Passa ai contenuti principali

Baci alle mandorle, datteri e arancia, per la dolce Irene

"Ti tengo stretta, vicina al mio cuore... ma so che non mi appartieni." Kika

























Ingredienti per 15 baci:
Per il ripieno:
100 g di mandorle tritate
1 cucchiaino di scorza d'arancia grattugiata
1 e 1/2 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaio di Grand Marnier
succo di 1/2 arancia 
8 datteri
Per la copertura:
250 di cioccolato fondente 72%

In una ciotola mescolare le mandorle finemente tritate, i datteri privati del nocciolo e delle due estremità e tritati al coltello, lo zucchero di canna, la scorza d'arancia, il liquore e il succo di arancia fino a che tutti gli ingredienti non saranno bene amalgamati.
Formare delle palline con le mani schiacciando leggermente la base e ponendo sulla superficie l'estremità del dattero.
Mettere in frigorifero a raffreddare.
A questo punto è possibile iniziare con il temperaggio del cioccolato:
Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria fino a quando non raggiunge una temperatura di 45/50°; versare i due terzi del cioccolato una leccarda da forno molto fredda (o su un piano di marmo per chi ce l'ha) e portare velocemente la temperatura del cioccolato a 27/28°, come magistralmente spiegato da Annarita nel suo post; unire il cioccolato raffreddato al restante cioccolato portando la temperatura a 31/32°.

A questo punto è possibile iniziare a ricoprire il ripieno. 
Tuffare le palline nel cioccolato fuso scolare bene e mettere a raffreddare su carta forno.

Se riuscite a non mangiarli tutti intanto che raffreddano, regalateli.

Non avevo strumenti adatti al temperaggio del cioccolato, quindi il mio piano di marmo è diventato una leccarda da forno ben fredda; le mie spatole di metallo, spatole in silicone; la mia forchettina, una forchetta per arrosto; il termometro... per fortuna quello ce l'avevo, se no che disastro avrei combinato e invece...

Con questa ricetta partecipo all'MTC di febbraio, dedicata ai Baci

Commenti

  1. Hai mai sentito la canzone di Elisa dedicata alla figlia? dice esattamente quello che hai scritto nel biglietto. Mi fa sempre piangere. Il tuo bacio è profumato e dolce ricperto da cioccolato fondente a contrastare tanta dolcezza. In una parola: mi piace. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'avevo mai sentita, adesso ho letto il testo e ho i brividi... penso sia la cosa più difficile dell'essere mamma.

      Elimina
  2. Meno male che avevi il termometro, quello è davvero indispensabile; per il resto ci si arrangia con quello che si ha! Immagino il profumo dei tuoi baci con arancia, datteri e Gran Marnier! C'è davvero il pericolo che finiscano ancor prima che il cioccolato si raffreddi! Ciao

    RispondiElimina
  3. La frase che hai dedicato alla tua piccola mi ha emozionata. È una cosa alla quale penso spesso, e che mi rimanda alle riflessioni sui figli scritte nel libro Il profeta: l hai letto?
    Belli e buoni anche questi tuoi baci!

    RispondiElimina
  4. Anche tu mandorle e arancia, come me...ma il dattero io non ce l'ho! E pensare che mi piacciono così tanto...quasi quasi la prossima volta li provo! :-)
    Ciao,
    Alice

    RispondiElimina
  5. io son quella a cui non piacciono i datteri.
    E neppure i commenti cretini, del tipo "mmmh, me li mangerei tutti"
    E allora, com'è che non riesco a non pensare che "mmmhhh, me li mangerei tutti???"

    RispondiElimina
  6. Adoro i datteri, i dolci ed adoro te e la tua bellissima bimba.
    Grande questa ricetta e verissima questa stupenda frase d'amore.
    Nora

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…