Passa ai contenuti principali

Il pane dolce del sabato (con lievito liquido)

Non mi era mai successo di mancare così tanto da questo blog, ho persino dimenticato il suo 2° compleanno, ma in effetti il 24 settembre ero in Sicilia, in vacanza, quindi poco male.
Ormai le vacanze siciliane sono un ricordo più che lontano, i 35 gradi, il sole, il sorriso di Stefania e quello del suo simpaticissimo marito, i cari amici siracusani e la maestosità fumante dell'Etna, adesso sono tornata a casa ma tanti impegni e pensieri mi hanno tenuto lontana dai fornelli e da questo mio piccolo spazio virtuale.

Prima di partire per le vacanze ho avuto il mio primo contatto con la cucina Kasher, con Michela e altre amiche blogger milanesi siamo state in un ristorante ebraico e abbiamo mangiato benissimo, prima di allora non ero consapevole che esistessero tante regole e rituali per approcciarsi al cibo. 
Adesso non è che io ne sappia molto di più, ma è stato interessante ascoltare i racconti di Michela e leggere le ricette di Eleonora, che per per l'MTC di ottobre ha proposto di preparare proprio una ricetta della tradizione ebraica, un dolce meraviglioso.
L'unica cosa di cui son stata subito certa, leggendo la ricetta di Eleonora, era che non avrei lasciato il mio piccolo Alfie a riposo, ormai non lo coccolavo da troppo tempo e aveva bisogno di essere preso un pò in considerazione.
Al primo impasto si è visto, mi sa che mi ha tenuto un po' il broncio, infatti la lievitazione è stata quasi nulla. Sono riuscita a non buttarlo, ho fatto dei biscotti ripieni, anche piuttosto buoni.
Con gli ultimi 200 g di Manitoba ho deciso di fare un secondo impasto, questa volta Alfie ha reagito meglio, anche se può fare di più e il risultato è stato più che soddisfacente, la colazione di queste mattine induce al sorriso.
Per il ripieno ho scelto di fare un mix con le cose che mi piacciono di più, ogni salsicciotto è stato riempito con ingredienti diversi: mandorle, cioccolato fondente e infine uvetta e mela e la treccia nel suo insieme è una goduria assoluta.



















Ingredienti:
Per l'impasto:
200 g di farina manitoba
50 g di farina di segale
80 g di lievito liquido

62 g di acqua tiepida
62 g di olio evo
50 g di zucchero
5 g di sale
1 uovo
Per il ripieno:
mandorle q.b.
cioccolato fondente q.b.
uvetta q.b.
1/4 di mela renetta

Per decorare: 
semi di sesamo q.b.

Prima di tutto e importantissimo, setacciare la farina.
Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e far riposare una decina di minuti fino a far formare una schiuma. 
Mischiare le farine, il sale e lo zucchero e versarci il lievito e cominciare ad impastare (io con impastatrice), versare poi l'olio e per ultimo l'uovo fino a completa incorporazione. 
Lavorare fino a che l'impasto si stacchi perfettamente dalla ciotola, lasciandola pulita.
Lasciar lievitare fino al raddoppio (il mio impasto ci ha messo almeno 8 ore), poi sgonfiare l'impasto e tagliarlo in 3 parti.
Stendere la pasta formando 3 lunghi rettangoli e farcirli con il ripieno, mandorle tritate in uno, cioccolato fondente tritato in un altro e uvetta e pezzetti di mela renetta nell'ultimo. Richiudere i rettangoli su se stessi per il lungo, unirne i 3 capi e intrecciare.
Lasciar lievitare per altre 4 ore in un luogo caldo, poi spennellare con tuorlo d'uovo amalgamato con un goccio d'acqua e cospargere di semi di sesamo.
Infornare a 200° per 20 minuti.

Mangiarne a volontà e shabbat shalom.

 Con questa ricetta partecipo all'MTC di ottobre... e ingrasso!













Vi lascio una foto delle recenti vacanze, un paesaggio quasi lunare, durante la discesa dall'Etna.


Commenti

  1. da anni non calpesto il meraviglioso etna che bello che è!!!!!!!!!!!
    Mi piace la tua accoppiata.
    ciao.

    RispondiElimina
  2. Un ripieno diverso in ogni salsicciotto....geniale!! E ci credo che sorridi mentre fai colazione. Bellissima la treccia, splendide le foto, anche l'ultima. Buon fine settimana, a presto!

    RispondiElimina
  3. brava kikina, ma la mela l'hai messa cruda? Si è cotta bene? Anche io avevo pensato alla mela o alla pera ma non sono sicura che poi si ammorbidisca bene! L'etna è uno spettacolo, come la foto che hai pubblicato!

    RispondiElimina
  4. Ma lo sai quanto mi mancano queste vacanze? Avere avuto voi (alcune di voi) blogger milanesi e non a casa mia è stato un sogno! Ma guarda che il dolce doppio fa il simpatico solo quando non siamo soli, di solito è odioso... quindi venite più spesso per salvarmi! :D
    Voglio confessarti una cosa, ho mangiato quasi metà impasto crudo, tanto era buono, quindi ci credo che i biscotti siano venuti una meraviglia!

    RispondiElimina
  5. Bellissima la foto, strepitoso il tuo ripieno e.... dolce come te!
    Sarebbe stato perfetto oggi per il nostro te.... ripetiamo?
    Un abbraccio intrecciato e fortissimo a te!
    Nora

    RispondiElimina
  6. WOW! Se continuo a guardare questi pani avrò ricette da provare per i prossimi sabati a venire!!
    Mi piace tutto, dall'idea di usare il lievito liquido, ai tre gusti di ripieno abbinati...la foto "lunare" poi è da incorniciare!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  7. mammamia Chiara, che bella trecciona! e poi i ripieni che hai scelto, sono proprio una dedica perfetta alle giornate dell'autunno :)

    RispondiElimina
  8. che bellezza! questi pani dolci del sabato sono uno più bello dell'altro, sarebbero da provare tutti!
    il lievito liquido sarebbe il licoli?
    benissimo ti è venuto, a maggior ragione.
    vedo che anche tu mele, ma con il cioccolato. accostamente particolare, mi incuriosisce molto

    RispondiElimina
  9. Stavolta, ti sei superata. Non solo i tre ripieni in un'unica treccia,ma anche il lievito liquido. Mi aspettavo qualche sperimentazione, in questo senso, ma non il primo giorno e non così concentrate :-)
    ma con te, non si può mai star tranquille :-)
    Ah, buon peso: è una figata pure la foto!
    Bravissima!
    sle

    RispondiElimina
  10. Exquisito y muy lindo me encanta,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  11. bella Kikina...che meraviglia!!!!
    le mie stanno lievitando...speriamo bene
    Un bacione

    RispondiElimina
  12. Mandorle, cioccolato, uvetta e mele... yummy!!! Un rientro alla grande!!!!

    RispondiElimina
  13. Che buono il pane dolce, fa tanto weekend...non so perché ma mi dona questa immagine. Il tempo per fare le cose e per potersele gustare.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  14. apperò...mi era sfiggito Kikkina...per il tè me ne fai uno uguale???? Baci

    RispondiElimina
  15. Difficile commentare, non so se cominciare ad applaudire l'uso del lievito liquido, o la creatività di aver usato tra ripieni differenti in una sola treccia. In reltà posso dire che il risultato finale è assolutamente perfetto.
    grazie!

    RispondiElimina
  16. Buono con il cioccolato! saluti golosi Marica

    RispondiElimina
  17. Un'accoppiata fantastica.... che belle l'etna... quella foto mi ricorda i miei primi giorni in sicilia... il primo posto dove mi ha portato mio marito!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo