Passa ai contenuti principali

Spaghetti con le cime di rapa

Questa tossaccia proprio non mi vuole abbandonare.
Ho il divieto di uscire, ma ogni giorno devo fare almeno il tragitto casa-nido-casa per andare a portare/recuperare la topolina, che a tenerla in casa peggiorerebbe solo la situazione.
Stamattina però, complice l'assoluta mancanza di frutta nel frigo di casa, mi sono infilata nel bellissimo fruttivendolo che da pochi mesi hanno aperto proprio a pochi passi dal nido.
I pochi negozi della piazza del quartiere hanno notoriamente dei prezzi da paura, dal gioielliere si compra a peso d'oro (e ci può anche stare), dal ferramenta per rifare una semplice chiave bisogna fare un mutuo, anche il negozio di vestiti cinesi si è adeguato al caro vita e vende le ballerine come se si trovasse in via Montenapoleone e poi c'è lui, il vecchio fruttivendolo, che ha praticamente il negozio con le cassette di frutta che arrivano in mezzo al marciapiede, giusto giusto nella parte che si restringe, tant'è che quella rara volta che ha un cliente, si forma una coda di almeno 100 metri tra gli sfortunati passanti di entrambi i sensi di marcia. Il nuovo fruttivendolo invece si trova nella via adiacente alla piazza, due vetrine luminose dove espone la frutta creando di giochi di colori. I prezzi sono ancora "di lancio", abbastanza contenuti, e rispettano la stagionalità dei prodotti (per la serie, se vuoi le zucchine a dicembre le paghi 3,50 euro al chilo), ma presto aspetto un'impennata.
Per ora gongolo nel vedere il negozio sempre pieno e quell'altro sempre vuoto e assecondo la mia voglia, sempre presente, di cime di rapa. 

Spero di non spirare a causa di questa maledetta tosse e spero non mi venga il diabete a furia di ingurgitare latte e miele.


















Ingredienti per 2 persone:
750 g di cime di rapa (già pulite)
200 g di spaghetti
2 spicchi d'aglio 
1 peperoncino
olio evo
acqua q.b.

Lavare accuratamente le cime di rapa e tagliarle a pezzi, metterle a bollire abbondante acqua salata fino a quando non saranno diventate morbide.
Scolarle senza buttare l'acqua di cottura, nella quale andrà bollita la pasta.
Nel frattempo mettere dell'olio evo in un padellino con l'aglio intero schiacciato e del peperoncino (il mio intero perché molto piccante) e far soffriggere fino a quando l'aglio non sarà ben dorato.
Scolare la pasta, unirla alle cime di rapa e condire con l'olio.

Commenti

  1. buoooooooooooone!!!!!!!!!le ho fatte giusto giusto ieri con le cime di rapa importate dall'Italia!non parlarmi di prezzi di frutta e verdura perchè qui in Germany sono dei campioni: ho trovato le zucchine a 0.99 eu/kg. e gli spinaci a 7.00 eu/kg. da lidl....robe da pazzi!
    W L'ITALIA E LE RICETTE ITALIANEEEEEE!
    ps. mia nonna da buona pugliese mi aveva suggerito di far soffriggere anche un paio di acciughe sott'olio insieme a aglio e peperoncino....gli danno quel sapore in più!
    un abbraccio!
    ps2. il tuo blog è davvero carino!:o)

    RispondiElimina
  2. Kikina mia...guarisci presto!!!! Poi pero' mi prepari questo piatto meraviglioso???? :-)
    Un abbraccio gioia!

    RispondiElimina
  3. Ecco una bella ricetta per le cime in attesa di un piatto per il mezzogiorno di questa domenica :)
    Anche dalle mie parti c'è un un nuovo fruttarolo che ha un negozio carinissimo e mi piace fare spesa da lui :)
    Guarisci presto , un bacione grande, anche per la pupa

    RispondiElimina
  4. A me le cime di rapa piacciono tantissimo e sono una di quelle verdure che qui nei paesi baschi non si trovano quindi mi vien una acquolina a vedere i tuoi spaghetti Chiara!
    Rimettiti e coccolati :-)

    RispondiElimina
  5. che bella ricetta!!!!! Mi farebbe piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  6. Wooow mi hai fatto venire una voglia pazzesca di questi spaghetti! Adorooo! ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo