Passa ai contenuti principali

Il pane dolce (con lievito liquido) e bentornata mamma

Oggi è un gran giorno, dopo ben 2 mesi di riabilitazione la mia mamma è finalmente tornata a casa.
Non che sia stata male là dov'era, super coccolata, accudita, voluta bene, il cibo le piaceva, ha fatto amicizia con le compagne di stanza, infermieri e dottori si sono prodigati per darle le migliori cure e non solo. 
Vorrei quindi ringraziare tutti coloro che hanno saputo donarle tanta umanità, come raramente si vede e che me l'hanno mandata a casa con tanta energia e positività e soprattutto che in questi 2 mesi hanno fatto riposare me, che ne avevo tanto bisogno :-P


















Ingredienti:
Per l'impasto:
250 g di farina manitoba
80 g di lievito liquido
62 g di acqua tiepida
62 g di olio evo
50 g di zucchero
5 g di sale
1 uovo
Per il ripieno:
marmellata di lamponi
1 mela renetta
uvetta q.b.
Per decorare: 
semi di papavero q.b.



Prima di tutto e importantissimo, setacciare la farina.
Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e far riposare una decina di minuti fino a far formare una schiuma. 
Mischiare la farina, il sale e lo zucchero e versarci il lievito e cominciare ad impastare (io con impastatrice), versare poi l'olio e per ultimo l'uovo fino a completa incorporazione. 
Lavorare fino a che l'impasto si stacchi perfettamente dalla ciotola, lasciandola pulita.
Lasciar lievitare fino al raddoppio (il mio impasto ci ha messo almeno 12 ore), poi sgonfiare l'impasto e tagliarlo in 3 parti.
Stendere la pasta formando 3 lunghi rettangoli e farcirli con marmellata di lamponi, la mela tagliata a piccoli tocchetti e l'uvetta. Richiudere i rettangoli su se stessi per il lungo, unirne i 3 capi e intrecciare.
Lasciar lievitare per altre 4 ore in un luogo caldo, poi spennellare con marmellata di lamponi diluita con un goccio d'acqua e cospargere di semi di papavero.
Infornare a 200° per 20 minuti.


Con questa ricetta e per la gioia di Eleonora e delle girls di MT, partecipo ancora all'MTC di ottobre

Commenti

  1. Auguri per la tua mamma, coccolala tu adesso con questa delizia!!!!!

    RispondiElimina
  2. EVVIVA LA MAMMA!!!!
    Un bentornato così... e vengo a stare a casa tua!
    Mi adotti?
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia piccola Nora, se avessi posto ti farei venire di sicuro!
      Per ora posso invitarti a cena un martedì o giovedì sera, Arc permettendo. Baci

      Elimina
  3. evviva per la tua mamma!!!
    ma quanto sei brava??!!??
    un abbraccio e buon weekend

    RispondiElimina
  4. Auguri alla tua mamma!!! Dopo 2 mesi sarà contentissima di essere tornata a casa, poi accolta da questo pane dolce sarà stata ancora più felice:):):):)

    RispondiElimina
  5. Sono contenta, a casa propria si sta nettamente meglio :-D
    Anche io ieri sera ho rimpastato ;-)

    RispondiElimina
  6. Finalmente a casa e in buona salute! :)))
    Un mondo di auguri!

    RispondiElimina
  7. Auguri a tua mamma, spero si riprenda del tutto! Non è facile trovare persone giuste nella sanità!
    Mi togli ora una curiosità?
    Perchè i tuoi semi di papavero sono blu???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà sono piselli, ma non dirlo a nessuno!
      (penso sia la luce del crepuscolo, ho fotografato quasi con il buio)

      Elimina
  8. Io sono super sparita dalla blog-sfera, ma tu non mi scrivi più su gmail... sob! Sono felice per il rientro della mamma, spero tu stia bene. Baci a tutti.
    Mari

    RispondiElimina
  9. son contenta per la tua mamma...bello che sia tornata e che tu l'abbia festeggiata con questo bellissimo pane

    RispondiElimina
  10. Contentissima per la mamma, e anche per te che hai riposato e hai sfornato tale meraviglia che ho anche assaggiato!!!! Era fantastica!
    Brava la mia Kikina!
    Un baciottone gioia!

    RispondiElimina
  11. e da ora in poi, solo cose belle. Io mi impegno da qui, con tutti i pensamenti positivi di questo mondo: perchè è ora di tirare un po' il fiato, per tutte e due.
    La foto parla da sola- ma che tu sei sempre più brava te lo dico lo stesso!
    grazie ancora e un mega bacione a tutti :-)

    RispondiElimina
  12. Sono felicissima per la tua mamma! Anche io come Ale prima di me, ti mando pensieri positivi per TUTTO!!
    Il tuo ripieno mi piace da morire, e la tua treccia fatta con il licoli...è stupenda.
    un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo