Passa ai contenuti principali

Jam-doughnut muffins di Nigella Lawson

Se un uomo che vive dall'altra parte del globo prepara una ricetta super golosa pensando a te non puoi far altro che prepararla subito dopo per sentirne lo stesso sapore.

Biago, nel suo post, racconta dei bellissimi anni 90 in cui si chiamavano le radio per dedicare le canzoni a qualcuno di caro. Io l'ho fatto svariate volte su una radio locale Radio Lombardia. Roberto Ventura, in seconda serata, con la sua voce suadente e super sexi, conduceva una trasmissione chiamata Discoletto e dedicava 30 minuti e 6 pezzi al fortunato ascoltatore di turno che vedeva la sua lettera scelta tra millemila. A me capitò ben due volte, chissà dove sono finite quelle cassette in cui avevo registrato la trasmissione per poi riascoltarla all'infinito.

Grazie caro Biagio per avermi dedicato questi muffins super buoni e per avermi fatto fare un tuffo nel passato.

Per 12 muffins
125 ml di latte
85 ml di olio di arachidi
1 uovo grande
½ cucchiaino di estratto di vaniglia
200 g di farina
1 bustina di lievito 
100 g di zucchero extrafine
1 grattata generosa di noce moscata
12 cucchiaini di marmellata di fragole 
Per il momento magico “doughnut-style”:
100 g di burro non salato
150 g di zucchero semolato

Preriscaldate il forno a 190° C.
In una ciotola, unite il latte, olio, l’uovo e la vaniglia. Aggiungete i liquidi alla farina e allo zucchero semolato finissimo e mescolate per non più di 20 secondi.
Versate il composto in 12 pirottini per muffins fino a 1/3, aggiungete, al centro, un cucchiaino di marmellata di fragole, poi riempire con il resto dell'impasto.
Cuocete per circa 20 minuti.
Nel frattempo, sciogliete il burro lentamente in una padella dal fondo spesso o nel microonde per 30 secondi. Mettete lo zucchero in una ciotola larga e poco profonda. Non appena i muffin sono pronti, rimuoveteli dagli stampi, immergeteli nel burro e poi rotolateli nello zucchero.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…