Passa ai contenuti principali

Un'insolita cheesecake

Mi sa che se non mi sbrigo a pubblicare questa ricetta faccio prima ad aspettare il prossimo Natale. Ma siccome sono sicura che anche voi, come me, avete ancora del panettone da smaltire, la ricetta ve la scrivo adesso.
Devo però fare una breve premessa, io il panettone non l'ho mai amato troppo, fino a qualche anno fa lo vivisezionavo per togliere tutti gli ospiti indesiderati (leggasi canditi e uvetta) che popolavano la gustosa pasta lievitata. 
Qualche settimana fa, però, Lorenzo, che ha un paio di fantastiche gelaterie a Milano, Le botteghe di Leonardo*, è venuto a cena a casa mia e mi ha portato in dono il panettone che utilizza per fare un gelato meraviglioso (ha portato anche il gelato, sia chiaro :-P) e mi ha chiesto di fare delle frittelle per carnevale. Lo sventurato visitatore però non sapeva che a casa mia friggere è vietato e quindi niente frittelle, ma il panettone l'ho usato in parte per fare questa gustosa ed insolita cheesecake e tutto il resto l'ho mangiato puro.
Che dire, io non faccio collaborazioni con nessuno e non faccio pubblicità a nessuno (mi scoccia  anche tantissimo andare sui blog altrui e trovare interminabili liste della spesa, ma questo argomento avrò modo di affrontarlo più avanti) ma quando una cosa è davvero buona lo devo ammettere e mi piace anche dirlo e quindi vi dico che sono diventata un'amante del panettone di Loison (ho provato classico, ai fichi e il mio preferito, alle amarene) e sono anche un'amante del gelato di Lorenzo, che non contiene emulsionanti chimici e addensanti, non contiene coloranti e nemmeno grassi vegetali idrogenati, si insomma un gelato genuino che consiglio a tutti di provare, non ne rimarrete delusi. 

*Sul sito trovate tutti gli indirizzi dei negozi, 2 a Milano, 1 a Firenze e 1 ad Altedo.



Ingredienti: (dosi indicative)
4 fette sottili di panettone (io Loison classico)
200 g di ricotta
200 g di marmellata di cachi e mele
100 g di zucchero
2 uova
crostini di panettone

Mettere le fette di panettone sulla base di una teglia da forno stando attenti a coprirla bene.
Preparare la crema di formaggio mescolando la ricotta, la marmellata, lo zucchero e le uova (io sono andata un po' ad occhio, assaggiando per dosare bene lo zucchero e la quantità di marmellata). Versare la crema nella teglia direttamente sul panettone e infornare per circa 30/40 minuti, comunque fino a quando non formerà una crosticina dorata in superficie e la crema di ricotta non si sarà completamente rassodata. Cospargere infine di crostini di panettone e lasciar raffreddare a temperatura ambiente. 

Commenti

  1. Grande kikina.... ha un aspetto davvero invitante!
    Un baciottone gioietta! :-)

    RispondiElimina
  2. di panettoni non ne ho, ma l'idea te la rubo lo stesso perchè potrà sicuramente servire per qualcosa di simile....stanno arrivando le colombe ^_______^ ciauzzzzzzzzz

    RispondiElimina
  3. Che bella idea per il riciclo del panettone!!!

    RispondiElimina
  4. kika che buono...questo lo copio!

    RispondiElimina
  5. complimenti brava come sempre..ma adesso voglio assaggiarla. tu porta la torta e io faccio i pizzoccheri !!

    RispondiElimina
  6. Va bhe la prossima volta che hai questi ospiti invitami a cena! :) Concordo sulla vivisezione, io i canditi ancora non li sopporto, per fortuna non li mettono quasi più hihi ;)
    Molto leggero come cheese cake?! Però una fettina l'assaggerei! :)

    Baci Vevi :)

    RispondiElimina
  7. Purtroppo a casa mia di panettone avanzati se ne trovano pochi, perché ne comrpiamo pochi, proprio per evitare giacenze :) di sicuro però prossimo natale terrò conto della ricetta :)

    RispondiElimina
  8. Veramente interessante la tua proposta, mi ispira tantissimo, però credo che utilizzerò l'avanzo della colomba perché di panettoni adesso non se ne parla proprio.
    Ti mando un bacione, Pat

    RispondiElimina
  9. complimenti per il tuo blog.. è molto bello e ci sono molte ricette interessanti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo