Passa ai contenuti principali

Torta all'arancia e cioccolato e un altro passo avanti

Che questo fosse un periodo pieno di bellissime di novità, lo sapete da tempo, ma è bello quando le cose cominciano a concretizzarsi, a prendere forma.
Io e Filippo abbiamo comprato casa, il nostro amorevole bilocale a lungo andare sarebbe stato troppo piccolo per ospitare con comodità anche la piccola Irene (per carità, se non ci fosse stata altra possibilità ci saremmo assolutamente adattati) e quindi il mese scorso ci siamo detti che CON CALMA avremmo potuto iniziare a guardare qualche casa in zona, ci eravamo dati 3 anni di tempo, per scegliere proprio quello che volevamo. 
Poi una mattina sono andata a fare le analisi del sangue e ho incontrato Stefano, andavamo all'asilo insieme, ora lui fa l'agente immobiliare, e così pour parler gli ho chiesto se aveva qualcosa di carino da farmi vedere.
Ci siamo incontrati il sabato successivo per visitare un appartamento appena ristrutturato. Mi aspettavo un appartamento al 6° piano e viste le mie forti vertigini volevo vederlo solo per pura curiosità, per farmi un'idea sui prezzi, sulla tipologia di appartamento che mi sarebbe piaciuta, ma poi sull'ascensore scopro che si era sbagliato, l'appartamento si trovava addirittura all'8° piano!!!
Ovviamente nella mia testa ho escluso qualsiasi possibilità di acquisto, ma poi siamo entrati in casa e siamo stati subito invasi da una luce incredibile, e poi le stanze così grandi, così curate, così ben disposte, il bellissimo parquet in tutta la zona notte, il gres nella zona giorno e poi quelle belle porte... 
Ho iniziato ad arredarla mentalmente e il risultato mi è piaciuto tanto.
La vista dal balcone poi era mozzafiato, si vedevano tutte le montagne e gran parte degli edifici della città, senza niente ad ostacolare il vagare dei nostri sguardi.
Ne abbiamo parlato, abbiamo fatto conti su conti e alla fine abbiamo deciso di fare la nostra proposta per l'acquisto e sabato abbiamo fatto il compromesso e presto ci andremo ad abitare!

Abbiamo deciso di festeggiare con alcuni dei nostri amici e li abbiamo invitati a pranzo e strano ma vero, mi è anche venuta una buonissima torta.
L'ispirazione l'ho presa da Elena del blog Saltando in padella, ho fatto qualche piccola variazione, qualcuna consapevole, altre no :-P
Per fortuna ne è avanzata un po', così continuerò a gioire a colazione per un paio di giorni :-)


















Ingredienti per 8/10 persone:
250 g di farina 00 
180 g di zucchero di canna
100 g di olio di semi di arachidi 
60 g di latte
30 g di fecola di patate 
75 g di cioccolato al latte
25 g di cioccolato fondente
3 uova intere 
2 arance
1 bustina di lievito per dolci

Montare le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, quindi unire la buccia grattugiata e il succo spremuto delle arance, il latte e l'olio di arachidi. 
Aggiungere poi la farina, la fecola e il lievito setacciati e amalgamare bene il tutto. 
Unire il cioccolato al latte tagliato grossolanamente. 
Versare poi il composto in uno stampo a cerniera di 22 cm, foderato con carta forno, e infornare a 180° per circa 35/40 minuti facendo la prova stecchino per verificare la cottura. 
Sfornare e lasciare raffreddare. 

Commenti

  1. Io di traslochi ne ho fatti ben 4 e la casa definitiva l'abbiamo comprata dopo 10 anni in affitto . una volta travata ti capisco credimi sembra che stia li ad aspettare solo te... da come l'hai descritta deve essere incantevole un bambino quando è possibile ha bisogno di spazzi ampli e luminosi. Lo sforzo varrà la candela in bocca al lupo un abbraccio ed adesso allungami una bella fetta di torta che con tutto questo scrivere mi è venuta tanta fame..Simmy

    RispondiElimina
  2. avete fatto bene! si capisce subito se una casa piace o non piace, la prima sensazione è quella che conta :)
    bella la tua torta!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Grazieeeeeee sono felice che tu l'abbia provata, sono felice che vi sia piaciuta e soprattutto sono felice che tu l'abbia preparata per festeggiare una cosa così importante!!!
    Siete stati davvero fortunati con la casa, io ci ho messo quasi tre anni a trovarne una che mi andasse bene. E non dico la casa dei miei sogni, ma una casa che fosse accettabile :( A me piacciono i piani alti (non soppro di vertigini ovviamente) proprio perchè sono tanto luminosi e non hai nessuno davanti che ti guarda dalle finestre

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo