Passa ai contenuti principali

Cozze ripiene al sugo di zia Vittoria

La maniglia della porta era lenta, veniva aperta talmente spesso che non faceva più resistenza alcuna sotto il peso delle piccole mani che la abbassavano.
Dovevo fare solo quattro rampe della scala a chiocciola che girava intorno alla gabbia dell’ascensore e il silenzio di casa mia veniva sostituito da caos e disordine.
Non avevo bisogno di annunciarmi, entravo a basta.
Appoggiati alle pareti azzurre e tondeggianti della sala da pranzo c’erano mobili bianchi e blu: la credenza ad angolo e due poltrone foderate di una stoffa a quadretti sempre della stessa tonalità, il tavolo rotondo invece era al centro della stanza.
Dietro la credenza, che per via delle pareti irregolari non era completamente accostata al muro, erano stipate montagne di giocattoli, ma io preferivo i giochi che ci inventavamo.
All’epoca avevamo una fervida fantasia e non la mettevamo mai a tacere.
I miei cugini erano entrambi più grandi di me e quindi i giochi che facevamo erano giochi da grandi.
Nascondino era il mio preferito: il malcapitato di turno veniva bendato e legato ad una sedia con le corde, doveva contare fino a dieci e poi liberarsi prima di andare a cercare gli altri. Era l’unica possibilità di nascondersi in una casa di cinquanta metri quadri e far durare il gioco più di tre minuti.

Mia zia Vittoria nel frattempo, tra le altre cose, cucinava.
Tutte le ricette dei miei ricordi di bambina arrivano dalla sua cucina: la pizza del sabato sera, bella alta e morbida, con la crosta croccante; il calzone di cipolle; la parmigiana di melanzane; il salame di cioccolato i cui biscotti venivano sbriciolati utilizzando una bottiglia di vetro; per non parlare delle frittelle salate della Vigilia di Natale.
Noi bambini aspettavamo con particolare trepidazione il momento in cui preparava la ciambella variegata alla vaniglia e cioccolato, una volta messo l’impasto nella teglia ci dava le ciotole da leccare e ci litigavamo fino all’ultima goccia.
Quando la zia si metteva ai fornelli, con tutta la sua semplicità e la sua grande manualità era una festa per tutti.
La mia infanzia l’ho praticamente vissuta in quella casa. Chissà quanto avrebbero voluto che mi togliessi dai piedi, ogni tanto e invece ero sempre lì, tornavo nella mia casa museo solo per dormire.

La zia da tanto tempo non vive più in quella casa e sicuramente le occasioni in cui cucina per tutti sono drasticamente diminuite, però a Natale le chiediamo tutti a gran voce le cozze ripiene e lei non ci delude mai e le prepara in grandi quantità.



Ingredienti per 4 persone:
500 g di cozze
Per il ripieno:
2 fette di pancarré
2 manciate di formaggio grattugiato
1 manciata di pan grattato
2 uova
prezzemolo tritato
1 spicchio d’aglio
sale e pepe
olio extravergine d’oliva
Per il sugo: 
2 l di passata di pomodoro
1 l d'acqua
2 spicchi d’aglio
olio  extravergine d’oliva
sale
1 manciata di foglie di basilico
 
Versare un  paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva in una pentola e aggiungere gli spicchi d’aglio in camicia, rosolare per 1 minuto e poi aggiungere la passata di pomodoro, salare e portare a leggero bollore e far sobbollire per circa quaranta minuti.

Nel frattempo lavare bene le cozze, raschiando il guscio e privarle del bisso.
Aprirle molto delicatamente, con l’aiuto di un coltellino, il frutto si aprirà a metà rimanendo attaccato alle due parti del guscio. Far scolare le cozze capovolte su un foglio di carta assorbente.
Preparare il ripieno unendo il pane sbriciolato, le uova, il formaggio, il prezzemolo, l’aglio, il sale e il pepe. Impastare bene e, se troppo morbido, unire una manciata di pangrattato.  
Una volta messo il ripieno all'interno delle due metà del frutto, chiudere i gusci e legarli insieme con spago da cucina, in modo che rimangano ben chiusi una volta messi a cuocere nel sugo.

Continuare la cottura per una decina di minuti dopo l’aggiunta dei molluschi, spegnere il fuoco e profumare con le foglie di basilico.

Da mangiare rigorosamente con le mani.
Accompagnare la pietanza con grandi quantità di pane, servirà per fare la scarpetta.

Commenti

  1. Bellissima ricetta del cuore,dentro di te c'è molto più di quanto tu pensi. Amica mia

    RispondiElimina
  2. Questa non è una ricetta è pura poesia, arricchita da ricordi indelebili e le cozze?
    ecco loro sono protagoniste di un piatto meraviglioso e pur non stravedendo per le cozze mi vedo con il piatto davanti a gustarle con le mani .......... sicuramente da fare
    brava e grandissima

    RispondiElimina
  3. Le storie di famiglia sono sempre bellissime e rendono ogni piatto più speciale. Ricordi, antichi gesti e sapori che guidano le nostri mani mentre cuciniamo. Si vede l'amore che ci hai messo... E poi che delizia! Mai fatte, ma ringrazio te e zia vittoria x avermele fatte scoprire!

    RispondiElimina
  4. Bellissima storia e ricetta! Adoro le cozze ripiene! Tua zia non ha mai aggiunto la mortadella come si fa nello spezzino?

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…