Passa ai contenuti principali

INSALATA DA TIFFANY: PERCHE' QUESTO E' PIU' BELLO #questoepiubello

La piccolina è a casa della nonna, in Valle Imagna, e a quanto pare si diverte tantissimo.
Mi mandano foto e video di lei sempre sorridente, raccontano di una bimba adorabile che mangia, dorme e gioca, senza mai nemmeno fare i capricci.
Quando l'ho vista, nel weekend, l'ho trovata cresciuta, con un paio di dentini in più, che dice parole nuove e interagisce con gattini e galline. Le cocò mi hanno sostituito nei suoi pensieri.


Quando sono a Milano cerco di fare tutto quello che è in condizioni normali è poco gestibile con una bimba di 14 mesi al seguito, difficilmente passo la serata in casa e quindi difficilmente preparo qualcosa da mangiare e questa è sicuramente la prima ragione per la desertificazione di questo blog.

Poi ci si mette anche mia mamma a tenermi fuori casa... comincio a pensare che abbia il mal d'estate.
In primavera, invece di fiorire, comincia il suo lento decadimento annuale, che raggiunge il suo apice poco prima che io parta per le vacanze e generalmente continua fino all'inizio dell'autunno... poi galleggia in uno stato di semi coscienza di alti e bassi, prima dell'inizio del ciclo successivo.
Ogni anno c'è una ragione diversa, ma fondamentalmente il risultato è che se non mi ha nel suo raggio di azione costantemente, si innesca il meccanismo e questa è la seconda ragione che mi tiene fuori dalla cucina.

Da oggi però ci sarà un'ottima ragione per rientrarci, perché nelle librerie esce:

"Insalate da Tiffany", il nuovo libro della community che partecipa all'MT Challenge
Il libro, a cura di Alessandra Gennaro e edito da Sagep Editori, la casa editrice che questo inverno ha lanciato il caso editoriale dell'anno "L'ora del Patè", raccoglie le migliori creazioni preparate per sfida della Caesar salad, indetta da Leo del blog Cozzaman.

Le insalate sono suddivise in due parti: le "insalate da Tiffany", vale a dire quelle che ricreano lo spirito della Belle Epoque, quando questa portata ebbe finalmente una collocazione di tutto rispetto nei menu; e "50 pezzi facili", ossia ricette più veloci, ma non per questo meno appetitose e "nobili".
Troverete un'interessantissima sezione dedicata ai condimenti, alle emulsioni, agli olii, aceti e sali aromatici fatti in casa e le imperdibili rubriche, dedicate alla storia e alla tecnica... e tanto altro che non scoprirete sfogliando le coloratissime pagine del libro. 

Le accattivanti fotografie di Paolo Picciotto e le divertenti illustrazioni di Mai Esteve fanno da sfondo alle bellissime ricette ideate dai membri della community; la sapiente impaginazione di Barbara Ottonello di Sagep Editori e la direzione editoriale di Fabrizio Fazzari fanno il resto, rendendo questo libro un'immancabile compagno per le vostre cene estive e per i menù delle vostre feste.

Cambiano i contenuti, alcune collaborazioni, ma non lo spirito del gioco che si è trasformato in quello che diventerà il secondo caso editoriale dell'anno e soprattutto non sono cambiate le finalità benefiche dell'iniziativa:
acquistando una copia di Insalata da Tiffany, infatti, contribuirete alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link: http://www.piazzadeimestieri.it/), un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l'atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.

Affrettatevi a correre nelle librerie perché l'estate sta attendendo l'uscita di questo fantastico libro per arrivare, dipende solo da voi.


E non dimenticate di regalarlo alle vostre mamme, alle vostre mogli, a tutti i vostri amici, perché #questoepiubello... decisamente più bello... quasi come lei! :-*


Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo