Passa ai contenuti principali

Tarte au citron meringuée e buon compleanno... a noi

Ci sono persone che arrivano belle belle, entrano della tua anima e ci si accomodano dando una benevola culata al loro vicino per farsi un po’ di spazio.
Con la loro birretta in mano se la ridono che è un piacere, sempre lì, dentro di te e la tua vita acquista un valore più grande.
Lei ha fatto così, si è insidiata molto più silenziosamente di quanto abbiano fatto altri prima di lei e sulla panchina, là nella mia anima, si è messa bella comoda. E fa baldoria! con quel suo accento toscano, quella risata contagiosa, quella semplicità disarmante e quell’acume sorprendente.
Sei lontana, sei vicina, sei dentro di me.
Buon compleanno gemellina, ti voglio bene. 


La ricetta di questa torta meravigliosa è di Eleonora del blog Burro e Miele.
Ne ho viste tantissime versioni in giro, ma ho scelto la sua, perché in questa data così preziosa per entrambe volevo fare degli auguri speciali ad un dono che la vita le ha fatto nel giorno del mio compleanno.
Auguri al piccolo Sébastien.


Ingredienti per uno stampo rettangolare 35x12 ca.
Per la frolla:
185 g di burro
4 cucchiai di zucchero
185 g di farina
80 g di amido di mais
Per il lemon curd:
4 cucchiai di farina
4 cucchiai di amido di mais
2 cucchiaini di buccia di limone grattuggiata
170 ml di succo di limone
250 g di zucchero semolato
310 ml di acqua
90 g di burro
4 tuorli, leggermente sbattuti
Per la meringa:
4 albumi
2 cucchiai d'acqua
180 g di zucchero

 
Scaldare il forno a 180°.
Per la pasta, lavorare lo zucchero con il burro fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungere la farina e l'amido gradualmente e impastare fino ad ottenere una palla. Riporla in frigorifero a raffreddare per un’ora. Stendere la pasta su foglio di carta forno leggermente infarinato, sarà si aiuto per spostare la pasta nello stampo da crostata rettangolare (o tondo, da 23 /24 cm di diametro), meglio se con il fondo amovibile. Con i rebbi di una forchetta, fare dei buchi sul fondo e i lati della pasta. Infornare in forno caldo a 180° tra i 20 e i 25 minuti, o fino a che sia dorata. Lasciarla raffreddare completamente.
Per il ripieno cremoso al limone, mettere in una pentola la farina, l'amido, la buccia grattugiata e il succo di limone, lo zucchero e l'acqua e mescolare fino a che il composto sia omogeneo e senza grumi. Portare la pentola sul fuoco medio e cuocere senza smettere di mescolare fino ad arrivare a bollitura e che la crema si addensi. Dopo i primi cenni di bollitura, ci vorranno circa tre minuti. Togliere quindi la pentola dal fuoco e aggiungere subito i tuorli e il burro, mescolando fino a che il burro si sciolga completamente. Lasciar raffreddare e poi versarla sulla pasta della crostata già cotta e fredda.
Per la meringa, mettere gli albumi e l'acqua in una ciotola e sbattere con forza o con la planetaria, fino a che cominci a indurire, versare quindi lo zucchero e continuare a sbattere il composto fino ad ottenere una meringa dura e brillante.Con una spatola, o con la sac à poche, se preferite, mettere la meringa sulla crema e infornare di nuovo a 180° per una decina di minuti, o fino a che la meringa sia dorata.Lasciar raffreddare prima di gustare, preferibilmente in frigorifero.


Alcune note:
-La frolla è senza uova, quindi molto friabile una volta cotta. Ho notato che facendola raffreddare in frigorifero raggiunge la consistenza perfetta per essere tagliata
-Io ho saltato  inizialmente il secondo passaggio della torta nel forno, cuocendo la superficie della meringa con il cannello, ma poi ho preferito comunque cuocere gli albumi per 15 minuti nel forno caldo a 100°
-Ho utilizzato il cannello per la prima volta, bruciacchiando alcune punte dei ciuffi di meringa, ma è stata un’esperienza fantastica. Mi trattengo dal portarmelo in ufficio solo perché è finito il gas!


-La torta nel suo insieme ha un equilibrio perfetto, per fortuna ho fatto una dose e mezza, perché è talmente buona che una fetta non basta!

Commenti

  1. Mi festeggi così è io ovviamente ci faccio anche un piantino! Ti voglio tanto bene ma stai troppo lontana,Ginetta mia! Ps. È la mia torta...ma che te lo dico a fare😉

    RispondiElimina
  2. Direi che ti festeggi con una signora torta :) Tantissimi auguri di cuore, Chiara, ogni parola di questo blog dice che bella persona che sei. Ne approfitto e mi unisco a te nel fare gli auguri a Sebastien :) Oggi è proprio una data speciale!

    RispondiElimina
  3. una vita che la voglio fare e non trovo mai l'occasione. Mi sembra perfetta, ma ti sei data alla pasticceria? Un bacione e tanti auguri a entrambe.

    RispondiElimina
  4. Chiara, ancora auguri, tutti meringati.
    è una cosa bellissima essere presente in questo modo. Ti stritolo, un po' commossa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…