Passa ai contenuti principali

Torta soffice alle pesche e le meritate vacanze

Eccomi rientrata da tre settimane di vacanza senza pc.
Finalmente, dopo anni, posso dire di aver passato un’estate rilassante anche con le bambine, crescono, diventano sempre più autonome e questo mi permette di staccare la spina ogni tanto e dedicarmi a me stessa.

Il caldo è stato pesante, sul litorale laziale per fortuna il mare era bello e pulito, ma non c’è stato molto spazio per avventure nell’entroterra come avevamo sperato e quindi la nostra routine non ci ha quasi mai portato troppo lontano da casa: mare al mattino, pranzo a casa e poi in piscina dopo il riposino. 
Ogni tanto siamo usciti a mangiare, Santa Severa ci ha dato il benvenuto con la sagra dello Street Food, piatti gurmet con prodotti d’eccellenza, poi abbiamo mangiato dell’ottimo pesce di lago alla Trattoria Vicarello di Trevignano Romano, sul lago di Bracciano; un succulento sauté di cozze all’Angoletto di Santa Severa; poi carne alla griglia al Piccolo Mondo di Bomarzo e infine Tolfa e una trattoria superlativa di cucina tipica tolfetana Da Buzzico, un piccolo locale con giovani gestori appassionati e molto competenti, dove abbiamo trovato un’ottima accoglienza e cibo eccezionale.
In effetti sono rimasta con la voglia di pasta alla carbonara e cacio e pepe, ma non l’ho trovata in nessun menù.


E’ stata un’estate di letture, tante, complice il sonnellino pomeridiano delle bambine e la mia poca propensione al sonno notturno. Ho fatto scorpacciata di storie misteriose e thriller incalzanti e ne avevo davvero bisogno. Ho trovato anche il tempo per cucinare, a mio marito non sembrava quasi vero di non dover mangiare pasta al pesto, insalata di pomodori e prosciutto e melone tutte le sere.
Il top però l’ho raggiunto con la preparazione della torta per la colazione. Lo sapete che le torte non sono il mio forte, faccio proprio fatica a sfornare qualcosa di soffice che non diventi di pietra dopo 3 ore, ma il miracolo è avvenuto, senza bilancia e soprattutto senza burro.


Ingredienti per una teglia rettangolare 20x30
2 bicchieri e mezzo di farina
1 bicchiere e mezzo di zucchero
1 bicchiere di latte
1 bicchiere di olio di arachidi
1 bustina di lievito
1 limone
1/2 bicchiere di succo alla pesca
3 uova
1 pizzico di sale
4 pesche tabacchiere

Setacciare la farina con il lievito, unire lo zucchero, il sale e mescolare bene. Aggiungere il latte, il succo di frutta, il succo e la scorza di limone e l’olio continuando a mescolare. A questo punto unire le uova, una alla volta, amalgamando bene al composto prima di aggiungere la successiva.
Versare il composto nella teglia e porre le fettine di pesca, precedentemente sbucciata, sulla superficie.
Cospargere con zucchero semolato ed infornare a 180° per 45/50 minuti.


Non me ne vogliano i romani che hanno preso dimora a Santa Severa, ma il posto fa proprio cagare.
Sporca, mal tenuta con marciapiedi dissestati e impraticabili. Laddove non ci sono gli enormi alberi a sbarrarti la strada, si trova il cespuglio della casa di turno, o il lampione o la cabina elettrica; le piastrelle sono staccate e non vengono rimosse, la spazzatura è lasciata sui marciapiedi fino a tarda mattinata eppure poi ci sono case molto carine, si vede che la gente che la abita in estate è gente che ce li ha i soldi e quindi, mi chiedo, perché non pretendere che il paese sia all’altezza delle persone che lo frequentano?
Di sicuro io non ci tornerò, ma è solo una questione di gusti.

Commenti

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …