Passa ai contenuti principali

Pizzoccheri della Valtellina

Sono felice.
Finalmente è iniziato il servizio mensa anche alla scuola primaria. Non avete idea di cosa significhi non dover pensare a preparare un pasto in più durante la giornata. Una liberazione.
"Ti piace cucinare, hai anche un blog", mi dicono tutti. Eppure la cosa mi crea uno stress che non so nemmeno descrivere.
Intorno al mio ufficio ci sono un sacco di ristoranti dove si può mangiare davvero bene a prezzi contenuti e io amo andarci in pausa pranzo. Amo che qualcuno cucini per me, amo mettere le gambe sotto il tavolo e alzarmi da tavola senza dover nemmeno sparecchiare, se poi non lavo nemmeno i piatti... Bè a voi il verdetto.
E quando non posso godere di questo privilegio, di questo relax di un'ora, io mi stresso.
E quindi ben venga la mensa scolastica e soprattutto la mia ora di relax e coccole in pausa pranzo.
Peccato che la creatura esca ancora alle 14.30, ma facciamo un passo alla volta.

E per festeggiare ho preparato un burrosissimo piatto di pizzoccheri.


Per 4 persone
500 g di pizzoccheri freschi*
200 g di burro
250 g di formaggio Valtellina Casera DOP
150 g di formaggio da grattugiare
200 g di verze
250 g di patate
1 spicchio di aglio
6 foglie di salvia
sale
pepe

Tagliate le verze in pezzi e le patate a tocchetti e fatele bollire in abbondante acqua salata. Aggiungete i pizzoccheri dopo 5 minuti. 
In un padellino, l’aglio e qualche foglia di salvia nel burro.
Una volta cotti, scolate i pizzoccheri e mettetene un terzo in una teglia, cospargete con formaggio grattugiato e Valtellina Casera DOP a cubetti, proseguite alternando pizzoccheri e formaggio. Irrorate con il burro e macinate del pepe fresco.

I pizzoccheri si possono mangiare in tutte le stagioni, se le verze non si trovano, possono essere sostituite con coste o fagiolini.


*questa volta ho approfittato di un collega che si è recato in Valtellina per lavoro e mi ha portato i pizzoccheri, ma potete anche farli in casa seguendo la ricetta dell'Accademia dei Pizzoccheri di Teglio:

400 g di farina di grano saraceno
100 g di farina 00
acqua q.b.

Mescolate le due farine, impastatele con acqua e lavorate per circa 5 minuti. 
Con il mattarello, tirate la sfoglia fino ad uno spessore di 2-3 mm dalla quale si ricaverete delle fasce di 7-8 cm. Sovrapponete le fasce e tagliatele nel senso della larghezza, ottenendo delle tagliatelle larghe circa 5 mm.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo