Passa ai contenuti principali

Gnocchi di zucca e patate al Castelmagno

Andare in montagna da nonna Lucia ha sempre un non so che di rigenerante. 
Ovviamente sto pensando alle giornate di sole, come quella di ieri, dove si può godere del tepore primaverile camminando e ammirando i prati fioriti, pieni di primule colorate, viole e margherite. 
Guardando qua e là si scorgono anche ciuffetti di erba cipollina, che qui mica è tutta dritta come quella che si trova nelle vaschette del supermercato, è boccolosa e profumatissima ed è quasi un peccato non raccoglierla... come peccato è stato non raccogliere il tarassaco che tanto mi richiama la primavera, ma diciamo che con questa panzona che mi ritrovo non sarebbe stato il massimo arrampicarmi sui pendii che costeggiano la casa, armata di sacchetto e coltello... sarà aihmé per il prossimo anno.
In  compenso la nonna Lucia ha detto che se in settimana avrà la luna giusta ci andrà lei in "Missione Tarassaco".
Spero che la luna sia dalla mia parte e soprattutto spero che almeno un po' di quello che raccoglierà  la nonna raggiungerà la città e la nostra tavola smaniosa.
No, non l'ho dimenticata, Irene è ormai una piccola esploratrice, va a salutare le sue amiche galline, passeggia nell'orto, raccoglie (strappa) i fiorellini e si stupisce al passaggio delle formiche... poi si arrampica ovunque e io a correrle dietro per evitare che si ammazzi. 
E appena suonano le campane chiama la nonna a squarciagola e corre dentro casa "nonna beni, le pane... tenti"...
Adesso inizia a mettere le singole parole in fila per formare delle semplici frasi e io sono sempre più stupita di come cresca ogni giorno di più, facendo cose che mi sembrano impossibili per un esserino di 23 mesi, eppure...
È una gioia godere di questi momenti in una bella domenica di sole.

Il piatto che vi propongo non ha molto a che fare con la primavera, diciamo che è un modo per salutare definitivamente l'inverno in modo degno.


















Ingredienti per 4 persone:
Per gli gnocchi:
350 g di patate
200 g di zucca
150 g di farina 00
1 uovo piccolo
noce moscata
1 pizzico di sale
Per condire:
80 g di Castelmagno
50 g di latte
pepe q.b.


Sbucciare la patata e la zucca e farle bollire in abbondante acqua salata per 30 minuti. Farle raffreddare e ridurle in purea. Aggiungere la farina, l'uovo, il sale e la noce moscata ed impastare il tutto fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.
Io questa volta, per non usare più della farina che avevo messo nell'impasto, ho messo il composto in una tasca da pasticcere e ho formato gli gnocchi direttamente sopra la pentola di acqua leggermente salata in ebollizione, ottenendo gnocchi morbidissimi, in alternativa utilizzare il "metodo classico": infarinare il piano di lavoro e lavorare di volta in volta un po' di impasto formando prima tanti filoni dello spessore di 2-3 centimetri e tagliare poi gli gnocchi riponendoli su una superficie o un vassoio infarinato ad asciugare.
Tagliare il Castelmagno in pezzi non tanto grandi e farlo sciogliere con il latte a fuoco lento.
Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolarli e metterli nella padella della crema di Castelmagno per condirli bene. 
Impiattare e spolverare con una grattata di pepe nero appena macinato.

Accompagnare il piatto con un buon bicchiere di vino rosso, noi abbiamo bevuto un Rosso di Montalcino dei Tenimenti Angelini del 2010

Commenti

  1. tiro fuori la zucca dal freezer, adoro il castelmagno e li faccio per domani a pranzo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo