Passa ai contenuti principali

Rombi alle nocciole

Capita anche a voi che ogni volta che decidiate di mettervi a dieta la bilancia non faccia altro che segnare dei punti in rialzo?
Dopo aver praticamente finito tutti i biscottini alla tahina che erano peggio delle ciliege ho deciso che non avrei mangiato altri dolci prima del giorno della Vigilia di Natale.
Sono stata bravissima. Questi piccoli e deliziosi dolcetti burrosissimi fatti con Paoletta all'Immacolata sono rimasti nella loro scatola di latta pronti ad essere insacchettati per i pensierini di Natale.
Ieri, dopo quasi due settimane, mi sono ricordata che non li avevo nemmeno fotografati e sono corsa ai ripari.
Essendo molto friabili perdevano ogni tanto una punta o un pezzetto di glassa e io raccoglievo a mo' di aspirapolvere qua e là per la tovaglia. Vuoi non raccogliere tutte le briciole rimaste nella scatola con un bel cucchiaio? E quelli che non sono venuti proprio perfetti vuoi non assaggiarli?
Mi sa che in queste sere mi toccherà preparare altri biscotti, con buona pace della bilancia e della dieta, altrimenti cosa ci metto nei sacchettini da regalare?



 
























Ricetta tratta da I Dolci di Annelise Kompatscher e copiata dal blog La cucina piccolina
Per la pasta:
250 g di farina
250 g di nocciole tostate e tritate
125 g di zucchero a velo
250g di burro
una presa di sale
Per la glassa:
150 g di zucchero a velo
2 albumi
una manciata di nocciole tritate per guarnire

Lavorare il burro con le nocciole tritate finemente, lo zucchero a velo, il sale quindi incorporare la farina. Stendere la pasta su un foglio di carta forno ad uno spessore di 1 cm circa e metterla in frigorifero per almeno un’ora.
Sbattere gli albumi con lo zucchero a velo fino ad ottenere una massa spumosa facile da spalmare. Togliere la placca dal frigorifero e spalmarla di glassa.
Tagliare in strisce di circa 1 cm, poi con tagli obliqui ricavarne dei rombi su cui spargere le nocciole tritate.
Infornare a 200° per 15/20 minuti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …