Passa ai contenuti principali

Linguine con sugo di pomodori e vongole

In casa mia, quando ero piccola, la pasta era il cibo del pranzo del sabato e della domenica.
Durante la settimana consumavo i pasti a scuola, quindi la sera si mangiava un semplice secondo e via a nanna quando fuori c'era ancora luce.
Ricordo che i condimenti erano ciclici e sempre gli stessi: pasta alla ricotta, pasta e cavolfiori e pasta e broccoletti al sabato, la domenica invece si mangiava un più corposo ragù o la pasta al sugo in cui avevano cotto le polpette o le braciole di cavallo. 
Mia mamma cucinava sempre le stesse cose fino a quando non protestavo, per intenderci poteva preparare la pasta alla ricotta per 3 mesi di fila, tutti i sabati a mezzogiorno... ci siamo capiti vero?
Fortunatamemnte ad un certo punto della nostra vita ci siamo scambiati i ruoli e in cucina sono subentrata io e la varietà dei condimenti non è certo mancata.
A onor del vero non sono mai riuscita a fare un piatto di pasta alla ricotta o ai broccoletti come lo faceva lei e nemmeno il sugo mi è mai riuscito buono come il suo. 
E' proprio vero che la bontà è soprattutto nelle cose più semplici.

Oggi si festeggia la Giornata mondiale della pasta e non vi propongo una pasta con i broccoletti, perché in cucina non c'è la mamma ma ci sono io, quindi si mangia pasta alle vongole.


Ingredienti per 4 persone
400 g di linguine
500 g di vongole veraci
500 g di pomodorini colorati (rossi, gialli, arancioni e verdi)
200 g di fumetto di pesce
2 cucchiai di bisque di scampi
1 spicchio d'aglio

Tritare finemente l'aglio privato dell'ainma interna, farlo imbiondire in un giro abbondante di olio extravergine. Aggiungere i pomodorini mondati e tagliati a spicchi e far cuocere a fuoco vivo per 5 minuti. 
In un'altra padella far aprire le vongole a fuoco vivo senza condimenti, filtrare l'acqua di cottura in un colino a maglie fini e tenere da parte.
Lessare la pasta in abbondante acqua leggermente salata, scolarla 3 minuti prima che sia pronta e metterla nella padella con il condimento di pomodorini, aggiungere il fumetto, la bisque e mantecare a fuoco vivo per 3/4 minuti, se necessario utilizzare l'acqua delle vongole per lasciare il sugo moto cremoso.
In ultimo aggiungere le vongole sgusciate, una tritata di prezzemolo fresco e una grattata di pepe nero.


Oggi il Calendario del cibo italiano ha ripercorso lo stivale proponendo, con l'aiuto della community, una carrellata dei piatti più famosi di ogni singola regione italiana, io se fossi in voi non mi lascerei scappare questa occasione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …