Passa ai contenuti principali

Busy-day chocolate cake senza uova e senza latticini

Un weekend così lungo proprio mi ci voleva. 
Giovedì sera, dopo una giornata piena di piacevoli incontri, sono tornata a casa e quasi non mi sembrava vero di non dover puntare la sveglia per il giorno dopo e ora che sto scrivendo il post, quasi non mi sembra vero che domani siamo ancora a casa!
Non pensare che sia andato tutto bene però, la mamma ha "deciso" che in clinica stava troppo bene e che a casa tutti i malesseri dovevano tornare e quindi siamo quasi punto e a capo, ma da parte mia c'è un'altra consapevolezza, quella di non poter fare più di così e che quindi prendersela e preoccuparsi non serve a nulla. 
Mi sa che lo ha capito anche lei, infatti si gestisce senza paura e ansie inutili.
Domani sarebbero dovuti venire a pranzo Perla, Simone e il piccolo Mattia, lei non può mangiare l'uovo perché il suo piccolino è allergico e quindi urgeva trovare un dolce senza uova. Mi è venuta in soccorso Stefania con la sua torta al cioccolato.
Ho raddoppiato la dose pensando alla colazione dei prossimi giorni e ho deciso di farcire la torta con confettura di pere bio (33% di zucchero), per mantenere la sua anima leggera seguendo comunque il consiglio dell'Araba di accompagnarla con qualcosa, perché il dolce ne avrebbe guadagnato.
Devo dire che la torta è deliziosa, morbidissima e per niente stucchevole e se penso che dentro non c'è nulla che possa nuocere al mio colesterolo e che si prepara in 10 minuti, mi sa che diventerà la mia colazione del futuro.
L'unica nota negativa è che domani alla fine il pranzo non si farà e quindi mi toccherà fare il sacrificio e mangiare entrambe le torte.



















da Everyday Food di Martha Stewart
(per uno stampo quadrato da 20cm oppure uno tondo da massimo 22cm)

Ingredienti:
170 g di farina
170 g di zucchero
250 ml di acqua
6 cucchiai di olio di semi
3 cucchiai colmi di cacao amaro
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 cucchiaio di aceto bianco 
1/2 cucchiaino di sale
Per la farcitura:
confettura di pere bio
Per decorare:
zucchero a velo q.b.

Ungere con poco olio la teglia antiaderente in cui si realizzerà il dolce. (io ho foderato uno stampo con carta forno bagnata e ben strizzata).
Versare la farina, lo zucchero, il cacao, il sale ed il bicarbonato in una ciotola, mescolandoli con un cucchiaio. Al centro versare quindi l'olio, l'aceto, l'estratto di vaniglia e l'acqua.
Mescolare velocemente con una frusta a mano e versare nello stampo.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 35-40 minuti.
Una volta fredda sformarla e tagliarla a metà, ricavando 2 dischi. Farcire quello inferiore con confettura di pere, ricomporre la torta e spolverare con abbondante zucchero a velo.

Commenti

  1. è vero, questo ponte è proprio una manna!

    certo che a leggere gli ingredienti di questo dolce si resta un po' stupiti: acqua, aceto... ma di martha, dell'araba e di te non si può che fidarsi e quindi lo proverò senz'altro!

    un abbraccio a te e alla tua mamma :)))

    RispondiElimina
  2. Grazie per averla provata, visto che goduria farla in due minuti senza sporcare nulla? Ed è pure leggera :-)

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. post da ricordare: in primis, per la pietra miliare della consapevolezza. I miei amici giuristi dei secoli passati dicevano che "ad imppossibilia, nemo tenetur"- e ti assicuro che ci son volte che bisognerebbe scriverlo chiaro e tondo sulla porta di casa. Ti aggiungo anche che alla fine, il troppo è sempre controproducente, anche quando ha il segno positivo davanti. Prova ne è che, appena ti sei messa il cuore in pace, la tua mamma ha trovato un suo equilibrio. Tu ora devi stare tranquilla, pensare a te e al tuo colesterolo ;-) e non preoccuparti di nulla. Tranne di sfornare queste prelibatezze, naturalmente :-)
    un bacione

    RispondiElimina
  4. è una ricetta che dovrò provare sicuramente anche io ;)

    RispondiElimina
  5. che maraviglia! volevo invitarti al mio contest che è iniziato ieri:
    http://dolcementeinventando.blogspot.it/2012/11/la-mia-ricetta-gioiello-il-mio-primo.html
    Spero che parteciperai!!!!
    Ale

    RispondiElimina
  6. ma com'è che non ha tenuto il mio commento???? :-(
    Tranquilla che la mamma piano piano riprenderà i suoi *ritmi* e questa torta... è mitica! Colesterolo tacitato, dietologa pure e... pure poca fatica... che cosa vuoi di più dalla vita????
    Io l'ho fatta già alcune volte per le merende sprint di Arc e mi sa che la rifarò presto per aver la scusa di farcirla con la mia nuova marmellata :-)
    Besos piccola
    Nora

    RispondiElimina
  7. Uhhh anche tu puoi fare parte, come me, del club dei killer degli alimenti! Questa ricetta è ottima!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo