Passa ai contenuti principali

Pan brioche di Luca Montersino, di PiccoLINA e adesso anche un po' mio!

Settimana scorsa, proprio per raccontare della bellissima avventura al casting di Masterchef, Paola ha postato questa ricetta. Che meraviglia, ho pensato, sarebbe potuta essere l'occasione di redimermi per non aver mai avuto la costanza di seguire una ricetta dalla A alla Z... e poi il suo post parlava anche di me, quindi ero destinata a rifarla... 
Piccolo problema, non ho l'impastatrice e mi vedete voi ad impastare con lo stesso movimento rotatorio del gancio? No, la remissione non poteva iniziare senza uno degli elementi fondamentali!
Ho atteso qualche giorno e poi è arrivata lei, Tiziana, la mia cara vicina di casa, già dispensatrice ufficiale di stoviglie e tovagliette colorate e da ora anche di impastatrici con tanto di gancio e fruste.
La forma del pan brioche, non me ne voglia Montersino, è quella che è (Paoletta, come hai fatto a fare quella bellissima treccia, che una treccia non è?), là dov'ero non c'erano stampi per plumcake e nemmeno carta forno, a dirla tutta, meno male che il burrosissimo impasto si è attaccato e poi anche staccato senza troppa sofferenza dalla teglia. 
Il sapore però non manca!
Io, non me ne vogliate voi, farò delle golosissime colazioni con cotanta bontà intrecciata e zuccherata, promettendo che la prossima volta non mi limiterò ad arrivare alla V, ma ci sarà anche la Z. 
Qualcuno mi regala l'impastatrice? Eddai, che tra meno di 10 giorni è il mio compleanno... Io in cambio vi potrei dare una fettina (meglio pezzettino) di pan brioche... Muah! :-)


















Ingredienti per 2 stampi da 25 cm circa:
500 g di farina Manitoba 
180 g di burro morbido
180 g di uova (3)
80 g di latte
70 g di zucchero
15 g di lievito di birra
15 g di miele
7 g di rum
1/2 bacca di vaniglia (io aroma)
7 g di sale
scorza di limone (1/4) (io arancia)
Panna e tuorlo per pennellare (io latte)

Preparare in una ciotolina gli aromi: rum, miele, vaniglia, scorza d'arancia grattugiata.
Mettere nella planetaria la farina, il lievito sbriciolato e lo zucchero e avviare con il gancio. Aggiungere il latte, poi le uova, leggermente battute a parte e lavorare per almeno 5 minuti.
Unire il burro morbido un pò alla volta facendolo assorbire fra un passaggio e l'altro.
Aumentare a metà velocità, unire gli aromi e infine il sale e lavorare fino ad ottenere un impasto liscio, amalgamato ed incordato (lo Zio piero ci insegna come), circa 15/20 minuti.
Mettere quindi in una ciotola e poi in frigo tutta notte, al mattino togliere l'impasto e lasciarlo a temperatura ambiente per circa un'ora prima di procedere con la forma. Date al pan brioche la forma che preferite, a treccia o a piccole brioche... 
Mettete a levitare fino al raddoppio circa 2 ore e mezza coperti.
Prima di infornare spennellare con latte. Cuocere a 180°-200° per circa 25/30 minuti.
Guarnire spolverando con abbondante zucchero a velo.

Commenti

  1. WOWOWOWOWOWO!!!!
    Ebbrava la mia Kika preferita!!!!
    Mi sembra di sentire il profumino fin qui... ti e' venuto davvero bene!!!!
    Io quello a treccia non treccia l'ho fatto cosi': stendo la pasta in un rettangolo in verticale (lato corto verso di te), quindi idealmente dividi il rettangolo in 3 strisce verticali. nelle due strisce laterali fai dei taglietti che poi risvolti verso l'interno, sulla striscia centrale, uno di dx e uno di sx.... piu' facile farlo che spiegarlo!!!! Poi ho messo in uno stampo da plum cake a lievitare.
    Complimenti gioia, rubo un pezzettino!!!!
    Uno stritolo e buonissima giornata
    Paola

    RispondiElimina
  2. Mi sa che ho capito, la prossima volta ci provo, che è troppo carino.

    RispondiElimina
  3. Bellissime ..chissà se riescono a diventare anche mie ? un bacio

    RispondiElimina
  4. L'ho fatto anch'io e come te ho messo l'arancia insieme al limone. E' strepitosamente buono ^__^ Buon we

    RispondiElimina
  5. Che buono, mi piace moltissimo questa versione, complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  6. mmm cara che buone che devono essere, è tanto che non sforno...quasi, quasi...;)

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Ho appena pubblicato i premi del contest...
    Se ti va passa a dargli un occhio!!!
    Buona Domenica
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. BEllissimo!!! CHe invidia ^____^ Io sono in un periodo di ricette iper semplici e anche i lievitati mi sembrano troppo complessi, speriamo passi in fretta! Come mi piacerebbe una fettina da mangiare ora a colazione... gnammm! Buona domenica!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo