Passa ai contenuti principali

Schiacciata di lenticchie rosse, miglio e carote con salsa yogurt speziata

Dopo le superiori e un paio d'anni in Germania a lavorare, sono stata inserita in un progetto della Camera di commercio Italo-Germanica che prevedeva la formazione preso un'azienda tedesca a Milano in alternanza a periodi di studio in una scuola a Karlsruhe. 
Così ho conosciuto Silvia, una piccoletta tutta pepe, amante del turchese, delle piadine, della fotografia e di tutte le cose pazze e spericolate.
Abbiamo condiviso la stanza, i viaggi in pullman e in treno, la bicicletta, le ore sui banchi di scuola, le levatacce alle 6 e la buonanotte alle 9.
Ci siamo divertite in quei 2 anni, abbiamo fatto candele, sviluppato fotografie in camera oscura, passato serate in discoteca a ballare musica tecno, scorrazzato per la città in bicicletta io davanti e lei sul portapacchi, raccolto bicchieri sporchi e bottiglie di plastica per tutta la scuola per poi spendere i soldi racimolati (tutti in monetine da pochi centesimi) in una cena a base di carne da Maredo, si insomma, ne abbiamo fatte di tutti colori e adesso a scrivere mi vengono in mente e sorrido per quanto eravamo spensierate e serene.
Preso il diploma oltralpe ci siamo frequentate per un po', Parigi, Madrid, poi lei si è sposata, il mio ex è tornato in Sicilia e noi ci siamo perse di vista.
Poi è nata Eleonora, poi è nata anche Noemi e poi mi sono sposata anche io e la bellissima collana che indossavo nel mio giorno speciale me l'ha fatta lei e poi è nata Irene e quando aspettavo Elisa ci siamo riviste, con rispettivi mariti e figlie.
Adesso c'è anche Elisa e dopo che Massimo, suo fedelissimo consorte, è diventato anche il mio fisioterapista #enoncilasceremomai, abbiamo deciso che sederci intorno ad un tavolo sarebbe stata l'occasione migliore per recuperare il tempo perso.
Silvia è rimasta amante delle piadine e del turchese e di tutto ciò che la sua mente creativa riesce a produrre, è diventata mamma, è una donna più tranquilla e pacata di quello che mi ricordavo, ma quella lucina che la illuminava e la rendeva così pazza si vede sempre e si vede anche negli occhi delle sue piccoline.
Ecco, la prossima volta piadina, ma ora accontentati della schiacciata di legumi e cereali e a presto.

















Ingredienti per 4 persone:

Per la schiacciata:
150 g di carote
100 g di miglio
100 g di lenticchie rosse decorticate
50 g di pangrattato
40 g di cipolla
1 uovo
3 foglie di salvia
500 ml di acqua
olio evo
sale e pepe
Per la salsa:
125 g di yogurt bianco cremoso
1/4 cucchiaino di paprika dolce
1/4 cucchiaino di curry
1/4 cucchiaino di zenzero
1 pizzico di sale
olio evo q.b.
succo di limone q.b.

Sbucciare le carote e tagliarle a rondelle, metterle in una pentola capiente con la cipolla a fettine, la salvia e un giro d'olio. Soffriggere per 5 minuti , poi aggiungere le lenticchie decorticate, il miglio e l'acqua e far sobbollire per circa 40 minuti. Salare e pepare e frullare il tutto con il Minipimer. Lasciar intiepidire l'impasto ottenuto, poi aggiungere il pangrattato, il formaggio e l'uovo e mescolare il tutto.
Foderare uno stampo con carta forno, un goccio d'olio e cospargere con il pangrattato, spalmare l'impasto (deve restare pastoso) livellare e spolverare con altro pangrattato e olio extravergine a filo.
Infornare a 180° per mezz'ora, fino a quando non si sarà formata una crosticina dorata e croccante su tutta la superficie. Far raffreddare leggermente, tagliare in triangoli (il mio stampo era tondo, 30 cm di diametro) girarli e rimettere in forno per 5 minuti.

Preparare infine la salsa allo yogurt speziata mescolando tutti gli ingredienti e aggiustandola con le spezie a proprio piacimento (le dosi riportate sono indicative).
Intingere i triangolini di schiacciata ancora calda nella salsa allo yogurt e mangiarne in quantità, ma inutile dirlo, non riuscirete a fermarvi.



Commenti

  1. Ma che bella questa storia! Si capisce che tra di voi ci sia un legame speciale :-)
    Sicuramente avrà anche gradito questa ricetta in attesa della piadina :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Che bel racconto, quasi commossa... ho sorriso tanto! :-) un bacio grande, grazie per la bella giornata di oggi!
    Recupererò qualche foto dell'epoca!...

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …