Passa ai contenuti principali

Ravioli gamberi e zucchine con pomodorini confit e pesto leggero al basilico

Lo so, mi sono imbarcata in un'impresa titanica. La mia amica Selena mi ha chiesto di preparare un primo piatto per 30 persone, quando mai ho detto di si? e soprattutto, quando mai ho deciso di fare questi ravioli?
Ovviamente la preparazione andava testata, dato che la ricetta è nata nella mia testa mettendo insieme cose viste, piatti assaggiati e abbinamenti solo immaginati. Ieri sera è stata organizzata una cena con alcuni amici e le cavie erano ben 5, oltre me, quindi giovedì sera, dopo aver fatto una corsetta di 45 minuti sotto il sole, con la collaborazione del mio valido aiutante (Filippo), ho avuto la brillante idea di accendere forno e fornelli e preparare ravioli per tutti.
Alla fine non ci abbiamo messo tantissimo, l'impasto ho provato a farlo con la semola di grano duro invece che con la solita farina 00 e Filippo è stato bravissimo a tirare la sfoglia molto sottile con la macchinetta e a chiudere i ravioli. 
Il problema lo abbiamo avuto la mattina successiva, non solo i ravioli dovevano essere trasportati in quel delle valli bergamasche, ma hanno avuto la brillante idea di appiccicarsi tutti al contenitore dove erano stati risposti, spolverati di farina, con tanta cura. Certo che solo a me viene l'idea di fare i ravioli con questo caldo umido! Vabbè, i danni li abbiamo limitati, in fondo erano cavie, mica era obbligatorio che andasse tutto liscio, si poteva solo sperare, innanzitutto era un'occasione per stare insieme e un modo per migliorare la prestazione culinaria di metà luglio. :-P

Contro tutte le aspettative però i ravioli hanno resistito al viaggio, non si sono distrutti in cottura e nemmeno al momento di essere spadellati in compagnia dei pomodorini, sono stati apprezzati e decantati e la cosa mi ha reso estremamente felice. 
Ora non resta che armarsi di santa pazienza e farli per 30 persone!

Un grazie particolare a Chiara che mi ha sostenuto da lontano.


















Ingredienti per 6 persone:
Per la pasta:
300 g di semola di grano duro
3 uova
Per il ripieno:
4/5 zucchine medie
15/20 gamberi crudi (non precotti)
150 g di ricotta vaccina
Per i pomodorini confit:
20/25 pomodorini pachino
olio
sale
zucchero
timo
Per il pesto leggero al basilico:
25/30 foglie di basilico fresco
1 manciata di pinoli
olio evo q.b.
sale, pepe

Sbucciare e affettare mezza cipolla e metterla in una padella con 2 cucchiai di olio evo e le zucchine, precedentemente lavate, private della buccia con un pelapatate (tenerla da parte) e tagliate a piccoli cubetti.
Aggiungere il sale grosso e far cuocere a fuoco lento per mezzora. Spegnere il fuoco e far raffreddare. Una volta raffreddate aggiungere la ricotta e i gamberi crudi, precedentemente privati della testa, della coda, del carapace e del filo intestinale e tagliati a piccoli pezzetti.
Aggiungere un'abbondante grattata di pepe nero fresco, aggiustare di sale e mescolare bene il tutto.

Preparare la sfoglia impastando la farina, le uova e un goccio di olio, farla riposare per 15/30 minuti avvolta nella pellicola trasparente.
Stendere la pasta con la macchina apposita, o con il mattarello, disporre delle palline di ripieno a distanza regolare, coprire con un altro foglio di pasta e tagliare i ravioli della forma desiderata

Lavare i pomodorini, tagliarli a metà e disporli su una teglia coperta con carta da forno. Codirli con olio, sale, pepe, zucchero e rosmarino e infornare a 100° per almeno 60 minuti.

Lavare le foglie di basilico, metterle in un bicchiere, aggiungere i pinoli, sale e pepe, l'olio a filo e frullare con il frullatore ad immersione.

Tagliare le bucce delle zucchine a julienne e friggerle in olio bollente.

Cuocere i ravioli in abbondante acqua salata per 5 minuti, scolarli e metterli in una padella con i pomodorini e qualche cucchiaio di acqua di cottura e far asciugare l'acqua sulla fiamma.

Disporre i ravioli e i pomodorini nei piatti, condirli con abbondante pesto al basilico e guarnire con le bucce di zucchina fritte e qualche pinolo a piacere.

Commenti

  1. brava gigia!!! hanno una faccia stupenda e pare di sentirne il profumino solo a guardare la foto!

    RispondiElimina
  2. Chiaraaaaaaaaaaaaaa, quindi preparerai solo il primo! E io che mi aspettavo un bel petto d'anatra, ah ahah ahh ! Bacioni

    RispondiElimina
  3. Uh mamma... complimenti caspita, idea davvero carina ^_^ me la segno!

    RispondiElimina
  4. Buoni questi ravioliiiiiimi, mi sono anche iscritta nei tuoi lettori fissi, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  5. ciao! anche a me era successa una cosa simile, ma i danni non sono stati limitati! mi veniva da piangere! vabeh.. è andata.
    I tuoi ravioli ssono deliziosissimi, sarà un vero successo! :)

    RispondiElimina
  6. sei stata bravissima! devono essere buonissimi, sia per il ripieno che per i pomodorini confit!
    Un bacione

    RispondiElimina
  7. TesoroMio, sono felice che siano venuti bene, sulla carta quella notte sembravano davvero buonissimi e infatti avevo certezza che sarebbero stati un successo. Tu sì che sei davvero una GrandeDonna con le contro palle :D :D :D Bravissima!!! Un grande abbraccio. Chiara

    RispondiElimina
  8. Nonostante gli impresti, il successo c'è stato......Kika sei sempre più mitica e naturalmente un bravo anche a Filippo x la collaborazione. Ed ora vai con l'impresa più impegnativa!!!

    RispondiElimina
  9. ..per trenta?!?!?!?! mammamia450 ravioli, da fare poi da gestire in cottura... ma tu sei mitica!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo