Passa ai contenuti principali

Colazione altoatesina: uova alla Benedict su rösti di patate e pancakes di grano saraceno con composta di mele

In principio fu la colazione...

Siamo sopravvissuti! Non solo alle 3 settimane di cose estremamente spiacevoli, che non è poco, ma anche allo sconosciuto che ieri in autostrada all'altezza di Reggio Emilia ci ha chiesto un passaggio fino a Milano perché aveva fuso il motore della sua Audi.
Ma facciamo un piccolo passo indietro, nei 3 giorni passati ho fatto un piccolo viaggio in Val Tiberina con Filippo e la piccola Irene, ci siamo goduti 3 giorni di sole, bagnati solo da bottiglie di buon vino e cibi di vera qualità.
Una discesa tranquilla verso Sansepolcro con tappa a Bagni di Romagna per mangiare la piadina, il pernottamento poco fuori le mura in un podere niente male, una cena raffinata...
La mattinata a Gubbio, un bicchiere di Sagrantino, la serata in enoteca, il carpaccio di chianina...
E ancora Anghiari, Citerna, di nuovo Umbria, di nuovo pici, di nuovo in viaggio...
E poi arrivati a metà strada la piccola fa una cacca che l'odore non si poteva sentire e dico a Filippo che ci si deve fermare, che 2 ore così muoro e al primo parcheggio ci siamo fermati. Ci viene incontro sto tizio, ben vestito, ci dice che la sua macchina è in panne, che ha bisogno di un passaggio, arriva il carroattrezzi, si porta via la macchina e noi decidiamo di caricare lo sconosciuto facendogli lasciare lo zaino nel bagagliaio "in caso avessi una pistola e volessi ucciderci!" (gliel'ho detto per davvero).
A detta sua andava a Milano per lavoro, a detta nostra andava a passare qualche giorno dall'amante, che nel frattempo era in costante collegamento telefonico con me per farle capire dove venire a recuperare il malcapitato.
Si insomma, viaggio sull'attenti con un rimbambito, ma almeno abbiamo fatto una buona azione, no?


Ma tornando agli states, l'unica volta che ci sono stata era l'estate del 2003, 10 giorni con il mio amico Dusan (per chi non lo ricordasse), purtroppo però non ci sono state colazioni tipiche, grazie alla simpatica Isabel, infatti, siamo stati evacuati e abbiamo vagato per più stati, l'unica che mi ricordo è stata in una stazione di servizio nel lungo viaggio in macchina verso NY, alle 2 di notte, un panino gigante strabordante di uova strapazzate; ma non penso che faccia testo ai fini di questo mtc.


















Ingredienti per 2 persone:
Per le uova in camicia:
2 uova medie freschissime di nonna Lucia
acqua 

In una casseruola da 24 cm di diametro, versate circa 5 cm di acqua e scaldate a fuoco medio fino alla comparsa delle bollicine sul fondo e sui bordi della pentola.
Rompete le uova in ciotoline separate, un uovo per ogni ciotola, eliminando quelli con il tuorlo rotto.
Versate delicatamente le uova, una alla volta, sulla superficie dell'acqua, lasciando che vadano dolcemente a fondo. Lasciate abbondante spazio tra un uovo e l'altro, cuocendone non più di tre o quattro alla volta. Lasciatele cuocere indisturbate per 3 o 4 minuti, usando una spatola di gomma per staccare delicatamente le uova dal fondo della pentola, se fosse necessario. 
Con un mestolo forato togliete le uova dall'acqua, una alla volta, scolandole molto bene e se dovete servirle subito, tamponate il fondo del mestolo con un pezzo di carta da cucina per assorbire tutta l'acqua in eccesso.  Potete conservarle in frigorifero fino a 3 ore, avendo l'accortezza di deporle su un piatto coperto di carta da forno. Al momento di servirle, basterà scaldarle per  35 o 40 secondi in acqua in leggera ebollizione.

Per la salsa al formaggio:
150 g di formaggio di malga Alto Adige
latte q.b.

Tagliare il formaggio a cubetti e farlo sciogliere a bagno maria a fuoco lentissimo con il latte.

Per i rösti di patate:
200 g di patate
olio per friggere

Sbucciare le patate e grattuggiarle grossolanamente. Scaldare bene l’olio nella padella, unire le patate e pressarle per formare i "Rösti". Abbassare un po’ la fiamma e girare con una paletta a metà cottura. Cuocere fino a doratura.

Per i pancakes:
85 g di farina di grano saraceno 
85 g di farina 00
1 cucchiaino e 1/2 di lievito
1 cucchiaio e 1/2 di olio di oliva 
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale
200 ml di latte
2 albumi
1 noce di burro

In una ciotola mescolare le due farine, aggiungere il lievito e lo zucchero. Aggiungere il latte e l’olio e mescolare il tutto con una forchetta o una frusta a mano. Far riposare qualche minuto e nel frattempo montare a neve ferma gli albumi. Aggiungerli all’impasto e mescolare delicatamente.
Far sciogliere il burro in una piccola padella, aggiungere un mestolo di impasto inclinando velocemente la padella per farlo espandere bene. Cuocere per un paio di minuti e poi girare il pancake, far cuocere ancora un minuto e poi mettere in un piatto.

Per la composta di mele:
2 mele golden
20 g di uvetta
20 g di pinoli
2 cucchiai di zucchero
1/2 bicchiere d'acqua
1/2 limone
cannella 

Sbucciare le mele e tagliarle a cubetti. Metterle in un tegame con lo zucchero e il limone ed iniziare la cottura a fuoco lento.
Aggiungere l'acqua ed alzare un po' la fiamma e cuocere fino a quando le mele non saranno belle cotte.
Solo alla fine aggiungere l'uvetta precedentemente fatta rinvenire nell'acqua e i pinoli. Spolverare abbondantemente con cannella.

e per concludere...
2 tazze di caffè tedesco Jacobs mild
2 bicchieri di succo di mela



Per l'ansia di cuocere l'uovo in modo perfetto l'ho lasciato in acqua 5 minuti e il tuorlo è risultato più denso del necessario, ma per essere il mio primo uovo in camicia non era niente male. :-P
Vi consiglio quindi di seguire alla lettera le indicazioni di Roberta.


 Con questa ricetta partecipo all'MTC di ottobre

Commenti

  1. La buona azione è stata assicurata e l'ottima colazione ve la siete potuta godere!

    RispondiElimina
  2. Ma nel seggiolino ci hai messo la piccola Irene di TataSua.... o ci hai legato il malcapitato????
    Non dirmelo! mi par di saperlo!
    Scherzi a parte, sei riuscita a rendere *leggera * la colazione all'americana.
    Leggera e che profuma del Trentino che amo da anni.
    Bentornata Kika!!!
    Nora
    PS Arc mi chiede spesso di quella bellissima bimba....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu vieni a trovarmi con il tuo piccolo ometto.
      Il dolce però lo porti tu! :-)

      Elimina
  3. Non lo voglio sapere come ci sei finita alla stazione di servizio a mangiare un panino gigante alle 2.00 di notte..... però sapere come hai preparato questa bella colazione SI, buon lunedì Flavia

    RispondiElimina
  4. ah ah la prima volta che sono stata negli Stati Uniti era il 1997, arrivati a Las Vegas alle 4 di mattina dovevamo aspettare le 6 che aprisse il noleggio auto e ci siamo ritrovati a passare queste 2 ore in un casino a mangiare uova strapazzate con bacon, tanta acqua è passata sotto i ponti! Complimenti per la buona azione per il passaggio allo sconosciuto :-D

    RispondiElimina
  5. Beh, se ti puo' consolare, quando abbiamo visitato Las Vegas, pioveva a dirotto, c'era un vento che ti portava via e al tg dicevano che era piu' di 40 anni che non faceva cosi' freddo!!...al Grand Canyon abbiamo trovato 17°C sottozero e Mesa Verda l'abbiamo vista sotto a dei fiocchi di neve grossi come....i tuoi pancakes, che con gli albumi montati devono essere venuti altrettanto leggeri! Purtroppo al tempo non si comanda ed e' del tutto indifferente alle nostre esigenze vacanziere...Anyway, a giudicare dalla tua colazione, non si direbbe che tu non ne abbia mai assaggiata una, anzi! Con il valore aggiunto della tradizione altoatesina, che non e' poco. Il succo di mela, poi, e' una delle cose delle quali sono maggiormente golosa e lo ordino sempre, quando faccio colazione al ristorante negli USA, al posto di quello d'arancia che mi da acidita'. Quest'anno poi abbiamo quello spremuto dalle nostre mele e davvero non c'e' paragone...Grazie mille di questa tua partecipazione, buona settimana e a presto.

    RispondiElimina
  6. che bella colazione colorata e saporita!! io non ci sono neanche mai stata negli States...posso avere almeno un boccone della tua ottima colazione??? =P
    Chiara

    RispondiElimina
  7. apperò...che giornatine, soprattutto con lo sconosciuto raccolto in autostrada :D

    la colazione però...è super!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Ormai siamo diffidenti verso tutto e tutti e anche ad aiutare uno sconosciuto in difficoltà ci si pensa mille volte con tutto quello che si sente in giro. Buona precauzione! :-D
    Ottima questa colazione. Adoro il rosti e che bel giro che avete fatto, provando anche tante prelibatezze.

    Fabio

    RispondiElimina
  9. leggevo questo post e pensavo: mio marito, non avrebbe esitato a fare la buona azione. Io, non so. invecchio male e non mi piace- mentre sono contenta, quando leggo che grazie al cielo in giro c'è ancora fiducia, ben riposta.
    Ricordo bene il tuo viaggio negli States e, chissà perchè, mi aspettavo una rielaborazione a stelle e a strisce, di questa colazione. Invece, sento i sapori di quel nord che a me riscalda il cuore e, se sono stupita, lo sono in modo piacevole. L'insieme è molto equilibrato e molto pertinente, nella sua semplicità: la salsa al formaggio, il grano saraceno nei pancakes, i rosti... mi immagino un camino acceso e una vita che sorride. E qual modo migliore, per iniziare una giornata, se non questo? Grazie infinite!!!

    RispondiElimina
  10. ahahhah che storia, hai avuto coraggio, io forse lo avrei lasciato li!
    complimenti mi piace la tua versione!
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Carissima è sempre un grande piacere passare dalle tue parti, riesci a farmi ri-sentire sia le puzze che potrebbero ammazzare un elefante, sia la leggerezza di un bel WE pieno di sentimento :)
    e ovviamente anche i profumi di questa colazione che sa molto di più di casa nostra che di USA.
    Un abbraccione a presto!

    RispondiElimina
  12. Mi piace la rivisitazione altoatesina dell'American Breakfast, e mi complimento con voi per la buona azione: io avrei lasciato il tizio all'Autogrill, maledetta diffidenza!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo