Passa ai contenuti principali

Gnocchi di topinambur con fave e mazzancolle

La settimana scorsa ho comprato per la prima volta il topinambur, l'avevo visto in tante ricette in giro per la blogosfera e la cosa, devo ammettere, mi aveva incuriosito parecchio.
Ci ho messo una settimana a decidermi a cucinarlo, ma il mio cervello aveva già deciso che sarebbero stati gnocchi, d'altronde lo chiamano la patata dei diabetici, quindi per me avrebbe potuto benissimo sostituire la patata nell'impasto.
Le dosi sono sperimentali, in rete non ho trovato ricette di impasti di gnocchi senza l'utilizzo della patata, anche se in piccola parte, quindi è bastato provare.
Sicuramente ci si può lavorare un pò su, magari cuocendo il topinambur al vapore, anziché farlo bollire, in modo che non assorba acqua, essendo già abbastanza liquido di suo, io ho aggiunto un pò di farina e lasciato riposare gli gnocchi per una notte e il risultato è decisamente buono.

















Ingredienti per 4 persone:
per gli gnocchi:
300 g di topinambur
250 g di farina 00
per il condimento:
200 g di fave
150 g di topinambur
8 mazzancolle grandi
latte q.b.
olio evo
sale, pepe

Sbucciare e lavare il topinambur (300 g+150 g) e farlo bollire in acqua salata. Scolare bene e passare in uno schiaccia patate. Prenderne 300 g, aggiungendovi la farina e un pizzico di sale e impastare. L'impasto risulterà molto morbido e bagnato, non esagerare comunque con la farina. Creare gli gnocchetti e lasciarli riposare sulla spianatoia, precedentemente ben infarinata.
Far bollire le fave (io le ho usate surgelate) per una decina di minuti in acqua salata, scolarle e privarle della buccia. 
Pulire le mazzancolle, privandole della testa, del carapace, della coda e del filo intestinale, incidendoli sulla schiena con un coltellino, tagliarli a tocchetti e unirli alle fave in una padella, con un goccio d'olio.
Far bollire l'acqua in una pentola, salare e tuffarci dentro gli gnocchi. Sono pronti quando salgono a galla. Scolarli con la schiumarola e farli saltare in padella con le fave e le mazzancolle.
Scaldare, infine, in un tegamino il restante topinambur, mescolato ad un goccio di latte, mettere la crema a specchio in un piatto e adagiarci gli gnocchi, spolverare abbondantemente di pepe nero appena macinato e servire.

about food
Con questa ricetta partecipo al contest di Leda e Claudia del blog About Food, "Verdure di stagione: piselli e fave"











Stamattina il carissimo Gianni, del blog La mia cucina, mi ha lasciato un commento "se passi da me c'è una cosa per te" e io, curiosa come sono, sono immediatamente corsa a sbirciare e ho trovato il mio primo premio :-D


Volevo ringraziare Gianni, che non tralascia mai di passare per fare un saluto e che cucina sempre un sacco di cose buone.

Lo scopo di questo premio è dare la possibilità ai nuovi blog di farsi conoscere un po' di più.
Queste sono le regole che bisogna seguire per portare avanti questa simpatica idea:
1) Accettare il premio e scrivere un post a riguardo,
2) Scegliere da 3 a 5 blog che vi piacciono e che volete far conoscere comunicando loro che   hanno ricevuto il premio,
3) Linkare il post alla persona che ve lo ha inviato.

Ed ecco i blog che ho scelto:

Commenti

  1. Kika ma sono fantastici questi gnocchi! Ma le fave dove le hai trovate????

    RispondiElimina
  2. Una delizia assicurata! dove ci sono fave mi butto a capofitto ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. @Stella: le ho prese surgelate all'Slunga, le preferisco a quelle secche... ma attendo quelle fresche!

    RispondiElimina
  4. Io devo decidermi ad assaggiare il topinambur... il nome mi mette allegria!!!! :-)

    Brava Kika!

    RispondiElimina
  5. Kika, ma GRAZIE!! MI fa enormemente piacere, se considero che anche La Mai ha pensato a me per questo pensiero! I gnocchi di tpinambur.. io penso che siamo telepatiche, a parte che sono in trip col topinambur, proprio in questi giorni mi domandavo cme sarebbero stati gli gnocchi: ed ecco la risposta: in perfetto stile doctor Frankenstin "SI - PUO' - FAREEEE!" un bacione, appena ho un po di tempo ;)))

    RispondiElimina
  6. Caspita! Per essere una che non ha mai visto un tapinambur hai creato una ricetta d'eccezione!
    Io ci son cresciuta e solo leggendo i vari blog ho capito che si può anche fare cotto... l'ho sempre mangiato in pinzimonio o con la bagna caoda...
    Mi salvo questa ricettina che mi pare davvero una genialata.

    Per il premio ti ringrazio e ti bacio (smuck-smuck), ma non li ritiro mai. Cioè... virtualmente sì, ma poi non continuo la catena. Però grazie davvero per il tuo pensiero, lo apprezzo molto. :***

    RispondiElimina
  7. Le fave fresche sono la mia morte....mi è stato pure vietato di sbucciarle perchè sono più quelle che mangio di quelle che metto in pentola hahahaha!!!! il topinambur non l'ho mai usato, ma in effetti ho già trovato parecchie ricette con questo ingrediente! Sono felice che tu abbia gradito il mio piccolo pensiero! Un abbraccio....baci

    adesso vado a vedere i blog che hai premiato....

    RispondiElimina
  8. KIKA has preparado unos gnocchi estupendo,una pasta que yo tengo que practicar,muy linda preparación,abrazos.

    RispondiElimina
  9. un premio per me?? oh ma che tenerezza Kika! grazie! ora penso come ricambiare...baci! e...non sono ancora pronta per il topinambur..ancora "troppo esotico" per me...
    grazie ancora!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo