Passa ai contenuti principali

Lasagne o pizzoccheri?

Un paio di settimane fa ho iniziato a fare una dieta, una di quelle fighissime, dove un dietologo ti fa l'esame del Dna e poi ti dice quali cibi metabolizzi meglio e quali proprio non devi mangiare, perché ti fanno ingrassare solo a guardarli.
Una dieta fighissima dove non si pesa nulla, l'unica cosa importante è rispettare l'associazione dei cibi che ti è stata prescritta, eliminando tendenzialmente tutti i cibi "rossi", prediligendo i cibi "verdi" (che si possono mangiare a volontà) e quelli "gialli" (da mangiare con più moderazione).
Ci sono addirittura degli extra settimanali: i miei ammontano a 5 biscotti (non è specificato quali, quindi di solito mangio i più zozzi che ci sono) e 100 g di cioccolato (anche qui non ci vado mica per il sottile, eh!).

La mia dieta di oggi prevede pasta fresca condita e quale migliore occasione per preparare le lasagne per la 42° sfida dell'mtc?

La domanda era come le faccio e cosa ci metto dentro? Eh si, perchè l'uovo è un alimento "rosso" e quindi tendenzialmente non posso mangiarlo, "rossi" anche tutti i formaggi, ma paradossalmente la magrissima ricotta mi fa molto più male del Casera e del parmigiano e "rossi" anche tutta la famiglia dei cavoli, solo la verza si salva grazie a qualche punticino, che la fa diventare "gialla".
La scelta a questo punto mi è sembrata quasi obbligata, l'uovo avrei comunque potuto utilizzarlo ma ho chiesto il permesso di ometterlo al giudice supremo, la quale me l'ha accordato e quindi ho optato per questo condimento tutto valtellinese, che amo da morire, ma che mi congedo di rado. Ma oggi nella dieta era permesso, sarei stata pazza a non approfittarne.


Lo so che molte di voi si saranno fermate alle prime righe, vogliose di provare questa dieta strepitosa che vieta l'utilizzo della bilancia; se volete saperne di più scrivetemi in privato, vi darò tutti i contatti del caso.



Ingredienti per 3 persone:
Per la pasta:
200 g di farina di grano saraceno
50 g di farina 0
130 g di acqua
Per il condimento:
400 g di verza
250 g di patate
30 g di parmigiano grattugiato
50 g di burro
3 foglie di salvia
1 spicchio d'aglio
pepe q. b.
Per la fondue:
200 g di formaggio Casera Dop
100 g di parmigiano grattugiato
50 g di latte intero
noce moscata q.b.
sale



Mescolare le due farine, impastare con l'acqua e lavorare per circa 5 minuti. Con il mattarello tirare la sfoglia fino ad uno spessore di 3 millimetri. 

Vi rimando nuovamente alle istruzioni di Sabrina, che descrivono al meglio l'ondeggiamento da ballerine di danza del ventre che bisogna fare per stendere la pasta in modo impeccabile: "Impugnare il matterello tenendo le mani vicine e facendo pressione con il pollice e il palmo appena sotto. Partire dal cento e ruotare spesso la sfoglia. Man mano che cresce la ruoto arrotolandola sul matterello. I fianchi devo ondeggiare. Per farla tonda, far scorrere le mani su e giù per il matterello."
Una volta stesa, tagliare la sfoglia in rettangoli e farla asciugare per una decina di minuti.

Intanto che la pasta asciuga, mondare le verze eliminando le foglie esterne più dure e tagliarle a piccoli pezzi, sbucciare le patate e tagliarle a tocchetti. Cuocere le verdure in abbondante acqua salata per almeno 15 minuti e scolarle con una schiumarola a fine cottura.
Nell'acqua di cottura delle verze bollire le singole sfoglie di pasta per un paio di minuti, scolarle e metterle ad asciugare su un canovaccio pulito.
Preparare la fondue di formaggi facendo bollire il latte in un tegame, aggiungendo in seguito il formaggio Casera Dop tagliato a piccoli tocchetti, mescolare energicamente con una frusta e una volta sciolto completamente togliere dal fuoco ed aggiungere anche il parmigiano, mescolando fino a quando non sarà completamente amalgamato. Aggiustare di sale e aggiungere una grattata abbondante di noce moscata.

Assemblare le lasagne mettendo della fonduta sul fondo di una pirofila, coprire con le sfoglie di pasta, fare poi uno strato di verza e patate e coprire con altra fonduta di formaggi.
Continuare così fino a quando non saranno terminati gli ingredienti. 
Terminare l'ultimo strato con della fonduta di formaggi, il burro fuso sciolto con tre foglie di salvia e uno spicchio di aglio in camicia e un'abbondante spolverata di parmigiano grattugiato e di pepe.
Infornare per 10 minuti a 180 °.

Mio marito mi ha detto: "ti autorizzo a scrivere sul blog che mi è piaciuta!"
E io ovviamente non perdo occasione :-P
Poi se considerate che anche Irene ne ha mangiata una fetta considerevole, capirete che la soddisfazione è totale.



gli sfidanti
Con questa ricetta partecipo alla 42° sfida dell'MTC indetta da Sabrina del blog Les madleine de Proust

Commenti

  1. Compagna di gusti, sapi che aprezzo la tua tempranza, e la pazienza del bollini colorati (questa cosa mi piace... i bolini colorati...) ma lasciamelo dire che è goduriosa lo stesso, poi io preferisco le paste rustiche e la farina di grano saraceno è stupenda per tutto!

    bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. Sarà una lasagna pizzoccherata, ma che ti devo dire, per me hai fatto qualcosa che darebbe una gran soddisfazione al palato!!!

    RispondiElimina
  3. ma che buona! amo i pizzoccheri e anche la tua lasagna :-P

    RispondiElimina
  4. Oh mamma!!! E mi viene da dire solo questo! La tua lasagna è un mix di sapori che adoro a partire dalla scelta del grano saraceno (amo i pizzoccheri con tutta me stessa) alla verza e alle patate. E che dire del Casera??? Ottimo tutto!!

    RispondiElimina
  5. Ti inquadro la situazione.
    Incollata alla scrivania, non ho portato la schiscetta, non esco altrimenti mi prendo porcate.... e vedo QUESTE lasagne.....
    TU VUOI CHE MUORO!
    Brava bimba.
    A presto.
    Nora

    RispondiElimina
  6. Ormai anche le diete sono cambiate e sono molto più basata sulla scienza.
    Bellissima ricetta, ricca di profumi e sapori.

    Fabio

    RispondiElimina
  7. i formaggi non sono bianchi? e l'uovo non è arancione e giallino? e il dietologo, non è dalronico? E queste lasagne, non sono uno spettacolo? ;-)

    RispondiElimina
  8. Wow! Alla faccia della dieta! Complimenti e te li faccio di colore BLU, il mio preferito ;-)

    RispondiElimina
  9. Grande la tua lasagna che sa di montagna!
    In bocca al lupo per la tua dieta colorata che mi sembra molto smile!
    Grazie.
    Sabri

    RispondiElimina
  10. A me non mi interessa nulla se non il fatto che posso mangiare questa lasagna pur seguendo una dieta!!! Geniale, come geniale è questo piatto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…