Passa ai contenuti principali

La mia empanada gallega per il Club del 27

Sono giorni difficili questi.
Giorni in cui mi tocca decidere se scendere a compromessi che fan venire il mal di pancia o difendere degli ideali ad oltranza.
Ho sempre lottato per i miei ideali con fermezza e passione. Spesso avrei voluto che nel mio pedigree ci fosse anche la voce diplomazia, ma aihmè, quella non è mai stata una delle mie grandi doti. 
Stavolta però oltre che a difendere i miei ideali, mi sa che almeno un briciolo di diplomazia dovrà scendere in campo perché sarà importante raggiungere una sorta compromesso, pur con il mal di pancia, e aspettare i frutti di questa scelta sofferta.
Sono convinta che nella vita ci sia sempre una contropartita, è solo questione di tempo.


Domenica scorsa sono stata a fare un pic nic con Silvia, Massimo e le loro bimbe, siamo andati al Pertus, in Valle Imagna, la giornata non era molto soleggiata, ma il panorama che ci circondava era davvero mozzafiato. 
I colori erano vividissimi proprio per il cielo leggermente coperto.
Un'ottima occasione per cercare un po' di pace circondata dalle mie amate montagne. E un'ottima occasione per cucinare l'empanada gallega di Mai.
Segnatevi questa data, perchè il 27 di ogni mese vi proporrò una ricetta presa da un vecchio tema del mese MTC e lo farò accompagnata da tutti gli amici del Club del 27, che posteranno la loro ricetta sui loro blog alle 9 in punto. 
Praticamente un'invasione.


Il tema che è stato scelto per accompagnare la sfida che più vintage non si può, sulle terrine di Giuliana è Miss MTC pie.

Sul sito dell'MTChallenge potete trovare i link a tutte le altre ricette.



Ingredienti per 6 persone:
Per l’impasto:
500 g farina
15 cucchiai d’olio del soffritto
1 cucchiaino scarso di sale
1 cucchiaino abbondante di paprica dolce
5 g di lievito di birra
3 cucchiai di acqua (a temperatura ambiente)
Per il ripieno:
2 peperoni rossi
3 cipolle medie
150 ml d’olio evo
360 g di tonno
3 pomodori ramati
4 uova
sale


Sbucciare le cipolle, tagliarle a dadini piccoli e soffriggerle in abbondante olio a fiamma bassa per 3 o 4 minuti.
Mondare il peperone e tagliarlo a dadini, incorporarlo al soffritto di cipolla e cuocere una ventina di minuti.
Praticare un taglio a croce sui pomodori e tuffarli in acqua bollente per 30 secondi, poi scolarli e metterli in acqua ghiacciata. Spellarli e tagliarli a dadini, poi aggiungerli al soffritto. Amalgamare e cuocere ancora per una decina di minuti poi aggiungere il tonno e continuare la cottura per gli ultimi 5 minuti. Lasciar raffreddare poi scolare, in modo da raccogliere i liquidi del soffritto, che serviranno per l’impasto.
Mettere la farina a fontana in una ciotola capiente e fare un buco a centro. Versarvi tutti gli ingredienti, cominciando dalla paprica dolce, poi il sale, l’olio del soffritto e il lievito sciolto in un paio di cucchiai d’acqua a temperatura ambiente.
Impastare bene per una decina di minuti, fino ad ottenere un impasto elastico che non tende a rompersi quando si stende.
Fare una palla e lasciarla riposare coperta con un canovaccio pulito per mezzora.
Stendere la pasta in due sfoglie sottili, con una rivestire uno stampo leggermente unto e distribuire sulla sfoglia il ripieno.
Fare quattro buchi e versare all’interno di ognuno un uovo crudo o già sodo, a seconda dei gusti.
Chiudere con il secondo disco sigillando bene i bordi e poi piegandoli verso l’interno, poi spennellare la superficie con un tuorlo sbattuto.
Cuocere a forno caldo  a 180° per 45 minuti,  la superficie dovrà essere ben dorata.
Lasciar riposare qualche minuto fuori dal forno prima di sformare la torta e farla raffreddare completamente su una gratella.


Commenti

  1. Vabbè.... avete già mangiato tutto... chissà che buona :-D

    RispondiElimina
  2. Ginetta io ti insegno un pò di diplomazia, poca che troppa fa male. Ma te mi insegni a fare questa meraviglia e le foto bucolico più invitanti del web!

    RispondiElimina
  3. Avete messo tutte l'uovo. La prossima volta anch'io. Un abbraccio a tutti voi

    RispondiElimina
  4. Di questa torta mi piace la presentazione, gli ingredienti... tutto! Ero indecisa se farla, mi intrigava da morire! Bravissima, complimenti!
    Un bascio e buona settimana

    RispondiElimina
  5. Di questa torta mi piace la presentazione, gli ingredienti... tutto! Ero indecisa se farla, mi intrigava da morire! Bravissima, complimenti!
    Un bascio e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Allora, da dove posso partire? Sicuramente da qui per venire da te e mangiarmi una fetta di questa signora torta. Da giorni sbavo sulle foto che hai postato su fb. paprika, tonno, pomodori, peperoni... solo per questi potrei svenire. Poi voglio dire è così perfetta che quasi quasi riesco addirittura a sentirne il sapore anche osservandola solo dallo schermo. :-) La voglio!!!! ma poi mi piacerebbe mangiarmela immersa in quel paesaggio... insomma mi tocca venir li... parto da qui. Me ne lasci una fettina?

    RispondiElimina
  7. Bella presentazione...bravissima!! Da fare subito, un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Bella, bella, bella dentro e fuori! E poi le foto...meravigliose. Non commento la cucciola a bocca piena!!!Irresistibile!

    RispondiElimina
  9. Con questa empanada sarà stato un picnic difficile da dimenticare!!!

    RispondiElimina
  10. Bellissima versione, mi piace la presentazione, il colore e il ripieno, la farò molto presto, complimenti

    RispondiElimina
  11. woooow che bella cara...molto molto invitante!

    RispondiElimina
  12. SE l'è fatta fuori pure la biondina!!

    RispondiElimina
  13. Essere diplomatici non è per nulla facile...a volte ci si deve sforzare parecchio, ma credo che essere sempre se stessi aiuti a stare molto meglio, nonostante le lotte che si devono sempre fare per mantenersi coerenti. La tua empanada è bellissima e decisa, come sicuramente lo sei tu, le foto stupende, il fatto di condividere poi con le persone care fa tutto ancora più buono ...un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Essere diplomatici non è per nulla facile...a volte ci si deve sforzare parecchio, ma credo che essere sempre se stessi aiuti a stare molto meglio, nonostante le lotte che si devono sempre fare per mantenersi coerenti. La tua empanada è bellissima e decisa, come sicuramente lo sei tu, le foto stupende, il fatto di condividere poi con le persone care fa tutto ancora più buono ...un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ti è venuta una meraviglia, e l'idea del cuore intrecciato ci sta davvero bene. Ricetta perfetta per un picnic, soprattutto tar le montagne. Vedo che le bimbe hanno gradito. Per il resto, spero che essere diplomatica e scendere a compromessi porti ad un auspicato risultato.

    RispondiElimina
  16. wow la tua empanada è bellissima, mi piace tanto il cuore e la foto del ripieno fa una gola tremenda, bravissima

    RispondiElimina
  17. Hai scelto il miglior set possibile per la tua empanada, il prato sul quale bisogna mangiarla!

    RispondiElimina
  18. bellissima la Valle Imagna mi ricorda un w-e motociclistico di almeno 25 anni fa... ammmmazzza quanto tempo! Bellissimo panorama che con la tua empanada migliora ulteriormente...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo