Passa ai contenuti principali

Marmellata di pomodori verdi

Se penso ad un film che mi ha accompagnato nell'adolescenza e che adoro tutt'ora, sicuramente penso a "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno", tratto da un libro di Fannie Flagg.
In quel periodo, appena finite le scuole medie, ero tornata ad essere ad essere una divoratrice di libri e mi ricordo che correvo in biblioteca e ogni volta che volevo leggere qualcosa di divertente, prendevo uno dei suoi libri, ma mai uno in fila all'altro, se no poi sarei rimasta senza. Li ho letti tutti e quanto mi sono piaciuti... mi ricordo che di alcuni mi trascrivevo le frasi che trovavo più esilaranti e ridevo... Non so se adesso, a 34 anni, mi farebbero lo stesso effetto, ma nei miei ricordi Fannie è proprio una grande.
E quindi se si parla di pomodori verdi si pensa a Idge, a Ruth, a Katy Bates, anche se in realtà fritti io non li ho mai fatti. A pensarci bene non mi è nemmeno mai capitato di trovare i pomodori verdi al supermercato, chi li compra? 
Ma quest'anno quei bellissimi cuori di bue mi dicevano "coglimi, coglimi" e poi mi sono caduti in mano e ho pensato ai miei amici Manu, Matteo e Beppe in vacanza in Francia e al buon formaggio che avrebbero portato a casa e quindi, pensando a loro, ho fatto questa marmellata.
Le mie amiche del caffè di Whistle Stop aspetteranno ancora un po' per veder realizzata la loro ricetta e purtroppo anche i francesi non hanno fatto il loro dovere quindi dovrà aspettare anche la marmellata per esser mangiata con del buon formaggio d'oltralpe.
Nel frattempo mi "accontento" di ottimo pepato siciliano.



















Ingredienti:
850 g di cuori di bue verdi
350 g di zucchero semolato
1 limone

Lavare i pomodori, eliminare i semi e tagliarli a piccoli cubetti.
Metterli in una casseruola con lo zucchero e il succo di limone e far cuocere a fuoco lento per almeno 2 ore (io 2 1/2).
Nel frattempo preriscaldare il forno a 100° e mettere e sterilizzare i barattoli per 5/6 minuti.
Invasare la marmellata, tappare i barattoli e farli raffreddare capovolti.

Commenti

  1. Mi ricordo che me lo fecero vedere alle medie e rimasi un attimo disgustata dal finale.. pensare che il film mi era piaciuto eccome! :) ti rubo la ricetta intanto, ho sempre desiderato provare a farla! bacioooo

    RispondiElimina
  2. bella!!!!!!!!!! Io l'ho fatta una volta ma non mi era uscita granche', ci dovrei riprovare :-)

    RispondiElimina
  3. Mia mamma ne ha fatti un paio di vasetti ma non ero sicura con cosa abbinarla. Quindi suggerisci con un formaggio d'oltralpe?! ottimo!!! :)

    RispondiElimina
  4. Io la faccio tutti gli anni quando il capo mi porta i pomodori che ormai non maturano piu'!!! E mi strapiace!!!!
    Grande kikina!
    E Pomodori verdi fritti e' uno dei miei film preferiti! :-)
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  5. buonissima! è molto invitante!

    RispondiElimina
  6. Ciao bella ragazza! Che figata questa marmellata. Ho sempre pensato di farla, insieme a quella di cipolle e proprio per accompagnare i formaggi e poi lascio perdere, dato che ormai sai anche tu che non sono un gran che in quanto a marmellate. Ma adesso mi hai fatto proprio venire voglia! Allora, o mi inviti e io compro i formaggi francese all'Esselunga ^-^, oppure ma la preparo!

    Ti abbraccio forte Chiara
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che bella la marmellata, proprio un idea interessante, non ti dispiace se me la tengo in serbo vero? proprio oggi ho visto dei bei pomodori verdi e sono sicuro li troverò la prossima volta che vado a comprare verdure. Complimenti anche per il tuo blog, passa a trovarmi se ti va. ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo