Passa ai contenuti principali

Rose del deserto

Irene da qualche settimana ha iniziato a mangiare le pappe. 
Il pediatra ha promosso un'introduzione lenta e graduale di alimenti solidi, delle prove, senza forzature.
Abbiamo iniziato con la patata, poi la carota, subito dopo anche la zucchina. Mi aspettavo una reazione più entusiastica, vista la passione per il latte, ma mi sono accontentata del fatto che non disdegnasse e soprattutto che fosse curiosa di provare tutto ciò che le davo.
E così siamo passati alla carne, coniglio e tacchino, e abbiamo introdotto anche gli spinaci e la zucca.

Wow, dicevo, le piace questa pappa!

E poi un giorno non l'ha voluta più, dopo i primi cucchiaini, mangiati più o meno volentieri, iniziava a piangere; il giorno dopo non ha voluto proprio aprire la bocca; quello dopo ancora ha iniziato a piangere prima di sedersi sul seggiolone.

"insisti, prima o poi le verrà fame e allora mangerà", 
"non darle la tetta, se no sei fregata, i bambini sono furbi", 
"ha ragione Irene, la zucca fa schifo",
"non farla piangere, tirala su"
Ognuno ha detto la sua e io all'inizio ho cercato di insistere un po', ma poi l'ho allattata ed ero anche molto demoralizzata, perché, proprio sul cibo, speravo che fosse piena di entusiasmo e invece....

Il giorno dopo però ho visto una piccola righina bianca sotto la gengiva e tutto è diventato più chiaro... le stava spuntando il primo dentino.
Ho smesso di insistere, la pappa gliela proponevo sempre, ma se non la voleva non insistevo e le davo il latte.
Lo sciopero quasi totale è durato 5 o 6 giorni, adesso le pappe le mangia a volte a fatica e a volte più volentieri, mi sa che presto vedremo spuntare altri dentini e già so che la buongustaia mi chiederà di darle un bel po' di questi deliziosi biscottini!


















Ingredienti: 
400 g di farina
200 g di zucchero
200 g di uvetta
160 g di burro
4 uova 
1 bustina di lievito
sale q.b.
fiocchi di mais q.b.

Mescolare la farina con lo zucchero, il lievito, le uova e un pizzico di sale, aggiungere poi il burro fuso e l'uvetta ed amalgamare bene il tutto.
L'impasto risulterà abbastanza appiccicoso.
Con l'aiuto di 2 cucchiai formare delle quenelle di impasto e rotolarle nei fiocchi di mais.
Disporre i biscotti, ben distanziati, su una placca ricoperta di carta da forno e infornare a 200° per 15 minuti.

Conservare in un barattolo di vetro o in una scatola di latta.





















Zia Paoletta, la bavaglia è bellissima

Commenti

  1. ma non ci credo, le è già spuntato il primo dentino?
    E' bellissima Kika, davvero una bambolina.
    Le rose del deserto le ho fatte anche io, indovina un po'^ Al pistacchio no ? :-)

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissima, piccolina chissà che fastidio che avrà.
    Ma brava anche tu, la cosa migliore è fare di testa tua.

    Sai che questi biscottini non li ho mai preparati in vita mia? Lo so, vado a vergognarmi nell'angolo!

    baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo