Passa ai contenuti principali

Gnocchi viola su crema di asparagi, porri caramellati e Castelmagno

Non so come mi sia venuta questa passione per gli gnocchi ultimamente, prima non è che ne andassi proprio matta, forse perché ho sempre mangiato quelli industriali un po' gnucchi e stopposi.
Questa sera dovevano venire a cena Anna ed Elisa, 2 ex colleghe che per fortuna non sono diventate anche ex amiche e ieri sono andata al piccolo supermercato di quartiere per comprare qualcosina per la serata (cercavo la ricotta, non so per farci cosa).
Passo al banco della frutta e verdura e vedo gli asparagi in offerta, poi di fianco le carote nere e penso subito a degli gnocchi viola di carote nere e patate gialle con asparagi verdi, si insomma, un prato fiorito. Oddio, ma sono io che scrivo o i miei ormoni???? Prato fiorito??? Mi sa che sta gravidanza mi ha fatto diventare troppo bucolica!
Comunque, torniamo a noi, ieri mattina dopo il supermercato sono passata anche dal dottore, ovviamente era in ritardo e nell'attesa questa ricetta ha preso forma, l'ho appuntata sul cellulare e... 
...
...
...
stamattina Elisa ha scritto che è malata e quindi niente cena tra donne.
A Filippo, anche se non lo ammetterà mai, sono brillati gli occhi, già si vedeva con le gambe sotto il tavolo a mangiarsi tutto quanto, perché in effetti le patate e le carote erano già in pentola e gli asparagi già tagliati.
Gli gnocchi, come potete vedere, li ho fatti lo stesso, a pranzo e non a cena e con commensali diversi. Praticamente io e Filippo ce li siamo mangiati da soli, quasi tutti, salvando una piccola porzione per le foto. Ci sono piaciuti moltissimo, Irene invece non ha apprezzato, ma penso più per una questione di colori, lei non è ancora entrata nella sua fase bucolica, ha preferito pasta in bianco avanzata dalla sera prima.

Eli, Anna, prometto che farò qualcosa di altrettanto buono quando vi avrò alla mia tavola.


















Ingredienti per 4 persone:
Per gli gnocchi:
450 g di patate
150 g di carote nere
200 g di farina 00
1 uovo 
noce moscata
2 pizzichi di sale
Per la crema:
500 g di asparagi verdi
20 g di burro
2 cucchiai di panna da cucina
sale e pepe q.b.
Per guarnire:
1 porro
1 bicchierino di vermouth
20 g di burro
scaglie di Castelmagno
olio evo
pepe q.b.

Sbucciare la patata e le carote e farle bollire in abbondante acqua salata per 30 minuti. Ridurle in purea. Aggiungere la farina, l'uovo, il sale e la noce moscata ed impastare il tutto fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.
Infarinare abbondantemente il piano di lavoro e lavorare di volta in volta un po' di impasto formando prima tanti filoni dello spessore di 2-3 centimetri e tagliare poi gli gnocchi riponendoli su una superficie o un vassoio infarinato ad asciugare.
Pulire gli asparagi con un pelapatate eliminando la parte finale e i filamenti più duri. Dividere le punte dai gambi e tagliare questi ultimi a rondelle.
Mettere una noce di burro in una casseruola, aggiungere gli asparagi a rondelle, coprire con acqua, salare e far cuocere mezzora con il coperchio, aggiungere la panna e un'abbondante grattata di pepe e far ridurre per 3 minuti senza coperchio a fuoco medio. Frullare il tutto e tenere in caldo.Mettere una noce di burro in una padella e cuocere le punte di asparagi tagliate a metà a fuoco vivo. Cuocere per 5 minuti così da farle diventare croccanti. Salare e tenere da parte.
Nella stessa padella cuocere il porro tagliato a rondelle sottili, sfumare con un bicchierino di vermouth e cuocere a fuoco vivo fino a quando il liquido non sarà completamente asciutto.
A questo punto buttare gli gnocchi in abbondante acqua salata e scolarli con una schiumarola, una volta venuti a galla.
Impiattare mettendo la crema di asparagi sul fondo di un piatto, adagiarvi sopra gli gnocchi e decorare con punte di asparagi croccanti, porro caramellato e scaglie di Castelmagno.
Condire con un giro di olio evo e una grattata di pepe nero.

Commenti

  1. Che ricettina elegante e sfiziosa ^_^

    RispondiElimina
  2. Ma il mio commento e' arrivato?!?
    Dicevo che hai delle belle idee, non so come ti vengano perché io sono poco riflessiva sugli abbinamenti (e diciamolo, anche molto ripetitiva...). Bello anche il colore degli gnocchi, con i quali x altro non ho un buon rapporto: non riesco a farli, ma a mangiarli si, troppi :)
    Tra l'altro manca una cenetta tra donne, no?! Spero presto!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo