Passa ai contenuti principali

La "fideua" al porto di Genova

Dopo un lungo viaggio per il Mediterraneo la nave stava per rientrare a Barcellona.
Lo stretto di Gibilterra, le coste del nord Africa, la Siria, la Turchia e la Grecia ormai erano solo un lontano ricordo. 
La tappa siciliana di Marsala aveva ridato entusiasmo ai membri dell'equipaggio, il clima che si respirava nell'aria era sicuramente meno teso che nei paesi appena lasciati alle spalle.
Il bel sole caldo aveva finalmente permesso ai marinai di scendere dalla nave e di fare una passeggiata in tranquillità tra i vicoli della città marinara, l'aria era pregna dell'odore del cibo di strada e degli agrumi, le vista delle belle donne siciliane poi era quasi inebriante, ma il tempo era poco e presto era giunta l'ora di riprendere il largo, in direzione Genova.
Una tappa breve, giusto per fare gli ultimi rifornimenti prima di tornare a casa, solo il tempo di correre in via Prè, nelle botteghe storiche della città e poi di nuovo in mare. 
A Ramon erano state date istruzioni precise dal capo cuoco, doveva comprare basilico, pinoli, parmigiano e pecorino, del buon olio extravergine ligure e anche una bella scorta di trenette.
Appena aperta la porta della piccola bottega Ramon era stato invaso da un profumo di basilico meraviglioso, dietro il banco campeggiava una giunonica signora con la cuffia in testa e il grembiule appena stirato, dietro di lei le pareti erano coperte da cassette piene di piante di basilico con foglioline piccole piccole, le prime. le migliori. 
La signora Rosetta aveva capito subito che Ramon non era del posto e quindi gli chiese solamente per quante persone andava preparata la cena e poi ci pensò lei a mettere tutti gli ingredienti in giuste quantità nelle buste. 
Gli consigliò vivamente di comprare anche i fagiolini e le patate, non serviva altro per preparare una cena perfetta.
E quindi via di corsa con i sacchetti profumati tra le mani.
Una volta salito sulla nave però il garzone si accorse subito di non aver preso un ingrediente importante, eppure il capo cuoco si era tanto raccomandato eppure lui se ne era completamente dimenticato.
Non restava che utilizzare quello che offriva la cambusa, i fideus però questa volta avrebbero avuto un sapore del tutto nuovo. 





Ingredienti per 4 persone:
Per il brodo:
2,5 l d'acqua
2 coste di sedano
1 patata
1 carota
1 cipolla
sale grosso q.b.
Per la pasta:
400 g di spaghetti integrali
2 patate
400 g di fagiolini
olio evo
Per il pesto:
trenta foglie di basilico 
1 spicchio d'aglio
1/2 bicchiere di olio evo
6 cucchiai di parmigiano
2 cucchiai di pecorino
1 cucchiaio di pinoli
qualche grano di sale grosso

Innanzitutto preparare il brodo vegetale. 
Lavare e pelare le verdure e metterle in una pentola con 2,5 litri di acqua fredda. Portare a bollore, aggiungere il sale grosso e far sobbollire per un paio d'ore. Aggiungere infine una crosta di parmigiano ben lavata e far insaporire 5 minuti. 
Togliere le verdure, filtrare il brodo e tenere in caldo fino all'utilizzo.

Intanto che il brodo cuoce preparare il pesto (per prepararlo con tutti i crismi io ovviamente ho sbirciato qui).
Lavare il basilico e asciugarlo con carta da cucina.
Metterlo nel boccale del frullatore con il parmigiano, il pecorino, i pinoli, lo spicchio d'aglio e qualche grano di sale grosso e frullare ad intermittenza (per evitare che le lame scaldandosi facciano ossidare la salsa) aggiungendo l'olio a filo. 
Coprire bene e mettere da parte.

Mondare i fagiolini e privarli delle estremità, sbucciare le patate e tagliarle a piccoli tocchetti.
Far bollire i fagiolini in abbondante acqua leggermente salata e a metà cottura aggiungere anche i tocchetti di patate. Scolare ancora al dente e tenere da parte.

A questo punto è possibile iniziare con la preparazione della pasta (Mai docet)
Spezzettare gli spaghetti  e farli tostare in un giro di olio evo in modo omogeneo, aggiungere il brodo bollente fino a coprire la pasta e cuocere per 5 minuti a questo punto aggiungere le patate e i fagiolini e se necessario altro brodo e continuare la cottura.
Una volta assorbito tutto il liquido spegnere il fuoco, aggiungere il pesto e servire con una grattata di pepe nero.

ATTENZIONE: mangiarla con moderazione, può creare dipendenza!

Con questa ricetta partecipo all'MTC di marzo

Commenti

  1. Mi è piaciuto molto l'utilizzo degli spaghetti integrali. Molto brava

    RispondiElimina
  2. ... non so se le Zeneisi saran d'accordo ... ma in via Prè *quel* Ramon non ci è andato per spender palanche in trenette... a me non me la conta giusta!!! ... spese le avrà comunque spese... ma non in trenette!
    Bella bellissima mi piaceeeeeeeeeeeeee!!!!

    Nora

    RispondiElimina
  3. Ecco l'ultima frase è assolutamente verissima: crea dipendenza!!! :*

    RispondiElimina
  4. Fantastica idea degli spaghetti integrali, una fideuà meravigliosa e profumatissima. Ora che arrivano i fagiolini freschi è una vera tentazione!
    bravissima!

    RispondiElimina
  5. ... e io ci son cascata,come una pera cotta... pensa che in pausa pranzo sono andata al porto antico, a cercare un mercato rionale.. ma si può essere più scemi????? :-)
    E comunque: l'avrei fatta così, IO, se avessi partecipato. E' la prima versione che mi è venuta in mente. Devo aggiungere altro- o basta così?
    Te potessino :-)
    Ale

    RispondiElimina
  6. ma simpaticissimo post!!!! bella versione, questa la segno , userò basilico Siciliano e olio pugliese, ma so che mi piacerà moltissimo, buon weekend Flavia

    RispondiElimina
  7. Sei più che una donna con fantasia, sei più che una donna intelligente!
    Sei più!!!! (siete più...!)
    Questa versione ha proprio l'anima del piatto povero, ma gustoso e rico di sapori e conoscenza riguardo a realizzazione e abbinamenti... mi piaceeeee!

    E poi una storia peschereccia così come la tua, è proprio di chi sà mettersi nei pani degli altri, sei intuitiva come pochi! Ma come fai?

    besos (dobles)

    RispondiElimina
  8. Ciao Chicca. Confermo sulla capacità di creare dipendenza della Fideuà. Qualsiasi versione io abbia visto tra quelle partecipanti, mi ha confermato quanto questo piatto sia versatile e assolutamente irresistibile.
    La tua versione poi mi piace immensamente, per i richiami territoriali, per i profumi di Genova ed il legame al mare. Complimenti davvero e tanti auguri di Buonissima Pasqua.
    Pat

    RispondiElimina
  9. Anche io l'ho rifatta varie volte la dipendenza e' assicurata!Buonissima questa fideua'vegetariana
    A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo