Passa ai contenuti principali

Tarte al caramello salato e ganache fondente di Dauly

Pochi giorni fa mio marito ha compiuto 39 anni. Di solito non amiamo festeggiare troppo, ma questa volta ci tenevo a fare qualcosa di semplice, ma di particolare.
Ho fatto fare un bellissimo biglietto ad Irene, ho preparato i regalini da parte mia con cura e poi ho pensato anche ad un menù semplicissimo, ma di cose che a lui piacciono molto.
A metà pomeriggio mi arriva un suo messaggio: “non stare a preparare chissà che per stasera che ho ancora lo stomaco per aria…”
Poco male, mi son detta, la torta poteva rimanere nel frigo e il resto non era ancora stato preparato, quindi abbiamo festeggiato un paio di giorni dopo.
Lui non ha mai nascosto il suo amore per le crostate e quindi, consigliata da Paoletta, ho fatto la tarte al caramello salato e ganache. Ricordavo la ricetta di Dauly, mi era rimasta in un cassettino della memoria, con quel caramello che colava sul piatto… un’immagine libidinosa.
Puntualmente il cassetto si è aperto e questo è il risultato.


















Grazie Dauly per questa fantastica ricetta (letteralmente copiata dal tuo blog), finalmente ho provato un tuo dolce e non sono rimasta delusa.

Ingredienti:
Per la frolla:
250 g di farina 00
100 g di burro freddo
50 g di zucchero a velo
1 uovo 
un pizzico di sale
Per il caramello salato:
150 g di zucchero
100 g di panna fresca
50 g di burro salato
Per la ganache fondente:
250 g di cioccolato fondente
170 g di panna fresca
30 g di nocciole

Mettere nel mixer la farina e il burro freddo a dadini, dare qualche giro fino a che diventa un composto bricioloso, unire lo zucchero, l’uovo e il pizzico di sale e impastare velocemente fino ad ottenere una palla, stenderla subito col mattarello e foderare lo stampo da tarte e metterla in frigorifero per 30 minuti o anche di più, rivestire la frolla con carta forno e riempire di fagioli secchi per non farla gonfiare in cottura, cuocere a 180° per 20 minuti, togliere carta e fagioli e continuare la cottura per altri 10 minuti a seconda del vostro forno.
Mettere lo zucchero in un pentolino con un fondo spesso e farlo sciogliere a fuoco basso senza mescolarlo fino a che diventerà un caramello biondo, nel frattempo far bollire la panna e quando il caramello è pronto toglierlo dal fuoco e versarvi sopra poco per volta la panna bollente facendo attenzione ad eventuali schizzi, rimettere sul fuoco e mescolare fino a che sarà tutto perfettamente amalgamato, se dovessero formarsi dei grumi continuate a mescolare fino a che si scioglieranno, togliere dal fuoco ed aggiungere il burro salato, mescolare vigorosamente per farlo sciogliere e versare la crema in una boule di vetro o in un vasetto e farla raffreddare.
Scaldare la panna e nel frattempo spezzettare il cioccolato, quando la panna sarà quasi a bollore toglierla dal fuoco e unirvi il cioccolato mescolando fino a che sarà completamente sciolto, farla raffreddare a temperatura ambiente. 
Una volta cotto il guscio di frolla e raffreddato il caramello versarlo sulla tarte e metterla in frigorifero per 15-20 minuti a indurire un po’ quindi versarvi la ganache e rimettere in frigorifero ricordandovi di toglierla e lasciarla a temperatura ambiente almeno mezz’ora prima di servirla. Decorare con nocciole tritate grossolanamente al coltello.

Note:
ho usato uno stampo tondo con fondo removibile da 26 cm di diametro
per la frolla ho utilizzato lo zucchero semolato anziché lo zucchero a velo e l'ho impastata a mano
per la ganache ho utilizzato un mix di cioccolato al latte e fondente, avanzi delle uova di Pasqua



BUON COMPLEANNO

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo