Passa ai contenuti principali

Torta di grano saraceno

La ricetta l'ho vista tante volte su tantissimi blog ed altri siti di cucina e amando il grano saraceno l'ho sempre voluta fare, era diventato un pallino fisso, ma come è possibile tenere sotto controllo il colesterolo se poi faccio torte che nell'impasto prevedono l'utilizzo di ben 6 uova???? Per non parlare poi del burro... e delle mandorle ne parliamo??? 
Ma ieri, contro ogni aspettativa, e contro tutte le mie fisime mentali che mi impongono dosi al di sotto delle 3 cifre per tutto ciò che è grasso, l'ho fatta. 
E se del male dobbiamo farci, facciamo le cose per bene!
Ho scelto quindi la ricetta trovata sul blog di Vaniglia, che mi sembrava un po' più rustica di altre, apportando solo delle piccolissime modifiche.

Il risultato è davvero sorprendente, una torta morbidissima e piena di sapore, anche se ad essere proprio sincera sincera, per i miei gusti il sapore del burro è troppo presente.
E poi a dirla proprio tutta (peccando terribilmente di immodestia), sono appena stata all'Artigiano in Fiera a Milano e le torte di grano saraceno dello stand del Trentino non erano nemmeno paragonabili a questo splendore, sembravano tutte rinsecchite!

Ingredienti:
250 g di farina di grano saraceno
250 g zucchero 
250 g burro 
200 g mandorle 
50 g di noci
6 uova
1 bustina di lievito
confettura di mirtilli rossi (io more)
zucchero a velo q.b.

Lavorare il burro con 150 g di zucchero, poi aggiungere i tuorli e continuare a lavorare fino a montare il composto.
Aggiungere poco a poco la farina già mescolata con il lievito, poi le mandorle tritate.
Montare le chiare a neve semi-ferma, poi aggiungere il restante zucchero, e continuare a montarle fino a neve ferma.
Inglobare le chiare all'impasto, con molta delicatezza, versare l'impasto in una teglia a cerniera precedentemente imburrata ed infarinata e cuocere per circa un'ora a 180° C.

Sfornare e far freddare prima di procedere al taglio e alla farcitura e decorare con zucchero a velo.

Commenti

  1. Che goduria per le papille gustative e visive!!! :-)
    Ma perchè ti proccupi delle mandorle per il colesterolo? Quelle ti fan solo bene..han grassi si..ma sono omega 6 utili proprio per abbassarlo il colesterolo!!! :-)

    RispondiElimina
  2. E' elegantissima... dal nome non avrei pensato a tanta bellezza! Bravissima, sei la solita 'grande' :)

    RispondiElimina
  3. Anche io ho una ricetta molto simile, lì al caldo da anni! e non l'ho mai fatta. La tua è bellissima e immagino anche ottima! mi lancerò anche io a farla, ciao ^-^

    RispondiElimina
  4. ti è venuta benissimo!
    questa torta è secondo me perfetta da fare e da portare da amici!!!
    Il burro, e le uova, aiutano a "tenerla insieme", e a bilanciare il rischio di "secchezza" di cui dici anche tu! :)
    ciao!
    vaniglia

    RispondiElimina
  5. Ciao kika,
    ti auguro di trascorrere delle liete feste e un splendido anno nuovo, un abbraccio Alejandra

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo