Passa ai contenuti principali

Sciroppo di fiori di sambuco

Lo scorso fine settimana Martina è venuta con noi in montagna. 
Siamo partite giovedì sera, dopo cena, e una volta arrivate, abbiamo allestito il letto matrimoniale in cameretta e ci siamo concesse tutte un buon sonno ristoratore.
Venerdì mattina Alberto, il mitico vicino, ha portato le tre donzelle a vedere tutti i suoi animali: galline, oche, anatre, caprette, tartarughe, cani e altri che sicuramente avrò dimenticato. La sorpresa però è stata tutta mia, al loro ritorno, dopo 2 ore, si sono presentate con un sacchetto pieno di fiori di zucca appena colti e 2 uova fresche. 


Mi brillavano gli occhi solo al pensiero.
La sera li ho fatti fritti, semplicemente con acqua, farina e un pizzico di lievito di birra. 


Mai mi era riuscito fritto più buono. Mai mi era riuscito un fritto, ad esser proprio sinceri!

Sabato siamo andati a fare una passeggiata in montagna, la gioia del picnic tra i monti è sempre impagabile, soprattutto per i bambini.



Sulla strada verso al ritorno dai tre faggi ho raccolto dei profumatissimi fiori di sambuco con l'idea di friggerli o di farne dello sciroppo.


Visto che col fritto mi era andata così bene la sera prima, non ho voluto sfidare oltremodo la sorte, quindi ho optato per lo sciroppo.
Ho guardato tante ricette online, ma tutte mi sembravano troppo laboriose. Ho scelto pertanto quella di Elisa, che mi sembrava mi facesse ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo.


Ricetta di Elisa del blog Il fior di cappero

15 fiori di sambuco
1 l d'acqua
750 g di zucchero semolato 
2 limoni

Pulite i fiori battendoli leggermente sul piano di lavoro, eliminate i gambi.
Raccogliete i fiori in un contenitore in cui verserete l'acqua e aggiungerete i limoni tagliati a fette.
Chiudete il contenitore e lasciate riposare 24-36 ore a temperatura ambiente.
Trascorso il tempo di macerazione, filtrate tutto con una garza su un colino a maglie fitte, spremendo bene tutto.
Pesate i liquido, versatelo in una pentola e aggiungete lo stesso peso di zucchero (io su 1 l di succo ho aggiunto solo 750 g di zucchero).
Mettete la pentola sul fuoco e fate bollire per circa 12-15 minuti.
Imbottigliate ancora caldo, fate raffreddare e poi conservate in frigorifero.

Lo sciroppo ottenuto va poi diluito per essere degustato: una parte di sciroppo di sambuco per 5/6 parti di acqua.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo