Passa ai contenuti principali

Crostata con ricotta e gocce di cioccolato

Sabato sera, per accompagnare la cena tutta siciliana a base di arancine ed insalata di arance e finocchi, ho deciso di fare una crostata mangiata a Palermo, nel bellissimo B&B Al galileo siciliano che ci ha ospitato.
Se fate una puntatina a Palermo e non sapete dove andare a dormire, vi consiglio questo posto, è molto economico e non proprio nel centro storico (dista 10 minuti a piedi dalla stazione, quindi comodissimo per chi, come noi, si sposta con il treno), ma l'ospitalità è fantastica e anche la struttura, pulita e ben ammobiliata. Ma il top è sicuramente la colazione, ricca di dolci fatti in casa, dai più classici cannoli con la ricotta a torte di vario tipo e poi c'è frutta, brioches, e anche il salato, per chi ama una colazione continentale.

Il secondo giorno ho assaggiato questa torta, di una bontà esagerata e non ho resistito, ho dovuto chiedere la ricetta. Francesca, la ragazza che l'ha preparata è stata contentissima e mi ha subito accontentata e per questo la ringrazio immensamente.




















Ingredienti:
Per la pasta:
300 g di farina 00
150 g di zucchero
100 g di burro
2 uova
scorza di mezzo limone
1 bustina di lievito
Per il ripieno:
560 g di ricotta di pecora
130 g di zucchero
70 g di gocce di cioccolato fondente

Preparare la pasta frolla lavorando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto morbido e liscio, formare una palla e metterla mezzora in frigorifero avvolta nella pellicola trasparente.
Nel frattempo preparare il ripieno con la ricotta setacciata e lo zucchero e amalgamare bene fino ad ottenere una crema molto morbida, infine aggiungere le gocce di cioccolato (io ho tritato il cioccolato grossolanamente al coltello).
Foderare una teglietta con carta da forno (la mia quadrata 25x25cm) e sbriciolare metà della pasta su tutta la superficie, dovreste riuscire a coprirla interamente, senza lasciare buchi.
Spalmare tutta la crema di ricotta e cioccolato sulla frolla e livellare bene la superficie e coprirla infine con la frolla rimasta sbriciolata.
Infornare a 180 per 35 minuti.

Commenti

  1. Lo sai che le crostate sono la mia passione? Questa con la ricotta è da segnare sul quaderno di *fare e rifare*...e da segnare pure il nome del B&B, Sia mai che il Martirio si convinca a portarmi in Sicilia!
    Buona colazione a tutti...
    Nora
    PS .il lievito nella frolla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta lo prevedeva, penso per creare un crumble più fitto una volta in forno.

      Elimina
    2. Anch'io metto il lievito nella frolla, Nora. Scusa Chiara, torno nei ranghi.

      Elimina
    3. Si 1/2 bustina

      Elimina
  2. Eccomi tornata al mio posto. La ricotta e un'altra di quelle cose che in Olanda non si trovano, non fresca almeno, e quelle confezionate vanno bene solo per qualche ripieno, non certo per le crostate. Però mi segno la ricetta e la frolla la rifarò sicuramente. Mi segno anche il nome del B&B, si sa mai...Buon fine settimana, a presto.

    RispondiElimina
  3. Quanti ricordi d'infanzia questa crostata. Da piccola mia zia la preparava spesso per i compleanni. Mi piaceva tantissimo. Da allora non la mangio più, però vederla qui mi ha fatto venire una voglia :D Grazie :)

    RispondiElimina
  4. Da noi, questa, si chiama cassata al forno ed è una vera bontà... Ma hai usato la ricotta di pecora? Perché è uno degli ingredienti fondamentali per la riuscita della crostata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, rigorosamente di pecora, l'ho comprata fresca dal formaggiaio :-)

      Elimina
  5. Chiara ciao sono qui per questa crostata che mi piace troppo e per chiederti scusa perché su un commento ti ho chiamata Claudia e mi dispiace aver sbagliato...
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. FAtta........... buonissima e semplice!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo