Passa ai contenuti principali

Riso patate e cozz' di casa mia

Ci sono piatti che ti fanno pensare a delle persone in particolare e riso patate e cozze mi fa pensare alle mie vacanze a Barletta a casa di zia Dora.
Una zia conosciuta in età adolescenziale, moglie del mio zio preferito, Michele, morto ormai 20 anni fa, dei cugini lontani che vivevo poco e per questo tanto adorati. 
E poi delle ricette semplici e genuine, i sapori di casa, quelli che si hanno nel dna e che si riconoscono sempre.
Questa è la versione di riso patate e cozze che si prepara nella mia famiglia, semplice, senza verdure e senza ingredienti strani, ma a me è così che piace.

E dopo un mese di stop, giusto perché avevo una cosina più importante da fare, ritrovo con piacere i pazzi dell'MTC con una ricetta che sento mia, anche se un po' diversa da quella preparata da Cristian.


















Ingredienti per 4 persone:
1,5 kg di cozze
250 g di riso
250 g di pomodorini
100 g di pecorino
6 patate medie
2 cipolle piccole
olio evo
sale e pepe q.b.

Per prima cosa pulire bene il guscio delle cozze dalle incrostazioni ed eliminare il bisso. Aprire le cozze a crudo con l'aiuto di un coltellino (per chi non lo avesse mai fatto potete prendere ad esempio questo video) e conservarne l'acqua.
Sbucciare le patate e tagliarle a fette sottili, affettare le cipolle e condire il tutto con olio, sale e pepe.
Fare un primo strato di patate e cipolle in una pirofila, coprire con le cozze ancora nel loro mezzo guscio e aggiungere tutto il riso a crudo in uno strato sottile.
Tagliare i pomodorini a spicchi e metterne metà sopra il riso, spolverare con metà del pecorino e salare leggermente.
Fare un secondo strato di cozze  e poi di patate e cipolle.
Bagnare con l'acqua delle cozze precedentemente filtrata fino a coprire tutti gli ingredienti e se necessario aggiungere altra acqua.
Finire con i restanti pomodorini e con abbondante pecorino. 
Aggiustare di sale e pepe e condire con un filo d'olio evo.
Infornare infine a 180° per circa 35/40 minuti.

Con questa ricetta partecipo all'MTC di maggio

Commenti

  1. ne ho sempre sentito parlare ma purtroppo non ho mai avuto il piacere di assaggiare questo buon piatto !
    bella tradizione culinaria....

    RispondiElimina
  2. Ebbrava la mia Kikina.... anche se io con le cozze proprio non ce la faccio....!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Immagino quanti bei ricordi ti legano a questo piatto!
    Fabio

    RispondiElimina
  4. i piatti legati ai ricordi, i piatti "del cuore", sono sempre i migliori! ;)

    RispondiElimina
  5. brava, si vede che e' una ricetta "tua"!!
    e la cosina importante come sta???
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
  6. A parte la cosina importante (che è meravigliosa assai) questa tiella è veramente degna di nota. I sapori dei ricordi si intuiscono dalle tue foto spettacolari. La tradizione si perpetua nelle case di ognuno di noi, con buona pace di chi non si accontenta.
    Bacioni
    Nora

    RispondiElimina
  7. Ciao Kika!
    Sarà anche diversa da quella preparata da me ma sicuramente molto buona lo stesso, come tutte le mille varianti di questo piatto che vengono cucinate in tutta la Puglia.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
  8. una variazione sul tema fa piacere, certo! Bella anche la tua versione di casa. Grazie di averla condivisa
    Dani

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo