Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

La mia devil's food cake per il club del 27

Correva l'anno 1990, quando passavo gran parte delle mie estati in una colonia della valle Imagna. Era luglio, secondo turno, e Lella era l'assistente del mio gruppo e  non mi era per niente simpatica.  Un giorno stavamo pranzando nella grande mensa quando scoprì che era nata il mio stesso giorno e d a quel momento esatto tutto cambiò. D'un tratto non c'era che lei: ero ammaliata da come muoveva le mani, ero rapita quando mi narrava i racconti di Alan Poe la sera prima di addormentarmi, adoravo che mi portasse i marsh mallows quando la sera usciva con gli altri assistenti. Eravamo diventate amiche. L'estate successiva ci ritrovammo, i ruoli non erano cambiati, q ualcosa di nuovo però c'era: Andrea. Inutile dire che adoravo anche lui, un ragazzo di pochi anni più grande di me, lì in vacanza con il suo compagno di liceo, il figlio dei padroni della colonia. Per un mio gioco di fanciulla, Andrea e Lella, erano diventati la mia mamma e il mio papà, no

Pollo fritto #mtc63

Erano nascosti dietro la staccionata dipinta di fresco, a turno sbirciavano nella fessura tra le due assi. Lei indossava il suo grembiule bianco e in testa aveva un canovaccio attorcigliato a formare un turbante. Si muoveva rapida, intingeva le sue mani nere e paffute nella ciotola dove la carne era stata una notte intera a marinare, ne prendeva un pezzo , lo adagiava sul cucchiaio, per poi tuffarlo nella pentola d’olio bollente. Una volta dorato e fragrante lo estraeva e aspettava che fosse completamente asciutto prima di metterlo nel piatto . Finalmente era pronto e il suo profumo era inconfondibile. Avevano poco tempo,  Dora non avrebbe impiegato molto a salire le scale per andare a chiamare i figli del padrone, dovevano muoversi velocemente. Vedendola uscire, si buttarono in fretta oltre la staccionata e attraversarono di corsa i pochi metri che li separavano dalla casa. Si acquattarono sotto la finestra, le spalle contro le assi di legno, le orecchie tese. S