Passa ai contenuti principali

Insalata d'orzo ai profumi dell'orto e Croazia (parte I)

Saremmo dovuti andare in Basilicata, ma purtroppo l'esame di diploma di Filippo è stato posticipato di una settimana, quindi niente coast to coast lucano.
La Croazia è stato un "ripiego", ma avevamo talmente adorato l'Istria due anni fa che l'idea di visitare il resto del paese era davvero allettante.
Siamo partiti dopo aver festeggiato il compleanno della mia mamma, il baule degno di un viaggio dei meridionali di 30 anni fa, due valigie di vestiti (che non abbiamo messo), un sacchetto di scarpe, la chitarra e una borsa frigo stracolma di verdure dell'orto, marmellata, zucchine sott'olio, si insomma, tutto quello che la Lucia ha avuto la bontà di donarci.
Già ci aspettavamo un viaggio lunghissimo e code chilometriche come l'ultima volta, ma con nostra enorme sorpresa non abbiamo trovato nessuno, abbiamo viaggiato fino quasi alle 4 di notte, passato il confine sloveno e poi quello croato ci siamo fermati a dormire in un'area di sosta tranquilla e all'alba abbiamo continuato il nostro viaggio verso il sud del paese, direzione Trogir.
Visto che era prestissimo abbiamo fatto tappa al parco nazionale dei laghi di Plitvice, una grande idea e non solo perché abbiamo evitato di fare nuovamente quasi 500 km se ci fossimo andati un'altra volta, ma perché il posto è davvero meraviglioso. Abbiamo camminato per quasi 4 ore attraversando tutti i laghi e i bellissimi boschi che li circondano, peccato solo che ci fosse davvero tanta gente e che il percorso sulle passerelle dovesse essere  fatto a ritmi serratissimi, pena la caduta in acqua per mano del vicino.
Arrivati a Trogir, in serata, non abbiamo avuto la forza se non per apprezzare il nostro piccolo appartamentino con camera, bagno, cucinotto e balcone, fare una piccola spesa per le cose indispensabili, mangiare e sprofondare in un sonno profondo fino alle 10 del mattino seguente... Questo è più o meno quello che ha fatto Filippo, io ho dovuto lottare con le zanzare, che hanno deciso di banchettare con il mio sangue nel bel mezzo dei miei sogni notturni e non sono riuscita a riaddormentarmi fino a quando, armata di strofinaccio e santa pazienza, non le ho spiaccicate tutte.


















Ingredienti per 2 persone:
180 g di orzo 
2 zucchine
1 peperone verde piccolo
1 carota
1 cipolla piccola
1 spicchio d'aglio

Mettere lo spicchio d'aglio in camicia a soffriggere in una padella con olio d'oliva. Aggiungere la cipolla finemente tritata e tutte le altre verdure tagliate a piccoli tocchetti e un pizzico di sale e far cuocere facendo attenzione che rimangano  croccanti. 
Nel frattempo bollire l'orzo in acqua salata e unirlo alle verdure una volta scolato.
Aggiungere dell'olio evo a crudo e far raffreddare prima di servire.

Avendoli in dispensa avrei aggiunto qualche fogliolina di menta e magari una grattata di pepe, ma anche così è buonissima.

Commenti

  1. bellissima la ricetta, adatta alla stagione e che belle le foto della croazia ^_^

    RispondiElimina
  2. Tutti le persone che conosco che sono state in Croazia sono tornate straentusiate! Deve essere un posto incantevole e dalle tue foto si vede :)
    Questa insalata è molto ghiotta!

    RispondiElimina
  3. bella insalatona, Kikina cara, ma di più il tuo racconto, in Croazia sono stata due volte anch'io, a distanza di anni e ne ho un ricordo molto bello, tanto!
    baci :))
    PS: ma la Lucia.. è forse la suocera?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo