Passa ai contenuti principali

Crostata di pesche e amaretti

Ecco, lo sapevo, è arrivato l'autunno! Ma quanta acqua è venuta giù tra ieri e oggi? 
Che il problema non si pone se si decide di passare il weekend in casa, ma quando si organizza una grigliata allora si che diventa importante.
Preparo un'ottima crostata durante un pomeriggio milanese caldo e soleggiato, si accende il fuoco per far la brace in una serata valdimagnina piuttosto umida e serena e ad un certo punto, giusto giusto quando si decide di grigliare le verdure in attesa che arrivino gli amici, giù secchiate d'acqua che avrebbe fatto straripare il Po.
Ma la grigliata non poteva essere rimandata, non avevamo pensato a comprare cibo alternativo e che fare di tutta quella carne? Braciole di agnello, cosce di pollo, tagliata di manzo, spiedini e puntine di maiale, si insomma, una varietà meravigliosa di fauna italica... 
Per fortuna questa cosa è stata ben capita anche ai piani alti, dove si è deciso, ad un certo punto, di donare nuovamente un cielo sereno privo di nuvoloni neri minacciosi.
E così abbiamo passato una bellissima serata tra amici, tra carne e verdure grigliate e un ottimo Barbaresco e poi... si, lei, la mia buonissima crostata di pesche e amaretti.


Ah, quasi dimenticavo, grazie al questo post di Alessandra di Menu Turistico ho comprato un grazioso e spero utilissimo libro di cucina "Frolla & sfoglia. Teoria e pratica dell'impasto" di Michel Roux. La ricetta della pasta brisé l'ho presa da lì e l'ispirazione per questa crostata mi è venuta guardando la sua crostata di mele. Ho cercato, laddove possibile di adattare a quella ricetta l'utilizzo di altri ingredienti. Tra un mese sicuramente proverò anche la ricetta originale.


















Ingredienti per 8/10 persone:
Per la pasta brisé: 
250 g di farina
150 g di burro 
1 cucchiaino di sale
1 uovo
1 cucchiaio di latte
un pizzico di zucchero
Per il ripieno:
900 g di pesche 
100 g di amaretti
20 g di burro
80 g di zucchero
acqua q.b.


Versare la farina a fontana su una spianatoia, mettere al centro il burro ammorbidito a pezzetti, il sale, lo zucchero e l'uovo, mescolarli e lavorarli con la punta delle dita.
Incorporare piano piano la farina, lavorando delicatamente l'impasto finché assume una consistenza grumosa.
Aggiungere il latte e incorporarlo delicatamente sempre con la punta delle dita finché l'impasto comincia a stare insieme.
Lavorare l'impasto verso l'esterno con il palmo della mano per 4 0 5 volte, finché non sarà diventato liscio, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e mettere in frigorifero fino all'uso.
Stendere la pasta con uno spessore da 4/5 mm e foderare uno stampo da 26 cm di diametro precedentemente imburrato ed infarinato.
Preriscaldare il forno a 200°, nel contempo tritare finemente gli amaretti.
Tagliare le pesche a metà, privandole del nocciolo e ricavarne delle fette sottili. Mettere 1/4 delle pesche in una casseruola con 20 g di burro e 40 ml d'acqua, far cuocere finché non si ammorbidiscono, frullarle creando una purea e far raffreddare.
Una volta fredda versare la purea sul fondo della tortiera e livellarla con un cucchiaio, spolverare con gli amaretti e disporre un giro di fette di pesca sovrapposte ed un secondo giro interno dal lato opposto. Continuare utilizzando tutte le pesche.
Infornare per 35 minuti.
Nel frattempo sciogliere lo zucchero in 40 ml d'acqua, portare ad ebollizione e far cuocere 4/5 minuti. Far raffreddare e spennellare la superficie della torta con la glassa.
Lasciar raffreddare la torta almeno 20 minuti.

Commenti

  1. buone le pesche con gli amaretti! deliziosa la crostat! ciao buona giornatat!

    RispondiElimina
  2. Uffiiii......ma xchè a te le crostate riescono sempre così bene ed invece io non ce la faccio a farne neanche una decente???? Bacio

    RispondiElimina
  3. Buona buona buona....e se gli amaretti li sbriciolo sopra?? Che dici?? Un bacio

    RispondiElimina
  4. @Gianni: io starei solo attenta che non brucino in cottura, quindi non li metterei subito o magari a crudo. Prova e dimmi che ne viene fuori :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo