Passa ai contenuti principali

Cake alla batata e arancia candita di Dauly

Finalmente l'ho trovato! L'angolino della casa con la luce migliore per fare le foto.
Bella luce, un mobile comodo su cui appoggiare i piatti, un muro bianco che fa da sfondo.
Ho anche un cavalletto nuovo, l'avevo scritto nella letterina a Babbo Natale e siccome sono una bambina buona...
Adesso manca solo di imparare a fare le foto, di quelle che ti lasciano a bocca aperta quando le guardi e ti fanno dire wow, quel piatto ha qualcosa di davvero speciale.
Mi succede sempre quando guardo le foto di Dauliana del blog Cucchiaio e pentolone, qualsiasi cibo lei fotografi, per me è magia, sfondi chiari, scuri, fotografie total white, caravaggesche, allegre e colorate, riesce sempre a rendere al meglio i piatti che cucina e fa sempre venire voglia di provarli. 
E se con la realizzazione del piatto, seguendo la sua ricetta, riesce sempre bene, non sempre lo stesso succede con la foto, che non mi soddisfa come vorrei.
Adesso correte a farvi un giro sul suo blog, perché lei è davvero una garanzia e dopo che avrete mangiato i suoi fantastici piatti (c'è davvero l'imbarazzo della scelta) rifatevi gli occhi con le sue foto.
La ricetta originale di questo cake la trovate qui, io ho fatto delle piccolissime variazioni, che non alterassero la natura del dolce.
Un dolce profumato e morbidissimo, per una colazione speciale.


Ingredienti:
200 g di farina 00
200 g di purea di batata arancione
100 g di zucchero di canna
60 g di sciroppo di scorza d’arancia candita*
100 ml di olio di semi
3 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 e 1/2 cucchiaino di cannella
50 g di scorza d’arancia candita tritata*
un pizzico di sale
zucchero a velo e succo d'arancia per la glassa

Accendere il forno e portarlo a 180°.
Ridurre in purea la batata precedentemente lessata, tritare finemente l'arancia candita, setacciare farina e lievito,
Nella planetaria montare con la frusta le uova con lo zucchero e lo sciroppo di arancia,
quando sono ben gonfi e spumosi unire a filo l'olio continuando a montare quindi in ordine aggiungere la purea, la cannella, l'arancia candita, l’estratto di vaniglia sempre montando,
rallentare la velocità della planetaria ed inserire la farina setacciata col lievito un cucchiaio per volta, quando sarà perfettamente inglobata versare il composto nello stampo e cuocere per 45-50 minuti, fare la prova stecchino e se occorre coprire con un foglio di alluminio e proseguire la cottura.
Sfornare, lasciare raffreddare, pareggiare la base e capovolgere sul piatto di portata,
Preparare una glassa con zucchero a velo e qualche goccia di succo d'arancia per decorare il dolce.

*Scorza d’arancia candita
2 arance (solo scorza)
250 ml di acqua
250 g di zucchero semolato

In una larga padella fare sciogliere lo zucchero con l’acqua, lavare e sbucciare le arance e mettere le scorze a fette nello sciroppo, coprire e cuocere a fiamma bassa per 45 minuti, scolare, mettere ad asciugare su una gratella e versare lo sciroppo in un vasetto.

Commenti

  1. Grazie a te per aver provato il dolce e per quello che hai scritto.
    Sono contenta che ti sia piaciuta e mentre leggevo il post mi è venuta l'idea di rifarla magari con dentro delle scaglie di cioccolato extra fondente e della farina di nocciole, che dici, ci proviamo? ;-)

    RispondiElimina
  2. Ma quanto sei produttiva amica mia! Questo dolce mi fa venire voglia di rifarlo subito!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …