Passa ai contenuti principali

Filetto di manzo arrosto con fagiolini, patate e scalogno caramellato


Qualche settimana fa Qualche mese fa ho comprato un bel filetto di manzo dal mio macellaio di fiducia, tipo un pezzo da 1 chilo!
Noi in famiglia siamo in 4, ma le due piccole di casa, seppur mangione, diciamo che non si servono ancora di grossissime porzioni.
Così quale scusa migliore per invitare il mio caro amico vegetariano Matteo, che ormai vegetariano non è più?
Sull'invito eravamo tutti d'accordo, ma... come lo faccio sto filetto? Cioè, quello di Teo è un rientro importante, quindi mica gli si può servire una semplice bistecchina ai ferri.  
Inizio a cercare in rete quello che offre la blogosfera. Niente, trovo solo roba banale dei soliti siti aggregatori, poi mi si accende una lucina.
Da lei so che posso trovare ricette ben fatte e poi è la maga dei fondi bruni, dei piatti importanti, avrà un filetto tra le sue ricette, no?
E il filetto l'ho trovato. La ricetta l'ho cercata alle 10 del mattino per il pranzo del giorno stesso, quindi diciamo che non poteva avvicinarsi minimamente alla ricetta di Bernd Siener proposta da Maria Pia, ma di certo mi ha ispirato, permettendomi di cucinare un piatto semplice, ma dagli accostamenti interessanti e assolutamente non banali.
 


Ingredienti per 4 persone:
700 g di filetto di manzo
1 mazzetto di aromi
olio extravergine
sale e pepe q.b. 
Per i fagottini di fagiolini:
150 g di fagiolini puliti del filamento
4 fette di pancetta tesa
Per gli scalogni glassati al vino:
8 scalogni
100 ml di vino rosso
100 ml di Marsala
10 g di burro
1 rametto di timo
1 cucchiaio di zucchero
Per le patate:
4 patate 
olio extravergine
sale e pepe q.b.
2 rametti di rosmarino 

Pelare le patate e lessarle per 5 minuti in acqua leggermente salata. Scolarle bene, condirle con olio extravergine, sale grosso, pepe e qualche rametto di rosmarino ed infornare per almeno 40 minuti a 180°, rigirando di tanto in tanto in modo che non attacchino ma facciano una crosticina croccante e ben dorata.

Sbollentare i fagiolini in acqua salata cuocendoli al dente, quindi scolarli e fermarne la cottura con acqua ghiacciata, per mantenerne inalterato il colore. Tagliare a metà per il lungo le fette di pancetta e usarle per avvolgere i mazzi di fagiolini.
 
Rosolare gli scalogni pelati ma interi nel burro, quindi sfumare con il Marsala e il vino rosso. Aggiungere il timo e lo zucchero, coprire e far cuocere a fuoco lento fino a completare la cottura degli scalogni e a ottenere una salsa sciropposa.

Togliere il filetto di manzo dal frigo almeno mezz'ora prima di cuocerlo. Condire con sale e pepe e massaggiare la carne. Legarlo con lo spago da cucina, mettendo all’interno dei rametti di rosmarino, salvia e timo quindi rosolare in padella con  un abbondante giro d’olio extravergine di oliva e una noce di burro.
Toglierlo dalla padella e adagiarlo in una pirofila, quindi infornare per 25/30 minuti a 170°: la temperatura al cuore dovrà essere di 53 °C, e devono rimanere un po' morbidi. Togliere il filetto dal forno, avvolgerlo in carta stagnola e farlo riposare per 10-12 minuti.

Rosolare in padella i mazzetti di fagiolini.
 
Riscaldare la salsa e gli scalogni. 

Disporre delle fette di filetto di manzo sui piatti e napparle con la salsa, mettere le patate, i mazzetti di fagiolini e gli scalogni glassati e servire.




Questa ricetta giace tra le mie bozze da più o meno un'eternità, non so se non osavo pubblicarla perché non si avvicina nemmeno un po’ al piatto da cui mi sono lasciata ispirare o perché la foto non mi piace per niente, adesso meno che mai, o perché effettivamente non ho mai avuto il tempo di scrivere il post. Fatto sta che adesso è arrivato il momento di far rifiorire un po’ questo blog al di fuori dell’MTC pubblicando anche altre ricette.
Se rifacessi questo piatto oggi sicuramente oserei un po’ di più, per lo meno nella presentazione, evitando di impiattare come farebbe la sciura Maria che è dentro ognuno di noi.

Commenti

  1. Urka, addirittura la cena di rientro dal vegetarianismo di un amico riconvertito!!!! Sono commossa Chiarina, davvero. Bravissima innanzi tutto per aver sostituito benissimo la salsa bruna: laddove io disperata avrei dato forfait, tu hai scatenato l'inventiva creando un piatto delizioso.
    Sono davvero onorata che tu sia venuta da me in cerca di ispirazione, e mi ha fatto sorridere la frase "è ora che questo blog fiorisca al di fuori di mtc": è esattamente la situazione del mio, e benché mi sia proposta di fare altrettanto, non ci sto riuscendo molto bene. :-)
    Un abbraccio, carissima e ancora grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo