Passa ai contenuti principali

Torta alla ricotta con pere speziate caramellate e cremoso fondente

Quest'anno rischiavamo di non festeggiare il suo compleanno. 
Ci siamo abituati ormai, a festeggiamenti tra pochissimi intimi; io sono stata la prima del gruppo, quasi un anno fa. Però 45 sono tanti, sono speciali, come lo è Teo per la mia famiglia. 
E allora, rispettando tutte le regole dell'arcobaleno e delle massime presenze intorno al tavolo, abbiamo goduto del fantastico pranzo preparato da Rossella per l'occasione: spiedini di pesce, spaghetti con sugo di moscardini e polpo grigliato con purè di patate.
La torta non era proprio prevista dalla mia dieta, ma in mattinata mi ero ripromessa di correre almeno 10 km per poterla mangiare. La corsa l'ho portata a termine, quindi...

La torta, devo ammettere, era buonissima.
L'ho pensata in un breve viaggio in auto sabato mattina, non rischiando troppo con abbinamenti azzardati, ma assemblando preparazioni con dei gusti super collaudati, che mi piacciono particolarmente: pere, ricotta e cioccolato.
In corso d'opera ho deciso di speziare le pere caramellate, mi piaceva l'idea del cardamomo.
Ho avuto anche abbastanza fortuna con la sformatura del dolce, non avendo foderato i bordi con l'acetato, ero un po' timorosa, ma alla fine è andata bene.
In sostanza, è una torta molto semplice, molto ben equilibrata e anche molto carina da vedere.
Non pensate alle mie decorazioni anni 80, voi potrete sbizzarrirvi con ciuffi di cremoso in versione moderna, io ho scoperto di avere bocchette per la sac à poche troppo piccole per fare qualcosa di più carino. Migliorerò anche in questo, già il fatto di aver fatto un buon cremoso, mi fa essere soddisfatta.


Per uno stampo da 24 cm di diametro
Per la base:
350 g di biscotti Pan di stelle
90 g di burro

Frullate i biscotti finemente e mescolateli al burro fuso.
Rivestite il fondo di uno stampo con della carta forno e compattate i biscotti in modo da formare un fitto strato.
Riponete in frigorifero a rassodare per almeno 1 ora.

Per la crema alla ricotta:
400 g di ricotta di latte vaccino
130 g di zucchero di canna
120 g di panna montata

Amalgamate la ricotta e lo zucchero con le fruste per 5-10 minuti. Dopo di che, aiutandovi con una spato la, unite la panna montata.
Versate la crema sulla base di biscotti raffreddata e mettete in frigorifero a rassodare per un'ora.

Per le pere speziate caramellate:
400 g di pere Williams
50 g di zucchero di canna
40 ml di rum bianco
il succo di 1 mandarino
1/2 cucchiaino di spezie miste: cannella, anice stellato e cardamomo

Sbucciate le pere, privatele del torsolo e tagliatele a cubetti. Mettetele in un pentolino con il succo di mandarino, lo zucchero e le spezie e fate cuocere a fiamma bassa per 5 minuti. Sfumate con il rum e cuocete a fuoco vivo fino a quando non saranno morbide, per circa 1o minuti. 
Fate completamente raffreddare, poi disponetene 2/3 delle pere sulla crema di ricotta.

Per il cremoso al cioccolato:
150 g di panna fresca
130 g di latte
30 g di zucchero
3 tuorli d'uovo 
170 g di cioccolato fondente 64%

Preparate la crema inglese montando i tuorli con lo zucchero
Scaldate il latte e la panna portandoli quasi ad ebollizione, aggiungete il composto montato e portate a 85° C, mescolando continuamente.
Versate la crema inglese in una ciotola nella quale avrete spezzettato il cioccolato fondente e mescolate fino a quando la crema non sarà liscia.
Fate raffreddare a temperatura ambiente, poi mettete in frigo almeno 4 ore prima dell'utilizzo.

Mettete il cremoso in una sac à poche e decorate la superficie della torta a piacimento.
Con una pinza, disponete i restanti pezzetti di pera e bagnate con il caramello rimasto sul fondo del padellino.
Conservate in frigorifero fino al momento di servire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo