Passa ai contenuti principali

I miei ravioli ripieni di uovo di quaglia per il Club del 27

Questo mese al Club del 27 si parla di uova e come poteva essere altrimenti a pochi giorni dalla Pasqua?
Abbiamo scelto un libro di Teri Lyn Fisher e Jenny Park, The perfect egg, che propone ricette a base di uova per tutti i gusti e per tutti i momenti della giornata, colazione, pranzo e cena. C'è una vasta scelta che spazia dai grandi classici a ricette totalmente nuove.

Io che non amo particolarmente le uova ho scelto un primo piatto: ravioli ripieni di uova di quaglia. La sfoglia tirata sottile con le foglie di prezzemolo ed un ripieno crema ai formaggi e tuorlo d'uovo di quaglia che resta cremoso dopo la cottura. Il taglio del raviolo, se cotto a dovere, dovrebbe avere l'effetto wow del tuorlo ancora cremoso.


Ingredienti per 4 persone
Per la pasta:
200 g di farina di semola di grano duro
2 uova
1 pizzico di sale
Foglie di prezzemolo fresche
Farina di semola per stendere
Per il ripieno:
150 g di ricotta
75 di mascarpone
1 tuorlo di uovo medio sbattuto
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di timo fresco tritato
2 cucchiaini di erba cipollina tritata
1 spicchio di aglio tritato
Sale e pepe macinato fresco
20 tuorli di uova di quaglia
1 uovo mescolato a 2 cucchiai d’acqua
Per la salsa:
1 (750 ml) bottiglia di Pinot Grigio
4 rametti di timo fresco
250 ml di panna fresca
140 g di burro freddo tagliato a cubetti
1 arancia scorza e succo
1 limone scorza e succo
Sale e pepe macinato fresco
Parmigiano grattugiato

Stendere l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato fino ad ottenere un rettangolo di circa 30x60 cm. Tagliare il rettangolo in strisce da 6 cm nel senso della lunghezza, ottenendo 4 strisce.
Disporre le foglie di prezzemolo su due strisce di pasta, coprire ogni striscia con un’altra striscia di pasta e stendere in una sfoglia sottilissima. Spolverare con la farina e coprire con pellicola fino all’uso.
In una ciotola impastare la ricotta con il mascarpone, il tuorlo d’uovo, il parmigiano, il timo, l’erba cipollina e l’aglio, condire con sale e pepe e mettere da parte.
Per fare il beurre blanc versare il vino in un tegame, aggiungere il timo e portare a leggero bollore. Cuocere per 12/15 minuti fino a quando non si sarà ridotto a 2/3 di tazza. Versare la panna e continuare a cuocere fino a quando non sarà ridotto ad 1 tazza.
Aggiungere il burro pochi dadini alla volta, fino a quando non sarà stato tutto incorporato.
La salsa deve essere abbastanza densa da velare il cucchiaio.
Aggiungere le bucce e il succo degli agrumi, mescolare bene e condire con sale e pepe.
Tenere in caldo a bagno maria fino all’uso.
Per preparare i ravioli.
Disporre le strisce di pasta sul piano di lavoro eliminando la semola in eccesso.
Disporre un cucchiaio di farcia ogni 5 cm su tutta la lunghezza di 2 strisce, facendo 12 mucchietti. Usando il dorso di un cucchiaino fare un buco in ogni mucchietto di farcia inserendo in ognuno un tuorlo di quaglia. 



Spennellare il contorno della pasta con l’uovo sbattuto e disporre sopra con attenzione una seconda striscia pressando tutt’intorno per eliminare eventuali bolle d’aria e sigillare i ravioli. Ricavare i ravioli con un coppapasta da 5 cm di diametro, dovranno risultarne 20.



Riempire una pentola d’acqua, portare a bollore, salare e far scivolare delicatamente i ravioli e cuocere per 3 minuti, la pasta diventerà opaca. Scolare i ravioli con una schiumarola e disporli direttamente suddivisi nei 4 piatti.

Versare la salsa calda sui ravioli, guarnire con zeste di agrumi, qualche fogliolina di timo, una spolverata di parmigiano e servire immediatamente.


Le proposte degli altri membri del Club le trovate sulla pagina MTC, vale sicuramente la pena spulciarle tutte ben bene e rifarle a più non posso.



E come al solito il pezzo forte di tutto il post, ovvero il banner di Mai, che ogni volta riesce a sorprenderci.

Commenti

  1. Ma che belli!!! Vengo a pranzo da te a Pasqua?

    RispondiElimina
  2. Bellissimi! Di sicuro effetto sulla tavola di Pasqua. :D

    RispondiElimina
  3. Sono veramente bellissimi, che figurone sulla tavola di Pasqua! Brava.

    RispondiElimina
  4. Ormai sei votata al sacrificio donnina mia, che lavorone hai fatto? sono stupendi.

    RispondiElimina
  5. Bellissima la decorazione della pasta

    RispondiElimina
  6. Questa sarebbe stata la ricetta che avrei fatto, se ne avessi avuto il tempo. Ma sbaglio, o non ti sono piaciuti?

    RispondiElimina
  7. Hai fatto un lavorone, ma direi che ne è valsa la pena.

    RispondiElimina
  8. Caspita, apprezzo da matti tutta la mole di lavoro per la ricetta!!!
    Bravissima, ciao

    RispondiElimina
  9. Ho preparato, tempo fa, qualcosa di molto simile, ma non erano da "wow". Dovrò provare i tuoi!

    RispondiElimina
  10. Stupendi, davvero bellissimi, complimenti :-)

    RispondiElimina
  11. Sono davvero molto belli! E l'effetto sorpresa è assicurato!

    RispondiElimina
  12. Che ricetta deliziosa! Non mi ero soffermata a tradurre questa ricetta ma deve essere una goduria. Bravissima cara

    RispondiElimina
  13. Questi ravioli mi hanno incuriosita davvero tanto. Il tempo di recuperare delle uova di quaglia e li provo!

    RispondiElimina
  14. Una delle ricette più impegnative ti sei scelta! Ma una da par tuo non teme certo queste prove. Bravissima

    RispondiElimina
  15. Stupendi! Una ricetta deliziosa :)
    Buona Pasqua

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo