giovedì 17 novembre 2016

Tirami-SEA OF ANGELS alle pere #mtc61


"Senti, com'è? Che sapore ha?”

Difficile comprendere come una domanda di questo tipo possa aver dato vita ad una delle scene più sexy del cinema americano. Se me lo avesse chiesto mio marito gli avrei sbucciato una pera e gli avrei risposto “toh, assaggia!” e invece nella scena del film City of Angels in cui Seth fa questa domanda a Maggie, le cose vanno diversamente:

Seth: “Descrivila, come Hemingway."
Maggie: "Beh, ha il sapore di una pera. Non sai che sapore ha una pera?"
Seth: "Non so che sapore ha una pera per te"
Maggie: "... dolce, succosa, morbida sulla lingua, granulosa come... sabbia zuccherina che si scioglie in bocca"


Il primo regalo di Natale che ho fatto a mio marito, pochissimi giorni dopo esserci conosciuti, è stato un ingresso alla mostra Dialogo nel buio all’Istituto dei ciechi di Milano: un percorso al buio, guidati solo dalle sensazioni tattili, uditive e olfattive alla scoperta dell’ambiente che ci circonda quotidianamente: una strada trafficata, un bosco, un stanza di casa. Il percorso si conclude in un locale dove si beve l’aperitivo ed ecco che entrano in gioco anche le sensazioni gustative.
Perché ve lo sto raccontando, perché in quell’occasione tutti i miei sensi si sono accentuati e solo in quel caso penso avrei potuto descrivere così una semplicissima pera.

Ora basta con le divagazioni romantiche di casa mia, torniamo ai veri protagonisti della nostra storia.
Per chi non avesse visto il film, è ambientato a Los Angeles, da qui il titolo città degli angeli ed è il remake holliwoodiano del celeberrimo film di Wim Wenders “Il cielo sopra Berlino”.
Seth e Maggie, un angelo custode e un cardio chirurgo, lei ha appena perso il suo paziente sul tavolo operatorio, lui è andato a prenderlo proprio per accompagnarlo nel suo ultimo viaggio.
Lei percepisce la sua presenza, nonostante inizialmente non lo possa vedere, ma lo sente e i loro sensi si fondono in una bellissima storia d’amore.
Un giorno Seth decide di fare il “salto” per poter poter amare Meggie, toccarla, sentirla; anche agli angeli è concesso il libero arbitrio, possono scegliere il loro destino: se rimanere immortali o diventare esseri umani.
Finalmente ora Seth può sentire il profumo dei suoi capelli, accarezzare la sua pelle nuda, percepire il suo calore.
Non sarà un epilogo felice il loro, Maggie infatti muore la mattina seguente alla loro prima e ultima appassionante notte d’amore.
L’ultima scena vede Seth in spiaggia, di fronte al mare, con tutti gli angeli intorno che si ritrovano all’alba e al tramonto ad ascoltare una musica sublime. Si lascia avvolgere dalle onde, grato delle sensazioni che riesce provare adesso che è diventato uomo.


L’idea per il mio tiramisù nasce dalla descrizione che Maggie fa della pera e si sviluppa in un crescendo di emozioni e consistenze fino ad arrivare all’ultima scena del film, di fronte a quel mare avvolgente blu curaçao, con la spuma delle onde di savoiardi imbevuti nella bagna alle pere e le pere caramellate  con i piedi sulla sabbia zuccherina di croccante alle noci macadamia. Un tiramisù destrutturato, da gustare verso l'orizzonte.



Tiramisù al blu curaçao, pere caramellate e croccante alle noci

Savoiardi di Leonardo di Carlo
Ingredienti per 30 biscotti:
120 g albumi
100 g zucchero semolato
80 g tuorli
100 g farina setacciata
scorza di 1 lime grattugiata

scorza di 1 mandarino grattugiata
1 g sale
zucchero a velo setacciato per spolverare

Preriscaldare il forno a  180° ventilato.
Rompere le uova e separare i tuorli dagli albumi. Far schiumare questi ultimi montandoli leggermente, aggiungere lo zucchero a pioggia, il sale e continuare a montare fino a che non si sarà ottenuta una meringa lucida e soda.
Mescolare i tuorli con la frusta in modo da renderli fluidi, quando gli albumi saranno pronti, unire le uova a cucchiaiate, poche per volta, mescolando delicatamente dall'alto verso il basso con una spatola in modo da incorporarli pian piano alla montata. Una volta amalgamate le uova, unire la scorza di lime e mandarino e mescolare ancora . A questo punto incorporare la farina, poca per volta, mescolando con una spatola sempre dall'alto verso il basso per non smontare il composto.
Trasferire la massa in una sac à poche munita di beccuccio liscio di 10-14 mm e formare dei bastoncini di circa 8 cm di lunghezza e 2 cm di spessore, direttamente sulle teglie rivestite di carta forno.
Spolverare generosamente di zucchero a velo e lasciar riposare dieci minuti, poi ripetete l'operazione. Quando lo zucchero sarà completamente assorbito, infornare e cuocere 10 minuti con il forno chiuso e 10 minuti con il forno tenuto aperto dal manico di un cucchiaio di legno. Lasciar completamente raffreddare prima di staccare i biscotti dalla carta forno e conservare in una scatola di latta.

Crema al mascarpone
450 g di mascarpone*
30 ml di blu curaçao 
4 tuorli
4 albumi
zucchero in pari peso dei tuorli e degli albumi.

Rompere le uova e separare i tuorli dagli albumi.
Raccogliere i tuorli in un recipiente che possa reggere il calore, pesarli e aggiungere lo stesso peso di zucchero,  mettere il recipiente a bagnomaria e montare con le fruste fino a raggiungere la temperatura di 70. Togliere la pâte à bombe dal calore e trasferirla in un bagno freddo, continuando a montare fino a completo raffreddamento. Procedere allo stesso modo con gli albumi, pesarli e aggiungere pari peso in zucchero.
Metterli in un contenitore a bagnomaria e portarli a 70° montandoli con le fruste. Toglierli dal fuoco
e continuare a montare fino ad ottenere una meringa densa e lucida, completamente fredda.
Trasferite il mascarpone in una  grossa ciotola, aggiungere il blu curaçao e mescolare bene, così da ammorbidire il mascarpone. A questo punto aggiungere prima la montata di uova, incorporandola con una spatola,  e poi la meringa, mescolando delicatamente fino ad avere una crema spumosa, morbida e vellutata.

*Mascarpone fatto in casa di Francesca Carloni
Ingredienti: per circa 450 g di mascarpone
750 ml di panna fresca al 35% di grassi
1 cucchiaio e mezzo di succo di limone
Versare la panna fresca in una ciotola di vetro o in un tegame di acciaio inox e far cuocere a bagnomaria fino a che non raggiunge la temperatura di 85°.
A questo punto, unire il succo di limone e mescolare bene: la panna inizierà ad addensarsi.
Continuare a cuocere a 85° per circa 5 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Togliere la ciotola dal bagnomaria, coprire e far raffreddare prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero, per 12 ore: al termine di questo riposo, la panna si sarà ulteriormente addensata.
Trasferire il tutto in un colino a maglie fitte, rivestito di un canovaccio pulitissimo e posto sopra ad una ciotola.
Chiudere il canovaccio legando i quattro lembi con un elastico e appenderlo con un cucchiaio di legno sopra una pentola a bordi alti in modo che raccolga il siero che colerà durante il riposo. Lasciar riposare altre 24 ore in frigorifero, la parte solida restante sarà il vostro mascarpone.
Conservarlo in un barattolo di vetro sterilizzato e a chiusura ermetica e conservarlo il frigorifero fino al momento dell’uso (non oltre i tre giorni).

Bagna alle pere
Ingredienti:
2 pere Williams
300 g di acqua
80 g di zucchero di canna

Sbucciare le pere, tagliarle in quarti e poi in grossi spicchi.  
Portare a ebollizione l'acqua con lo zucchero e le pere, spegnere il fuoco e lasciar raffreddare. 

Pere caramellate
Ingredienti:
2 pere Williams (utilizzate per la bagna)
30 g di miele di acacia
15 g di burro salato
  
Far fondere il burro in una padella capiente, quando sarà caldo disporre la pera tagliata a scaglie spesse, precedentemente utilizzate per insaporire la bagna. Versare il miele in modo che sia distribuito uniformemente e far caramellare.

Croccante alle noci macadamia
Ingredienti:
70 g di zucchero semolato
30 g di miele millefiori
150 g di noci macadamia 

Tostare le noci per 5 minuti a fuoco vivo, mescolando spesso e tritarle grossolanamente al coltello. Sciogliere lo zucchero e il miele in tegame a fondo spesso a fuoco bassissimo, senza mai mescolare e cuocere fino ad ottenere un caramello dorato. Aggiungere le noci e mescolare bene in modo che tutte siano avvolte dal caramello, spegnere il fuoco e trasferire subito su un foglio di carta da forno. Una volta raffreddato, tritare il croccante con il frullatore, per ottenere la sabbia zuccherina.




Note:
-ho fatto il mascarpone fatto in casa e rispetto a quello industriale è molto più saporito (nel senso buono del termine).
-ho fatto i savoiardi fatti in casa e rispetto a quelli industriali sono buonissimi, niente gesso per intenderci, ma continuano a non essere i miei biscotti preferiti, nonostante io sia per il partito dei savoiardi a discapito dei Pavesini
-ho fatto la pâte à bombe, perché volevo che questa sfida fosse l'occasione per provare qualcosa di nuovo, ma rimango fedelissima alla mia ricetta* con le uova crude, che risulta molto meno dolce e ugualmente stabile. 
Solitamente uso uova di galline felici, quelle di mia suocera, che per l'occasione hanno scelto di scioperare.
*(crema al mascarpone di Kikina: 400 g di mascarpone, 100 g di zucchero, 4 uova, 3 cucchiai di liquore 
Montare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara e molto spumosa, aggiungere il mascarpone, il liquore e infine gli albumi montati a neve fermissima, mescolando dal basso verso l’alto.)
Quando mi verrà la salmonella vedrò di tornare alla pâte à bombe, ma fino a quel momento, no grazie. Il tiramisù era decisamente troppo dolce unendo tutti gli elementi insieme, utilizzando le uova a crudo avrei eliminato la metà esatta dello zucchero, più tarato sui miei gusti.
-la crema al mascarpone idealmente doveva essere molto più blu, è venuta di un turchese pallido, ma onde evitare di fare un tiramisù superalcolico, ho utilizzato il blu curaçao anche sulla superficie delle onde solo ai fini fotografici, i 30 ml vanno messi tutti all'interno della crema.
-da quando Paolo è entrato a far parte di questo pazzo gruppo mi sento spronata a fare delle foto che esprimano il concetto della mia ricetta, e non solo il risultato di quello che ho cucinato.
Volevo rappresentare il mare all’alba e non avendo a disposizione uno sfondo adeguato (lo so che Genova è vicina, ma non si poteva fare), ho cercato di rendere l’idea con la luce calda, radente, a filo d’acqua. Un sole che sorge ad est guardando il mare verso ovest :-P

Ringraziamenti:
-A Susy del blog Coscina di pollo, che ha vinto la sfida sulle tapas con il suo trittico interspaziale (finalmente hai vinto, io l’ho detto da un po’ che te lo meritavi). Grazie alla sua creatività è riuscita a partorire una sfida altrettanto ingegnosa, la numero 61, in cui dovevamo ideare un sexi tiramisù ispirato al mondo del cinema. Mai come in questa fine 2016 mi state facendo zampettare i neuroni, grazie.
-Al barista del Niniva di Almè che si è lasciato corrompere dandomi un po' di liquore
-A Giuliana che ha gentilmente rabboccato portandomi il resto della sua bottiglia
-A Mai per aver condiviso con me l’amore per questo film in una chiacchierata in tempi non sospetti e per avermi incoraggiato e consigliato nella sessione fotografica in notturna
-Ad Alessandra per avermi portato nella Selva Oscura, la strada è ancora lunga, ma spero di fare passi avanti e che il miracolo avvenga anche per me
-Alla redazione MTC per i tips & tricks e per tutto il lavoro che sta dietro a questo bellissimo gioco


Con questa ricetta partecipo all'MTC di novembre sul sexi tiramisù di Susy


26 commenti:

  1. kikkina, bellissimo lavoro, bellissimo film, e tiramisù per me assolutamente goloso, adoro le macadamia! Dai che la strada è lunga, la percorriamo in compagnia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliana, il viaggio con te può essere solo un arricchimento e sono felice di averlo intrapreso. Magari prima o poi ci prenderemo una sbronza tutta blu.

      Elimina
  2. film bellissimo e quella scena che rivedrei mille e mille volte ancora...per non parlare del tiramisu...e del tuo lavoro dietro al tuo tiramisu'....complimenti davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patrizia, sono felice che ti sia piaciuto. Ho capito 2 cose: d'ora in poi mascarpone e savoiardi home made, di tutti i gusti.

      Elimina
  3. Che dire. Dopo aver visto quel film, la mia considerazione delle pere (frutto già molto amato), è cambiata radicalmente. :D
    L'ho visto, anche svariate volte, e soprattutto ho la colonna sonora, meravigliosa. Ma non riesco ad amarlo fino in fondo. Perché è troppo. Talmente tanto che mi infastidisce, ma è un problema mio.
    Cosa che non mi succede leggendo la tua ricetta, che trovo fantastica, azzeccata in tutto e soprattutto veramente evocativa, complessa, bella.
    Cara Kika, non c'è tua proposta in MTC che non premierei. Bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel complimento, grazie.
      Ho comprato la colonna sonora del fil più di 15 anni fa e ormai il cd salta da quanto è consumato. L'ha amta, sicuramente più del film, che trovo comunque molto bello (lo guardo ancora con gli occhi di una ventenne).

      Elimina
  4. Una presentazione del tuo dolce magnifica, penso alla faccia delle tue bimbe un attimo prima di andare giù a cucchiaiate, nonostante il Curacao (ma son svezzate bene !!)...ma la parte che mi ha affascinato di più e che in assoluto ho trovato sensuale, romantica, favolosa per uno dei primi appuntamenti con il proprio destino è questa esperienza sensoriale che avete fatto..al buio! Beh Kika questa scelta che hai fatto sia un modo splendido per conoscerti meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non l'ho raccontata tutta, se no la Van Pelt mi caziava per la lungaggine, ma in quel locale era presente un pianoforte e Filippo è stato scortato fino lì e ha suonato per tutti. Ero in un brodo di giuggiole.

      Elimina
  5. splendido, la tua presentazione, il tuo racconto con tuo marito e infine questa meraviglia.
    Complimenti

    RispondiElimina
  6. Il difficile di questa sfida era sia nel ricercare l'ispirazione che poi cercare di tramutarla in ricetta. Beh, quando tutto è perfetto, spesso si dà per scontato tutto il lavoro che c'è dietro. La scena è sublime e la realizzazione anche! Non potevi interpretarla meglio.
    Alla fine siamo romantici, noi abbiamo preso un fantasma, tu un angelo ahahah
    E capisco la strizza per la perdita di un post così complesso!
    Complimenti!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao fantasmino, felice che tu sia passato di qui, nella tua sublime trasparenza. Purtroppo il post non è stato recuperato, me lo sono dovuta riscrivere daccapo, ma come dice Mai: era destino che lo dovessi riscrivere, per scriverlo meglio.

      Elimina
  7. Beh ! senza parole . Bravissima .

    RispondiElimina
  8. Sorella di pere! Anche la tua versione mi convince moltissimo, e poi l'hai presentata con più convinzione fotografica di me sicuramente.
    Unica pecca, mi fa però tornare alla mente l'unica sbornia della mia vita: con un gelato affogato nel blue curaçao.
    E ora sbellicatevi, alla faccia di me astemiaccia del cavolo.
    Baci! Lidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi sono sbronzata con la sangria, a 18 anni, la prima e unica perdita di controllo dovuta all'alcol. La ricorderò per la vita. E adesso ridi pure tu.

      Elimina
  9. Non mi odiare, ma tu non sai quanto abbia detestato quel film che, per me, è e rimane "il film delle pere", un po' quelle che avrei voluto farmi alla fine.
    Ma, lo avrai capito dal mio post, sono "diversamente romantica", quindi non mi aspettavo nulla di meno da me :D
    In compenso il tuo tiramisù mi convince in tutto e per tutto.. questo sì che è rendere onore alle pere (e al film) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che le pere che ti sei fatta alla fine del film non abbiano pregiudicato il tuo giudizio, ben più importante, sul un frutto che io amo alla follia e che è il vero protagonista sexi di questa mia ricetta. il tuo essere così diversamente romantica è anche quello che ti rende così speciale.

      Elimina
  10. Ho visto quel film ma il mio romanticismo si è perso nella lentezza esasperante delle scene, dovrei rivedermelo. Letto così però ha un altro sapore e mi piace molto. Mi piace anche il tuo tiramisù, legato alla descrizione di un sapore che è filo conduttore di tutto il dolce. Brava Kika semmai ce ne fosse stato bisogno, fai passi da gigante, in tutti i sensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricevere bei complimenti da chi si stima profondamente è sempre una cosa che scalda il cuore.

      Elimina
  11. Le pere non sono il mio frutto preferito ma grazie alla tua bravura,al tuo estro e alla tua sensibilità avrei voluto tanto provare il tuo tiramisu. Hai raccontato la tua esperienza con tuo marito in maniera splendida,semplice ed emozionante anche per chi non c'era ma ha potuto leggeri. La ricetta è bella e sei fantastica perchè ti sei messa in gioco in tutte le preparazioni.Il croccante alle noci macadamia è la mia parte preferita della ricetta:ti prego portamelo al raduno:). Sono fortunata ad averti conosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo neanche mai provato le noci macadamia, ne avevo un pacchettino regalatomi da mia cognata e su 250 g, 150 sono finiti nel croccante, gli altri 100 g li ho sgranocchiati mentre facevo il resto, praticamente una droga. Vedrò cosa posso fare al raduno, magari preparerò un pacchettino speciale tutto per te (solo per Alice avviamente!) La fortuna è reciproca e sono felice di condividere la stanza al raduno, avremo di che parlare.

      Elimina
  12. Anche se vedo pochi film, Il Cielo sopra Berlino e' uno di quelli che ha segnato la mia tarda giovinezza. Ogni volta che ci ripenso ritrovo intatte certe emozioni e ho una tale paura di contaminarle che nemmeno ho mai rivisto l'originale, figuriamoci il remake. Pero', le tue emozioni sono arrivate, forti e chiare. E sono arrivate attraverso una scrittura trattenuta al punto giusto, che lascia intuire una guida piu' sicura, capace di decidere quando e' il momento buono per lasciarsi andare e quando no- e di coinvolgere il lettore, senza che questo se ne accorga.
    E il tiramisu' corrisponde: sapori distinti, che non arrivano come una pugnalata, ma si insinuano con sfumature delicate, accompagnati da profumi, colori, sollecitazioni dei sensi. E il tuo procedere parallelo avanza. Alla grandissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono grata a te per la bella opportunità che mi hai dato e per la pazienza con la quale hai gestito i miei fiumi in piena. Adesso spero solo che continuare sulla retta via.
      Sono felice di questo tuo commento, che il messaggio sia arrivato come speravo, con tutte le sfumature che gli ho voluto dare.

      Elimina
  13. Ho amato molto il "Il cielo sopra Berlino", come tutti quei bei film che alla fine ti fanno dire:"Che bel film! Ho pianto tanto!" Perché quello è il pianto struggente. Il tuo Tiramisù è proprio struggente: immagino le consistenze e penso che all'assaggio parta la musica del film... Niente poteva essere più azzeccato! Sei proprio brava!

    RispondiElimina
  14. Cara mia, in questa sfida hai centrato perfettamente il tema, il film è dolcissimo e condivido con te la sexytudine della scena sopra citata, davvero un tiramisù che calza perfettamente con il film.
    Bella la foto e devo dire che in questa sfida volevo, cercavo, la creatività fotografica, tu sei una delle poche che ha voluto fotografare per trasmettere ciò che ha cucinato, l'ho apprezzato molto e per questo ti faccio un'applauso grandissimo!.
    Per il tuo tiramisù, anch'io sono del partito uova crude e non ne esiste altra versione, comunque tornando alla tua proposta, devo dirti che gli abbinamenti sono interessanti e devo ammettere che quel croccante alle noci di macadamia mi ha fatto proprio impazzire, un mare di gusto e sapore come sabbia zuccherina che si scioglie sotto la lingua....bravissima!!!

    RispondiElimina
  15. ripasso perche il comento non si e salvato!!!
    Ho amato dal primo momento il tuo tiramisù. Del film mi ricordo bene quella scena alla quale ti sei ispirata...
    Credo che tu sia una delle persone, qua dentro, con delle capacità nescoste e che stano venendo a galla a una velocità incredibile! Sei risoluta, intuitiva e una sensibilità estrema. Si vede datutto cio che fai, come lo fai e vome lo raconti! io in quella tua spiagia di tiramisu mi ci butterei subito! GRANDISSIMA!!!!

    RispondiElimina
  16. Kikina mia...è buonissimo....e lo so perché mi sono mangiata l'ultimo pezzo. Brava!!!!,

    RispondiElimina

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Related Posts Plugin for Blogger...