Passa ai contenuti principali

Per la serie: "non ci si annoia mai"

Sono sparita per un po', questo mese nemmeno la gara sul babà dell'MTC mi ha fatto tornare la voglia di cucinare. A dirla tutta Irene è l'unica fortunata della famiglia, l'unica a cui preparo qualcosa da mangiare, gli altri (nello specifico mio marito) devono accontentarsi di quello che c'è.
Io ve l'avevo detto qui che c'era da attendersi altro, che probabilmente mi avrebbero spostato di nuovo, in effetti lo hanno fatto, ma non all'ufficio amministrativo, no, stavolta mi hanno spostato fuori dalla porta e tra poco più di 2 mesi sarò DISOCCUPATA.
Si parla di crisi, in tante aziende, anche in quelle dove il lavoro è tanto (a questo punto più dovuto ad una cattivissima gestione che ad un effettivo fatturato) e le posizioni non eccedono e il lavoro che fanno i fantomatici ESUBERI se lo devono accollare colleghi già troppo oberati di loro.
Io, impiegata a tempo pieno per ben 8 ore della mia giornata lavorativa, sono uno dei tanti ESUBERI di questa crisi e quindi verrò lasciata a casa.
Se poi in effetti si pensa che dei 5 esuberi dichiarati nell'azienda in cui lavoro (ALTEA S.r.l.), ci siano 3 neo mamme, di cui 2 ancora in maternità, la cosa è alquanto strana e poco apprezzabile.

Non sono una persona che si scoraggia, ho talmente tanta stima in me stessa e nelle mie capacità che non penso avrò difficoltà a trovare un nuovo lavoro.
Di solito si dice che si chiude una porta e si apre un portone, sono assolutamente d'accordo!
Penso sia tutta una questione di opportunità, MIGLIORI, per quel che mi riguarda.

Quindi continuerò a fare il mio lavoro con estrema professionalità fino alla fine, ma nel frattempo ho l'opportunità di togliermi qualche sassolino dalle scarpe. E chiamale soddisfazioni.

Tornerò presto, abbiate fede e pazienza...

Per ora sono sulla riva del fiume... e aspetto!!! :-P

Commenti

  1. Chiara ho letto e sono basita.
    Si parta tanto di quote rosa, di pari opportunità, di FARE FIGLI.... ed il risultato che otteniamo è questo.
    Le prime ad essere lasciate alla porta.
    Quello che mi viene da pensare è suggerirti di confrontarti con i sindacati (se non esiste una delegazione nella tua azienda, gli uffici del sindacato sono sempre e comunque a disposizione dei lavoratori) perchè ci sono delle regole di tutela che DEVONO essere rispettate.
    Mi sono trovata anch'io a rischio poi, grazie alle tutele di legge, per questa volta l'ho scampata....
    la prossima volta non so. So comunque che la mia azienda, suo malgrado, ha dovuto rispettare la legge.
    Sono sicura che troverai subito una collocazione e nel frattempo TOGLITI TUTTI I SASSI che trovi....poi, te lo dice una che è stata per anni sulla riva del fiume ad aspettare, i cadaveri passano...eh se passano!!

    Tieni duro Chiara!!!!!

    Baci
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è tutelati solo fino all'anno del bambino e Irene li ha già compiuti

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo