Passa ai contenuti principali

Torta di mele e more

Io forse sono malata, ma le vacanze in albergo in totale relax proprio non mi piacciono.
Il relax vero per me è avere anche una cucina a disposizione, che non deve essere necessariamente una grande cucina, bastano anche un fornello e un frigorifero (come lo scorso anno in Croazia), oppure se si ha davvero fortuna, si ha a disposizione una cucina super attrezzata con cose che a casa non hai e vorresti avere capitoFilippolaprossimavoltacheregalomidevifare?!
E quindi, mentre tutte le persone normali cercherebbero i migliori ristoranti, io appena arrivata in un posto nuovo cerco i migliori supermercati... E complice un primo pomeriggio un po' nuvoloso e mare mosso, siamo andati a fare la spesa.
Appena ho visto le mele ho agguantato il sacchetto e l'ho messo nel carrello, saranno stati almeno 3 chili, tanto che Filippo, terrorizzato, ha pensato che fossi di nuovo incinta, ma io invece già pensavo di coccolare il mio maritino con tante buone torte per la colazione.
Ne ho fatte 3 diverse, con mele e noci, mele e cacao (senza uova, ma non ero tanto soddisfatta) e poi l'ultima con mele e more raccolte in uno dei nostri giri nell'entroterra ligure.

Adesso le vacanze sono finite, siamo partiti mercoledì sera e dopo una fantastica ed inaspettata cena vista mare a base di rostelle (arrosticini di capra) con amici, ci siamo messi in strada.
La serie di curve sui viadotti liguri sembrava interminabile, io manco a dirlo mi sono addormentata, ma ci ha pensato una volpe d'improvviso in mezzo all'autostrada a risvegliare ogni singola cellula del mio corpo, facendomi prendere uno spavento pazzesco. Per fortuna a cara vecchia volpe, non a caso furbissima si è spostata, si, i suoi grandi occhioni catarinfrangenti hanno fatto dietro front all'ultimo secondo, prima di finire spiaccicati sul nostro paraurti.
La fortuna però ci ha abbandonati sull'uscio di casa, il rubinetto dell'acqua, chiuso per 10 giorni, non ne ha voluto sapere di riaprirsi e permetterci di fare una bella doccia calda rigenerante, grazie al cielo era rimasta un po' d'acqua in una bottiglietta e sono riuscita a lavarmi i denti e ad andare a letto sfinita, erano già le 3.
Oggi l'acqua dovrebbe essere ripristinata, non preoccupatevi però, casa di mia mamma è qui vicino, la doccia siamo riusciti a farcela!



Ingredienti:
300 g di farina 00
250 g di yogurt cremoso
100 g di zucchero
100 g di burro
3 uova
2 mele
1 bustina di lievito
latte q.b.
more

Mescolare tutti gli ingredienti secchi in una terrina, aggiungere le uova, il burro fuso e lo yogurt, mescolare bene e se necessario aggiungere anche un po' di latte. L'impasto deve risultare molto morbido.
Eliminare il torsolo delle mele con un levatorsolo, così rimarranno intere e affettarle finissimamente con una mandolina, senza sbucciarle.
Foderare uno stampo con carta forno bagnata e strizzata e spolverizzare con dello zucchero, e disporre su tutta la superficie metà fette di mela.
Coprire con metà dell'impasto, cospargere la superficie di more, coprire con il restante impasto e fare un'altro strato di mele e infine spolverizzare di zucchero.
Infornare a 180° per 50 minuti.




Commenti

  1. Mele e more, tuffate nella torta.... ed io continuo ad. Ingrassare!
    Capisco il vostro spavento, quando torniamo dalla montagna andiamo pianissimo da quando, dal folto della macchia, un cinghiale con 2 cuccioli, ci si parò innanzi .
    Buon inizio settimana!
    Nora

    RispondiElimina
  2. io adoro i dolci con more e mele...
    sono deliziosi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo