Passa ai contenuti principali

Torta di formaggio alle mandorle e arancia... e un budino, cercando di salvare capra e cavoli

Ieri ho fatto un disastro in cucina, ho spappolato una torta di formaggio appena fatta uscire dal forno. 
Avevo ancora un pò di Quark da finire, dopo aver fatto la Goldtröpfchen Torte, così Christa mi ha omaggiato di un'altra ricetta delle sue parti, la Topfentorte, che altro non è, che una torta di formaggio, appunto.
Alla ricetta mi sono solo ispirata (si, solo di ispirazione si tratta, dato che poi come al solito ho fatto a modo mio, togliendo, aggiungendo), ma ho tralasciato il punto più importante, dove diceva "far raffreddare prima di sformare"!!!. :-|
E io che avevo fatto una bella coroncina di fette d'arancia alla base della tortiera... stando attenta a cospargere di zucchero la superficie, prima di disporle con ordine... in modo che in cottura si caramellassero... creando un bel cappottino croccante alla mia torta... 
Quando l'ho tolta dal forno sembrava perfetta, il formaggio era bello gonfio e anch'esso aveva formato una bella crosticina... 
La pazienza non è una delle mie virtù, questo lo so da sempre, ma in questo caso ero più che altro ansiosa che le arance non si staccassero dal bordo della tortiera, quindi ci ho messo un bel piatto sopra, giusto che ne coprisse l'intero diametro et voilà, ho girato la torta con un movimento rapido e deciso. 
C'è stato un rumore sordo, un plof, ho subito avuto paura a rimuovere la tortiera, temendo il peggio. 
Mi sono fatta coraggio... ho pianto! 
(metaforicamente, ovvio, mi piaceva l'effetto della frase :-P)

Non mi sono persa d'animo però, ho recuperato le fette d'arancia e ne ho foderato un altro stampo, più piccolo (uno da budino, per intenderci), ho recuperato la farcia, ci ho aggiunto del latte e un cucchiaino di fecola di patate, eliminando tutti i grumi e ho portato ad ebollizione, mescolando continuamente con la frusta. Ho fatto bollire per un minuto e poi ho versato il "budino" nello stampo e infine l'ho messo a raffreddare in frigorifero. Non contenta e siccome comunque non potevo, a questo punto, portarlo ai genitori di Filippo (lui come cavia va bene, ma le altre persone è meglio non avvelenarle) l'ho congelato e poi mangiato come se fosse un semifreddo.

La foto che vi faccio vedere è quella dell'errore che n'è uscito, molto buono, non lo nego, a voi invece consiglio di fare quella scritta qui sotto, ricordandovi di far raffreddare il dolce nello stampo prima di sformarlo! :-)


















Ingredienti per 8/10 persone:
200 g di quark magro
130 g di zucchero
100 g di mandorle
100 g di burro
2 uova 
2 arance

Lavorare 100 g di zucchero con il burro a temperatura ambiente per circa 3 minuti, con una frusta elettrica, fino a quando non sarà diventato spumoso. Incorporare i tuorli d'uovo, uno alla volta e continuare a mescolare. Unire il succo di mezza arancia, il quark magro e le mandorle, finemente tritate. Montare gli albumi a neve fermissima, aggiungendo un pizzico di sale e incorporarli al resto degli ingredienti, mescolando dal basso verso l'alto, per non smontare gli albumi.
Ungere una tortiera con del burro e cospargerla con lo zucchero rimasto. Foderare lo stampo con delle fette d'arancia sottili, intere sul fondo e a metà su tutto perimetro dello stampo, versare il composto all'interno e infornare a 160° per 45/50 minuti.
Sformare il dolce solo una volta freddo.

Commenti

  1. lo sapevoooooooo!!!
    ahahah la fiduciosa ti fa i complimenti

    RispondiElimina
  2. bella bella idea..che proverò a presto simmy

    RispondiElimina
  3. al vedere la foto mi sembra proprio un gran bel disastro! bravissima....anche per la tenacia! baci

    RispondiElimina
  4. però visto infoto fa venire veramnete l'acquolina. Ora non so come dovrebbe venire,, ma visto sìcosì ti dirò che invoglia parecchio!
    La ricetta è molto interessante....
    Da provare. Un bacione

    RispondiElimina
  5. BUON COMPLEANNO ITALIA! Proprio in occasione dei festeggiamenti dell'Unità d'Italia, Ballarini e il blog Farina, lievito e fantasia hanno indetto un fantastico contest "150 anni in tavola". Si potrà partecipare con ricette tipiche delle proprio regioni e in palio ci sono dei bellissimi prodotti della linea Titanio della Ballarini.
    Corri a leggere il regolamento. Ti aspettiamo! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

    RispondiElimina
  6. a veder la foto...
    non si direbbe che hai sbagliato eheh ^_^ sembra buonissimo ;)

    RispondiElimina
  7. Kika ti adoroooo...non e' da tutti far vedere la foto di un salvataggio...per quanto credo ti sia riuscito comunque benissimo!!!!

    Un bacione gioia mia!

    RispondiElimina
  8. :D
    Ma infine non trovi che i salvataggi siano anche più divertenti??
    Certo, una volta superato l'attimo di panico e quello dopo di sconforto...
    Bravissima!

    RispondiElimina
  9. non volevo dirvelo, ma ieri Filippo se n'è spazzolato la metà... e meno male che appena lo ha visto ha storto il naso! Era bbbbbbuonissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo