Passa ai contenuti principali

Tarte tatin alle albicocche e mandorle


Ormai la casetta di pietra è diventata il nostro rifugio, un luogo a cui tornare appena se ne ha l'occasione. Prendo come scusa le piantine di zucchine e pomodori che vanno annaffiate regolarmente, ma in verità io lascio lì il mio cuore ogni domenica, quando torno a Milano.

Ho lavorato tanto al giardino, era infestato dalle ortiche e le radici lunghe metri e super resistenti mi hanno dato del filo da torcere e fatto venire un sacco di vesciche alle mani. Il peggio sembra passato, il giardino sembra il Sahara, ma almeno le ragazze potranno giocarci senza il rischio di pungersi ogni istante.




Per ovviare in qualche modo all'imposta desertificazione, sui lati abbiamo piantato dei fiori, alcuni che ci ha regalato Noemi, la nostra mitica vicina della casetta verde in Coegia e alcun regalati dalla zia Nico, speriamo che crescano belli e colorati, già si intravede qualche piccola piantina.



Lungo il resto del perimetro abbiamo provato a piantare zucchine e pomodori, sempre graditissimi regali, questa volta del nuovo vicino, Alberto (di lui e delle sue caprette vi parlerò prestissimo, promesso).




Adesso che il lavoro più faticoso ce lo siamo lasciati alle spalle, spero di riuscire a godermi il più possibile la quiete, il silenzio e i profumi di questo angolo di paradiso.
Vi state rilassando anche voi, vero?
Approfitto per lasciarvi la ricetta di una tarte tatin fresca e profumata, con le albicocche, che in questo periodo sono al massimo del loro gusto straordinariamente dolce.
Ricetta preparata per la rubrica Invitto a cena della rivista Mag about food.



Per 6 persone
2 cucchiai di mandorle in scaglie
16-18 albicocche
100 g di zucchero semolato
50 g di burro non salato
Alcuni rametti di timo fresco
100 g di farina di mandorle
50 g di zucchero
3 cucchiai di latte intero
Farina 00 per spolverare
1 rotolo di pasta sfoglia pronta da 375 g
Zucchero a velo
 
Preriscaldate il forno a 220° C in modalità statica.
Delicatamente tostate le mandorle in una padella fino a doratura. Mettete da parte.
Tagliate a metà e denocciolate le albicocche.  Disponetele in una padella con il taglio verso il basso, cospargete con metà dello zucchero e lasciate macerare per 10 minuti. Mescolate delicatamente.
Mettete la padella su fuoco medio. Cospargete con lo zucchero semolato rimasto, unite il burro e la maggior parte del timo. Lasciate che lo zucchero e il burro si sciolgano fino a diventare caramello. Non mescolate, girate solamente la padella di tanto in tanto.
Nel frattempo, mescolate la farina di mandorle con il latte e lo zucchero fino ad ottenere una crema spalmabile.
Stendete il rotolo di sfoglia e spalmatelo con la crema di mandorle per poi adagiarlo sopra le albicocche, con la crema verso il basso e ripiegate i bordi. Trasferire la teglia in forno e cuocere per 20-25 minuti fino a quando la pasta non sarà cotta e dorata. Fate raffreddare la tarte per 5 minuti nella padella, quindi girate su un piatto da portata. Cospargete con le mandorle tostate e il restante timo e spolverate con zucchero a velo. 
Servite, a piacere, con gelato alla crema.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo