Passa ai contenuti principali

Torta al cioccolato con albicocche

Questo fine settimana ho staccato da tutto e tutti. Due giorni lontana dal lavoro e dal computer mi sono sembrati davvero un'eternità, come se il tempo si fosse dilatato e rallentato.

Ho infilato gli scarponcini e ho vagato per le mulattiere alla scoperta di luoghi nascosti tra i boschi di questa parte della valle che proprio non conoscevo.

Il fiume scorre pieno, le piogge dei giorni scorsi hanno dato vita a cascate scroscianti, l'acqua si rincorre veloce. 

Mi accorgo che mi guardo intorno alla ricerca di un posto un po' selvaggio, nascosto agli occhi della gente, scaldato dai raggi del sole e sogno ad occhi aperti di rinfrescarmi dalla calura agostana immergendomi nelle acque fredde dell'Imagna.

Pensieri bucolici invadono la mia mente e il mio cammino.

Attraverso un ponte di legno, raccolgo qualche ortica e poi finalmente lo scorgo, coperto da edera e flora selvaggia, il Ponte del Fol.

Risalendo il ripido crinale della collina mi rendo conto che il ponte non dista più di 5 minuti a piedi da casa, in macchina bisogna percorrere almeno 10 km per ritrovarsi dall'altra parte del fiume, nello stesso punto.

Se penso a quanto fosse piena di vita questa parte della valle...

Qui intorno in effetti il tempo sembra essersi fermato. 

I giorni scorsi era tempo della raccolta del fieno, l'erba dei prati, lasciata incolta durante la primavera, è stata tagliata, fatta seccare un paio di giorni e poi raccolta da mani esperti e veloci.

L'altra sera in contrada si sentiva musica popolare cantata a squarciagola da uomini riuniti intorno ad un tavolo. Chissà se fosse un modo per festeggiare il rito della raccolta?

Mi lascio cullare dal desiderio di essere spettatrice silenziosa della vita di queste terre, accompagnata da qualche gallina mentre corro e circondata da un gregge di capre al pascolo mentre accompagno le bambine al parco.


Per una teglia 20x30 cm

        150 g di zucchero semolato + 30 g per la superficie

3 uova

125 g di yogurt bianco

70 ml di olio di semi

100 ml di succo di frutta all’albicocca

300 g di farina 

30 g di cacao amaro

1 pizzico di sale

1 bustina di lievito

100 g di gocce di cioccolato

10 albicocche

 

Con le fruste elettriche, montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete poi l’olio, lo yogurt e il succo di frutta, poi un pizzico di sale e la farina setacciata insieme al lievito e al cacao amaro.

Unite infine le albicocche tagliate a dadini e le gocce di cioccolato.

Versate l’impasto in uno stampo imburrato ed infarinato o rivestito di carta forno e cospargete di zucchero.

Infornate a 180° C per circa 40/45 minuti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo