere il burro, mescolare vigorosamente per farlo sciogliere e versare la crema in un vasetto e farla raffreddare. 


Commenti

  1. qualsiasi commento passa in secondo piano, alla vista dell'ultima foto. E pensare che una torta con un nome ridicolo possa averle ridotte cosi :) nel ritratto di una beata soddisfazione da' un senso ulteriore agli altrettanto beai cazzeggi nati da 'sto alligatore- alligatorni compresi :)
    Grazie di tutto!

    RispondiElimina
  2. Belli,buoni,goduriosissimi!!!! Te sei sempre bravissima amica. Le bimbe sono la meraviglia assoluta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …