Passa ai contenuti principali

Cruffins bigusto con lievito liquido

Giorni sempre più strani questi.
Ammetto di non esser mai stata da grandi effusioni, particolarmente amante del distanziamento fisico come sono, lo sa bene la mia amica Elisa, quanto abbiamo riso in passato sull'effetto "palo della luce" quando si avvicinava il momento degli auguri di Natale tra colleghi o di buone vacanze. Poco ci mancava che ci dicessimo "stenditi a terra e fingiti morta" 😂😂😂.
Quindi, a dirla proprio tutta, non mi fa soffrire questa prospettiva a lungo termine di distanziamento sociale.
D'altro canto, sto rivalutando e maggiormente coccolando dei rapporti che la frenesia quotidiana mi avevano fatto trascurare, per anni. 
Mi sento tantissimo con le mie amiche, tutte quelle che non hanno mai fatto parte del mondo virtuale legato alla cucina e tante di loro stanno creando e accudendo il loro lievito madre: Covy, Alfonsino, Pangolino, tanti nipotini che bisognerà veder crescere, nel tempo.
Qualcosa di buono lo lasceranno, questi giorni dedicati alla casa, alla famiglia, al buon cibo... resterà la voglia degli affetti, quelli reali, quelli tangibili, quelli che spesso la vita ci fa trascurare, quelli per cui "c'è sempre tempo".
Ecco, io terrò ben stretta questa voglia, anche quando questi strani giorni saranno finiti.

Ma torniamo all'argomento principe del post, perchè questo è pur sempre un blog di cucina e quindi... SI CUCINA!
Sempre per colpa di Chiara, che ogni giorno su Instagram rende semplice ciò che semplice non sembra, ho rimesso le mani in pasta, per fare queste strepitose coccole per la colazione.
Se non cambio le carte in tavola non sono contenta e quindi ho aromatizzato i suoi cruffins classici con spezie e cacao.
Una colazione perfetta per il giorno di Pasqua.



Per il lievitino:
100 g di lievito liquido
90 ml di latte
70 g di farina 00
Per l'impasto:
80 g di farina 00
150 g di farina manitoba
30 g di acqua
60 g di zucchero
30 g di burro
1 uovo
1 pizzico di sale
Per la sfogliatura speziata:
45 g di burro a pomata
1/4 di cucchiaino di cardamomo nero in polvere
1/4 di cucchiaino di cannella
1/4 di cucchiaino di anice stellato
Per la sfogliatura al cacao:
45 g di burro a pomata
1 cucchiaino di cacao amaro
1 albume per spennellare

Preparate il lievitino con 70 g di farina, il latte e il licoli e lasciate lievitare per 3 ore circa.
Nella planetaria, al lievitino aggiungete il resto delle farine, l'uovo, lo zucchero, l'acqua e iniziate a lavorare col gancio, infine aggiungete il burro e il sale e lavorate fino ad incordatura (sollevando un lembo dell'impasto e tirando verso di sé, si dovrà formare un velo sottile senza che la pasta si strappi)
Lasciate risposare per 4 ore coperto da pellicola non a contatto.
Una volta lievitato, dividete l'impasto in pezzi e stendetelo con il mattarello o meglio con la macchina per tirare la pasta, in sfoglie sottilissime, lunghe 35/40 cm e larghe 15 cm. 
Spennellatele con il burro aromatizzato, aiutandovi con un pennello e avvolgete la pasta su sé stessa formando dei cilindri, dovreste ottenerne 8, massimo 10.
Tagliateli a metà nel senso della lunghezza e annodateli su sé stessi lasciando la parte del taglio all'esterno.
Metteteli all'interno di pirottini o nello stampo per muffin e fate lievitare fino al raddoppio (con lievito liquido circa 6 ore).
Spennellate con albume d'uovo e infornate a 180° C per 20 minuti.
Una volta sfornati, cospargete a piacere con zucchero a velo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo